Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 02/02/2021 da Cinzia Testa

CNDDU: Proposte per il Programma del futuro Ministro dell´Istruzione

CNDDU:
Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in considerazione della spasmodica attesa relativa alla nomina del futuro Ministro dell’Istruzione, che vede un reiterato susseguirsi di figure appartenenti a schieramenti politici differenti, auspica che il prossimo inquilino di viale Trastevere sia selezionato in base alle idee progettuali, ai programmi, alla conoscenza reale del mondo scolastico piuttosto che in ordine a rapporti di equilibrismo tra le litigiose forze in campo.
Il nostro movimento ritiene doveroso che l’agenda del futuro ministro contenga alcune tematiche fondamentali per il buon funzionamento del settore, ed una più equa riorganizzazione della pubblica amministrazione:
1) Ridefinizione delle regole di mobilità per favorire la crescita professionale e il ricongiungimento al nucleo familiare di origine.
I contratti della mobilità futuri
a. dovrebbero prevedere la possibilità, oggi preclusa come ribadito dal MIUR nella nota 8212 del 13/03/2015, dal combinato disposto dei commi 47,95 e 101 della Legge 311/2004 e dalla legge 107/2015 comma 133, di consentire ai docenti, con i requisiti necessari, la mobilità intercompartimentale.
b. dovrebbero stabilire aliquote maggiori da destinare ai trasferimenti interprovinciali con la possibilità di agevolare il rientro dei docenti assunti con legge 107/2015.
2) Eliminazione delle classi pollaio, con le seguenti modalità:
a. in via ordinaria, stabilendo un tetto massimo per aula di 18 alunni (16 ove siano presenti alunni disabili). Attraverso un intervento normativo (decreto) atto a realizzare velocemente quanto contenuto nell’attuale disegno di legge n. 877 del 5 luglio 2018 riguardante il ridimensionamento del numero degli studenti per classe, si potrebbero eliminare gli effetti della legge 133/2008 soprattutto in funzione di un quadro epidemiologico tutt’altro che definito anche per gli anni a venire;
b. durante il periodo di crisi epidemica, fissando un tetto massimo pari al 50% dell’attuale numero di alunni, con conseguenziale rideterminazione del rapporto docente-alunni e nomina di nuovi docenti per coprire le esigenze di gestione.
3) Avvio sperimentale dell’introduzione della figura del Difensore scolastico. I docenti con background formativo in materie giuridiche ed economiche (classe di concorso A-46) possono assumere il ruolo di mediatore di conflitti nel settore scolastico per le sue molteplici funzioni (scuola-famiglia, docente-alunno, alunno-alunno, docente-scuola, etc.).
4) Promozione della materia alternativa “Diritti Umani”, in considerazione del fatto che ancor oggi, molti istituti tendono a soffocare il completo esercizio del diritto di scelta da parte di alunni e docenti. Occorre ricordare che anche in presenza di un unico alunno che abbia manifestato di non voler scegliere la religione cattolica, dovrebbe essere attivata la Materia Alternativa “Diritti Umani”, destinando l’insegnamento della stessa alla classe A046 con attribuzione di un’unità di potenziamento socioeconomico e per la legalità per la scuola secondaria di secondo grado e un’unità di potenziamento Umanistico Socio Economico e per la legalità per la scuola secondaria di primo grado.
5) Riformulazione della disciplina di Educazione civica, così come prevista dal D.M. 35 del 22 giugno 2020, con assegnazione dell’incarico di insegnamento, -per ogni ordine e grado - in via esclusiva ai docenti della classe di abilitazione A-46 Discipline giuridiche ed economiche ovvero ai docenti di potenziamento dell’area socioeconomica e per la legalità o, ancora, potenziamento umanistico socioeconomico e per la legalità.
6) Concorso stabilizzazione precari. Ci aspettiamo un potenziamento dell’organico ed un’immissione in ruolo dei precari storici (minimo 36 mesi di insegnamento) entro settembre 2021. Occorre velocizzare la procedura di immissione in ruolo e favorire una più efficace interrelazione tra mondo universitario e scolastico.
7) Ridefinizione dei criteri di accesso alla funzione di Dirigente Scolastico e indizione di concorso riservato. Per una profonda conoscenza delle dinamiche scolastiche il DS dovrebbe avere maturato nel proprio curriculum almeno cinque anni di docenza.
8) Riconoscimento della professione docente quale lavoro usurante e gravoso. Attualmente non previsto dalla normativa vigente, benché sia ormai fatto notorio riconosciuto anche dalla giurisprudenza (vedi sentenza del Consiglio di stato, Sez. VI Sent., 08/07/2010, n. 4448 su servizio docente prestato all’estero e sentenza del T.a.r. Lazio – Roma, sez. III bis, n. 12476/2007);
9) Aumento delle retribuzioni e dei bonus accessori per i docenti e per il personale ATA.
In particolare, occorre,
- da un lato, riconoscere l’indennità di rischio e operare un riallineamento con le retribuzioni europee con adeguamento della futura Legge di Bilancio (vedere sentenza del 25 ottobre 2018 della Corte di Giustizia Europea sulla causa C-331/17 Sciotto sul precariato);
- dall’altro, incrementare i bonus attualmente esistenti, riconoscendo allo status docente determinati privilegi sia in termini di accesso ai servizi pubblici (es. trasporto), sia in termini di utilizzo della carta docente ampliando il novero di beni acquistabili, snellendo le procedure atte al riconoscimento e all’uso dei bonus, riconducendo i vari vantaggi alla mera esibizione di un documento di identità ed alla presenza nel database nazionale ministeriale.
10) Sicurezza. È prioritario lo stanziamento di maggiori risorse economiche per la messa in sicurezza, degli edifici scolastici, garantendo ambienti di lavoro salubri. A titolo esemplificativo, occorrerà completare la ricognizione di tutti gli edifici, identificando le carenze e pianificando interventi di riadattamento e riammodernamento finalizzati a garantire la maggiore sicurezza possibile; istallare sistemi di aereazione che garantiscano un adeguato ricambio di aria; dotare il personale di dispositivi di protezione adeguati (esempio: mascherine ffp2); ridurre il rischio sismico. Il CNDDU rammenta che è, purtroppo, probabile che vi siano nuovi eventi sismici anche durante la pandemia. Il dato pubblicato dalla rivista L’Espresso (1 giugno 2017) sullo stato di salute degli istituti scolastici (studio anagrafe MIUR), evidenziava come 9 istituti su dieci non fossero antisismici; in sostanza si trovavano in tale situazione 44.486 scuole pubbliche su 50.804 censite; inoltre “8mila scuole si trovano in edifici costruiti almeno 50 anni fa, e 331 di queste risultano proprie nelle aree del paese in cui si prevede che ci saranno i sismi più devastanti”.

 

ALTRE NOTIZIE

Il direttore generale Areu, incontra il Presidente ANAS Lombardia e il Presidente della consulta Nazionale per definirà l´offerta formativa sanità 2024
In data odierna il Presidente ANAS Lombardia nella persona della Dott.ssa Anna Lo Bosco e il Presidente della consulta nazionale Giuseppe Coniglio, so...
Leggi tutto
A.N.A.S Nazionale e FITA Sicilia vi invitano all´evento conclusivo del progetto "Fuori dagli Schermi"
Giovedì 16 maggio presso i Teatro Savio di Palermo, a partire dalle ore 10:30,  si terrà l´evento conclusivo del progetto "Fuori d...
Leggi tutto
Cefra: la presidenza regionale Lombardia convoca le associate ANAS
Il presidente ANAS Regionale Lombardia ha convocato  per oggi alle ore 16:00 un´assemblea, alla quale parteciperanno tutte le associate, per pre...
Leggi tutto
Bagheria, Conferenza: Di “donne” e di “miti”. Una storia per immagini
Si terrà sabato 16 marzo 2024 alle ore 17,30 presso la Sede di BCsicilia – Dimora Storica Mineo – Cirrincione in Via Sant’Elia, 5 a Bagheria la...
Leggi tutto
Ecco “Pedagogia Interiore” il rivoluzionario metodo educativo per una scuola nuova, il nuovo libro della prof.ssa Mariangela di Pasquale
“Dicono che il primo amore non si scorda mai. Credo che sia così anche per un insegnante appassionato che conosce la sua prima classe. E&...
Leggi tutto
Parte da Napoli la prima data dello spettacolo “L’infinito dei campi di Grano” di Roberto Michelangelo Giordi, con la regia di Giancarlo Moretti
È edito da Mariù edizioni, il libro scritto da Roberto Michelangelo Giordi da cui è tratto lo spettacolo “L’infinito dei campi di grano”...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web