Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 18/12/2020 da Direttore

TRAPANI. ARRESTATO DA D.I.A. E CARABINIERI COSTA GIUSEPPE. DOPO AVER SCONTATO LA PENA PER IL SEQUESTRO DEL PICCOLO DI MATTEO, POI BARBARAMENTE UCCISO E SCIOLTO NELL’ACIDO

TRAPANI.
I Carabinieri del Comando Provinciale di Trapani e il personale della Direzione Investigativa Antimafia, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, hanno arrestato COSTA Giuseppe per associazione a delinquere di tipo mafioso in quanto appartenente a Cosa Nostra unitamente ad altre persone già condannate o sottoposte ad altri procedimenti penali tra cui Virga Francesco, Virga Pietro, Peralta Francesco, Buzzitta Antonino e Piccione Giuseppe (arrestati dai Carabinieri di Trapani con l’operazione “Scrigno” nel marzo del 2019).
Gli operanti, alle prime luci dell’alba, hanno perquisito anche l’abitazione del Costa, in località Purgatorio di Custonaci (TP), ove lo stesso aveva realizzato in muratura la “cella” dove era stato segregato il piccolo Giuseppe Di Matteo, (figlio del collaboratore di giustizia Mario Santo), poi barbaramente ucciso e sciolto nell’acido. Il Costa, come si legge nella sentenza definitiva di condanna, tutte le mattine si presentava puntuale nella casa-prigione, chiedendo ai carcerieri quali generi alimentari gradissero, provvedendo al loro acquisto. Fu testimone dell’arrivo del piccolo Di Matteo, che giunse a Purgatorio chiuso nel portabagagli e incappucciato. Il Costa, recluso per il suo ruolo in uno dei più efferati delitti della storia di Cosa Nostra, secondo la strategia decisa dai corleonesi e dallo stesso Matteo Messina Denaro, durante la lunga detenzione (dal 1997 al febbraio 2007) ha ricevuto il sostegno economico del sodalizio mafioso senza mai collaborare con gli inquirenti. Subito dopo la scarcerazione, ha rinsaldato le sue relazioni con i vertici dei mandamenti di Trapani e Mazara del Vallo per l’aggiudicazione di appalti, le speculazioni immobiliari, la risoluzione di dissidi tra privati, l’attività intimidatoria, il riparto di proventi di denaro ricavati da attività illecite.
Il COSTA ha anche partecipato alla mobilitazione mafiosa per le elezioni regionali dell’autunno del 2017, in quanto le famiglie mafiose di Trapani e Marsala si erano interessate al procacciamento di voti in particolare in favore della candidata, poi non eletta, Inferrera Ivana, arrestata con la menzionata Operazione “Scrigno”.
Le attività investigative hanno inoltre permesso di appurare che il COSTA aveva assunto il ruolo di controllore e tutore degli interessi di Cosa Nostra nella Calcestruzzi Barone s.r.l. di San Vito Lo Capo, risultata sotto l’influenza mafiosa delle famiglie VIRGA e MAZZARA, ditta cui era stato richiesto di fornire una parte dei proventi per l’organizzazione mafiosa (anche con effetto retroattivo relativo al ventennio di detenzione del COSTA).
Costa era attivo anche nelle operazioni di recupero crediti per conto dell’esponente mafioso trapanese Buzzitta Antonino

 

ALTRE NOTIZIE

Palermo, successo per la RestArt con quasi 19 mila visitatori e 30 siti aperti anche nelle ore serali
Successo per la seconda edizione di Restart Palermo, con quasi 19 mila presenze e un incremento di circa il 30% risp...
Leggi tutto
Nasce Sostenabitaly, la community che accompagna persone, imprese e organizzazioni verso la sostenibilità integrale
Un tour per lanciare il progetto.
I Two Twins viaggeranno per l’It...
Leggi tutto
Water Fire Triathlon Etna: Luca Mancuso un uomo solo al comando
Vale la pena di scomodare Paolo Alberati per raccontare l’impresa unica al mondo di Luca Mancuso, 45 anni, agente di...
Leggi tutto
Visita della dott.ssa Catenazzo, dirigente dell’USP Trapani, ai reparti di pediatria del Sant’Antonio Abate
La Dirigente dell´ambito territoriale di Trapani si è recata nei reparti di pediatria e chirurgia pediatrica ...
Leggi tutto
L´Ordine Costantiniano di San Giorgio, dona 3.600 kg di fieno agli allevatori dei Nebrodi
L´Ordine Costantiniano di San Giorgio non è rimasto indifferente alle notevoli perdite subite dagli allevator...
Leggi tutto
La Regione Siciliana punta sulla digitalizzazione degli Enti Locali

Prosegue in Sicilia l’attività ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web