Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 17/12/2020 da Cinzia Testa

Sanità, Di Marco: Regione Sicilia sia modello nazionale per la lotta al virus

Sanità,
Pazienti con comportamenti a rischio legati all´uso pregresso o attuale di sostanze e detenuti: e´ su queste due categorie che bisogna indagare per riuscire ad eradicare definitivamente dal nostro Paese l´epatite C. Numerose evidenze scientifiche dimostrano infatti come in queste due ´popolazioni chiave´ la prevalenza del virus sia piu´ alta rispetto ad altre. Per questo utenti dei Servizi per le Dipendenze (Ser.D.) e carcerati devono essere sottoposti per primi ad uno screening diffuso, perche´ sono i principali soggetti che possono ancora facilmente trasmettere l´infezione. Ma per pianificare un efficace programma di eradicazione del virus da HCV, oltre ad un ´gioco di rete´ che coinvolga Ser.D. e centri specialistici, sono necessarie soprattutto tre azioni: conoscere l´epidemiologia, attraverso indagini conoscitive sulla prevalenza dei pazienti; applicare correttamente i test diagnostici, grazie ad un processo di condivisione tra specialisti; gestire la terapia con regimi appropriati, valutando gli esiti virologici e i benefici sia individuali sia collettivi della cura.

Parte da queste basi Rete HCV Sicilia che, nata nel 2015, ad oggi puo´ contare su un network composto da 41 centri clinici e 101 medici specialisti (tra gastroenterologi, epatologi, infettivologi e medici di medicina interna). Grazie a questa Rete negli ultimi due anni in Sicilia e´ stato possibile eliminare l´epatite C nel 97,5% dei pazienti trattati. Ma ora il network siciliano guarda al futuro e punta ad un nuovo e ambizioso obiettivo: contrastare la diffusione del virus tra le persone che hanno fatto uso di droghe per via endovenosa (PWID, People who inject drugs) e tra i detenuti, attraverso diagnosi veloci e terapie snelle. Il progetto e´ stato illustrato oggi nel corso della web conference dal titolo ´Eliminazione dell´infezione da epatite C nei Ser.D. e nelle carceri: il progetto della Rete HCV Sicilia´, organizzata e promossa dal provider Letscom E3 nell´ambito di ´HAND - Hepatitis in Addiction Network Delivery´, il primo progetto pilota di networking a livello nazionale patrocinato da quattro societa´ scientifiche (SIMIT, FeDerSerD, SIPaD e SITD), che coinvolge i Servizi per le Dipendenze e i relativi Centri di cura per l´HCV afferenti a diverse citta´ italiane. L´evento ha avuto il patrocinio della Rete HCV Sicilia.


"Un´indagine epidemiologica che abbiamo condotto sulla prevalenza dei pazienti con epatite/cirrosi da HCV delle varie provincie della Sicilia, in collaborazione con gruppo di medici di medicina generale- ha spiegato Vito Di Marco, responsabile scientifico della Rete HCV Sicilia e professore di Gastroenterologia dell´Universita´ di Palermo- ha indicato che circa l´1% dei cittadini siciliani ha una malattia cronica di fegato da HCV e ha confermato che oltre il 50% di questi pazienti ha un´eta´ superiore a 60 anni. La prevalenza dei pazienti con epatite cronica da HCV varia nelle provincie della Sicilia da 0.5% a 1.5%. Solo tra le persone con eta´ superiore a 60 anni e´ probabile che vi sia una prevalenza della malattia superiore al 2%". Alla luce di queste osservazioni e´ dunque possibile ritenere che in Sicilia siano presenti "tra 30mila e 50mila persone con una malattia cronica di fegato da HCV- ha proseguito Di Marco- e se facciamo un rapporto tra la popolazione per fasce di eta´, e´ presumibile che in Sicilia ci siano circa 30mila persone con infezione da HCV tra 1.300.000 cittadini che hanno un´eta´ superiore a 60 anni e circa 15mila persone con infezione da HCV tra i 3.500.000 cittadini con eta´ tra 18 e 60 anni".
In Italia l´infezione da HCV si e´ molto diffusa nel periodo tra il 1930 e il 1970, quando le principali modalita´ di trasmissione erano le trasfusioni di sangue o altre procedure che permettevano la trasmissione parenterale del virus. Successivamente, negli anni 1980-2000, la principale modalita´ di trasmissione di HCV e´ stata la tossicodipendenza per via venosa. "Pertanto e´ possibile individuare due coorti di pazienti con infezione da HCV- ha spiegato Di Marco- la prima e´ formata da persone nate tra il 1930 e il 1960, che attualmente hanno un´eta´ superiore a 60 anni, mentre la seconda e´ formata da persone nate tra gli anni 60 e 90". Sulla base dei dati epidemiologici, intanto, in Sicilia e´ stato attuato un programma di ´linkage to care´ dei pazienti con epatite cronica da HCV: "Circa 2/3 dei pazienti con malattia cronica da HCV hanno un´eta´ maggiore di 60 anni, sono conosciuti dai medici di medicina generale- ha sottolineato Di Marco- e devono essere avviati alla terapia attraverso il canale di collaborazione tra il territorio e i centri specialistici. È necessario poi organizzare altre modalita´ di accesso alla terapia antivirale per i pazienti che fanno parte della ´coorte anziana´, attraverso la collaborazione con le strutture sanitarie periferiche (farmacie, Croce Rossa e organizzazioni di volontariato)".
Quanto ai pazienti della ´coorte giovane, la maggior parte ha avuto nel passato comportamenti a rischio e quindi e´ necessario "progettare degli interventi nelle strutture sanitarie dove questi pazienti sono ancora seguiti per le malattie correlate ai comportamenti a rischio", ha proseguito ancora Di Marco. Ma l´obiettivo della Rete HCV Sicilia e´ anche quello di attuare, in collaborazione con i direttori delle carceri, i medici e gli infermieri, un progetto che prevede lo screening, la diagnosi e il trattamento dei detenuti direttamente dentro i 23 istituti istituti penitenziari della regione, che ospitano oltre 6mila detenuti. L´analisi delle patologie infettive piu´ frequentemente segnalate negli istituti di pena indica infatti che l´infezione da HCV ha la maggiore: i dati epidemiologici piu´ recenti in Italia descrivono una prevalenza dell´infezione da HCV tra il 5% e il 10% dei detenuti. "Uno studio eseguito nei due carceri di Milano (Opera e San Vittore) nel 2018 e coordinato da Roberto Ranieri- ha raccontato il responsabile scientifico della Rete HCV Sicilia- riporta una prevalenza del 9.2% su 2.300 detenuti esaminati, mentre tra i 1.100 detenuti del carcere Lorusso-Pagliarelli di Palermo, esaminati in uno studio del 2019 da me coordinato, la prevalenza era del 5.4%. La prevalenza dell´infezione e´ superiore al 25% nei detenuti che hanno una storia di tossicodipendenza e praticano la terapia sostitutiva con metadone o farmaci simili".
In conclusione, l´infezione da HCV e le malattie epatiche correlate sono diventate un problema di sanita´ pubblica da affrontare e risolvere con un progetto di collaborazione ampia e multidisciplinare. In tale contesto la Regione Sicilia, che si e´ dotata di una efficiente e consolidata Rete per la diagnosi e la cura dell´epatite cronica da HCV, puo´ essere un modello trainante e replicabile su tutto il territorio nazionale. "In Sicilia sono attivi 51 Ser.D. distribuiti in tutte le ASP provinciali- ha ricordato Di Marco- e quindi in grado di attuare un progetto di screening, linkage to care e gestione della terapia dei tossicodipendenti in trattamento sostitutivo e delle altre persone che hanno dipendenze patologiche. Nello stesso tempo nelle 9 ASP provinciali della Sicilia sono presenti 32 centri della Rete HCV abilitati alla prescrizione della terapia per l´epatite C. La collaborazione tra le due reti assistenziali e´ naturale e deve essere attiva". È dunque questa, secondo gli esperti, la strada giusta da intraprendere per raggiungere l´obiettivo di eliminare definitivamente in Italia il virus dell´epatite C entro il 2030, cosi´ come indicato dall´Organizzazione mondiale della Sanita´, puntando ad una maggiore ´emersione del sommerso´: "Secondo le ultime stime nel nostro Paese circa 280mila persone non sanno ancora di avere una malattia cronica di fegato da HCV. Molte non conoscono poi la disponibilita´ di terapie efficaci o non hanno la possibilita´ di accedere ai centri specialistici che erogano la terapia antivirale".
A livello nazionale, infine, la recente pubblicazione del decreto del ministro della Salute, che garantisce uno screening gratuito dell´infezione da HCV ai cittadini nati dal 1969 al 1989 alle persone seguite dai Ser.D. e ai detenuti in carcere, secondo la Rete HCV Sicilia "facilita il progetto di eliminazione del virus e incoraggia le autorita´ sanitarie regionali, i dirigenti dei servizi territoriali, i responsabili della sanita´ carceraria, le organizzazioni scientifiche, le associazioni di volontariato e tutti i medici specialisti che si occupano della diagnosi e cura dell´infezione da HCV a ´fare squadra´ per raggiungere gli obiettivi proposti". E se la pandemia da SARS-CoV-2 sta mettendo "a rischio" gli sforzi compiuti in questi anni dal mondo della ricerca e da tutti i professionisti sanitari, che "a diverso titolo" collaborano in network per sconfiggere l´epatite C, ora e´ necessario "mantenere alta la guardia per garantire la continuita´ assistenziale e la cura da parte di tutte ´le forze in campo´", ha concluso Di Marco.

 

ALTRE NOTIZIE

Palermo, successo per la RestArt con quasi 19 mila visitatori e 30 siti aperti anche nelle ore serali
Successo per la seconda edizione di Restart Palermo, con quasi 19 mila presenze e un incremento di circa il 30% risp...
Leggi tutto
Nasce Sostenabitaly, la community che accompagna persone, imprese e organizzazioni verso la sostenibilità integrale
Un tour per lanciare il progetto.
I Two Twins viaggeranno per l’It...
Leggi tutto
Water Fire Triathlon Etna: Luca Mancuso un uomo solo al comando
Vale la pena di scomodare Paolo Alberati per raccontare l’impresa unica al mondo di Luca Mancuso, 45 anni, agente di...
Leggi tutto
Visita della dott.ssa Catenazzo, dirigente dell’USP Trapani, ai reparti di pediatria del Sant’Antonio Abate
La Dirigente dell´ambito territoriale di Trapani si è recata nei reparti di pediatria e chirurgia pediatrica ...
Leggi tutto
L´Ordine Costantiniano di San Giorgio, dona 3.600 kg di fieno agli allevatori dei Nebrodi
L´Ordine Costantiniano di San Giorgio non è rimasto indifferente alle notevoli perdite subite dagli allevator...
Leggi tutto
La Regione Siciliana punta sulla digitalizzazione degli Enti Locali

Prosegue in Sicilia l’attività ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web