Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 11/12/2020 da Direttore

Intervista a Sabrina Argiolas: Minacciati perche rispettosi della legge e senza diritti

Intervista
Da giorno 1 dicembre, per la prima volta in Italia due giudici onorari, Sabrina Argiolas e Vincenza Gagliardotto, hanno deciso di iniziare uno sciopero della fame ad oltranza per contestare le condizioni precarie di lavoro degli oltre 5 mila togati onorari italiani, pagati a cottimo, senza alcun contributo previdenziale e senza neanche la possibilità di ammalarsi. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la mancanza di tutele in piena emergenza pandemica: magistrati onorari ammalatisi di Covid e finiti in terapia intensiva hanno dovuto lasciare le famiglie prive di qualsiasi ristoro  con la beffa che a loro non sarebbe spettata nessuna tutela per malattia.   Proprio per tutelare se stessi e i propri cari hanno deciso di sospendersi  sperando che il governo provveda in emergenza a riconoscere le tutele per poter continuare a lavorare con maggiori garanzie.  Abbiamo intervistato Sabrina Argiolas, che da anni insieme ai colleghi lotta per il riconoscimento dei diritti della sua categoria.

Dottoressa, come procede la  vostra protesta?  

Ogni giorno è più duro, ma la situazione non è cambiata, per cui non ci sono motivi per desistere dal continuarla. Ad aggiungersi allo sciopero della fame, iniziato da me e dalla dottoressa Gagliardotto è stata la collega Giulia Bentley, vice procuratore onorario della Procura della Repubblica di Palermo e poi sappiamo che anche un giudice onorario del tribunale di Parma, Livio Cancellieri, ha iniziato da lunedì anche lui lo sciopero della fame, oltre ad essersi anche lui auto sospeso

In più quasi tutti i  viceprocuratori onorari sono in autosospensione, mentre dei giudici onorari se ne contano due terzi.

Sabato si è tenuto  a Palermo un flash mob dei magistrati onorari volto ad appoggiare la vostra protesta. Ce ne vuole parlare?

Il flash mob tenutosi in contemporanea con i vice procuratori di Milano ha riscosso il massimo successo, è stato apprezzato da tutti, anche dai privati cittadini che passavano e si informavano di questa situazione per loro sconosciuta sino a quel momento. Il titolo dell´evento, "Il pane e le rose", è di forte potenza evocativa: rifacendosi  a un’antica manifestazione risalente al 1912 da parte delle operaie di un’industria tessile che chiedevano oltre al salario minimo garantito  anche delle condizioni che permettessero di avere una vita degna, cioè non solo il tozzo di pane, ma anche delle garanzie per vivere serenamente, come una tutela per le malattie, per la gravidanza, tutte le tutele giuslavoriste. "Il pane e le rose" è perché non ci può essere solo il salario minimo, ma anche quel contorno che rende la vita degna di essere considerata vita umana e non da schiavi.

Avete idea di quanto continuerà questa protesta?

Noi non vorremmo continuarla, vorremmo che non ci fosse ragione per continuarla. Non le so dire quando, sino a che punto la disperazione ci possa portare. Perché non avere risposte da parte delle Istituzioni è davvero amareggiante, ancora di più se si arriva ad essere minacciati di rappresaglie.

È successo anche questo quindi?

Sta succedendo. Perché come tutti i Caporalati di Stato, si  utilizzano i metodi peggiori per riportare la manovalanza con la testa china sui campi. La Commissione Garanzia ci ha mandato una delibera che attesta che abbiamo violato il Codice di autoregolamentazione che prevede un termine massimo di astensione di 5 giorni.Non si tiene, però conto che noi non stiamo facendo un’astensione, ma siamo in auto sospensione giustificata e motivata dalla tutela della nostra salute, dal momento che siamo ancora in emergenza pandemica e continuiamo a lavorare privi di ogni tutela per malattia. Quindi ci si sta facendo un’intimidazione, minacciandoci oltre che con le sanzioni economiche, con ulteriori sanzioni, cioè la revoca, che verra´ richiesta ai consigli giudiziari per costringerci, per portarci in catene nei campi di lavoro.

La vostra risposta è regolamentata: dunque, potete difendervi?

Noi abbiamo mandato una dichiarazione di auto sospensione non presentata da associazioni, ma da noi singoli, come previsto nella riforma Orlando all’art.21, secondo cui: “I singoli possono auto sospendersi”. Però evidentemente non ci vogliono più neanche riconoscere questo. Ci vogliono intimidire, questa è una forma  di intimidazione per far sì che le persone più fragili ritornino sui loro passi e continuino a tenere la testa china.

Che scenari si prefigura?

 

ALTRE NOTIZIE

TRAPANI. I CARABINIERI ARRESTANO UN 42ENNE: SONO EMERSI GRAVI INDIZI DI COLPEVOLEZZA DEL REATO DI MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA
I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno arrestato un 42enne ericino, già gravato da precedenti, in applicazione di un provvedimento restr...
Leggi tutto
Catania, Rappresentazioni classiche, Preistoria nel territorio catanese e presentazione del libro “Agata rubata” le prossime iniziative di BCsicilia
Nell´ambito del "Progetto conoscenza" la Sede di Catania di BCsicilia presenta le prossime iniziative per i mesi di maggio giugno 2022. Il progr...
Leggi tutto
UIL Pubblica Amministrazione Palermo e Sicilia: Alfonso Ferruggia riconfermato segretario generale
Alfonso Farruggia è stato riconfermato segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Palermo e della Sicilia. Rieletto all´un...
Leggi tutto
Autismo:Interpares, conferenza stampa il prossimo giovedì 26 maggio alle 10 a Messina della coop. Audacia, partner del progetto, e dell´Irib Cnr per illustrare le iniziative nel primo laboratorio creativo
"Il progetto di ricerca Interpares, conosciuto già in ambito nazionale per le innovazioni proposte per i giovani con sindrome autistica e per l...
Leggi tutto
Vita: Comune, Badia Grande e Reciclo avviano "Green Project"
Operativo da alcune settimane sul territorio comunale di Vita il progetto "Green Project", frutto dell´accordo di collaborazione tra Comune di V...
Leggi tutto
Al via la prima edizione di Alcamo Book Festival
Alcamo Book Festival, alla sua prima edizione, si svolgerà nei giorni dal 26 al 29 Maggio 2022, e si articolerà all’interno degli spazi ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web