Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Un caffè con... il 02/12/2020 da Cinzia Testa

Un’analisi sul mondo della scuola pre e post DaD

La didattica a distanza si è inserita giorno dopo giorno nella quotidianità di questo 2020 portando con sé pareri discordanti. Abbiamo intervistato un docente con esperienza pluriennale, il prof. Barbaro, insegnante di Lettere, per capire i suoi pensieri a riguardo e per chiedergli un´analisi della scuola pre e post DaD



Professor Barbaro, vuole analizzare con noi i pro e i contro della didattica a distanza? Qual è la sua opinione?

Partiamo dal presupposto che la didattica dovrebbe essere in presenza perché così è nata e così permette un confronto faccia a faccia con l´alunno, ma non per questo si deve immaginare la didattica a distanza come uno strumento distruttivo o deleterio. Chi parla di disastro o di danni irreparabili probabilmente parla senza cognizione di causa. Per i più piccoli sicuramente è una situazione delicata, innegabile, ma per quanto concerne i liceali non trovo la DaD così problematica come la si racconta. Io ho fatto una piccola indagine tra i miei allievi e posso dire di non averli trovati affatto distrutti o alienati. Molti addirittura dicono di preferirla, per esempio per la flessibilità di orario delle lezioni o per il fatto che si tagliano i tempi impiegati per raggiungere la scuola che, come dire, sono un po´ una perdita di tempo per loro. Per quanto concerne la socializzazione, altro aspetto molto dibattuto, beh, io credo che, in primis, a scuola si dovrebbe andare per imparare e non per giocare, ridere o ballare. E poi non dimentichiamo la necessità di mettere al primo posto la sicurezza in un momento emergenziale come questo. Nello spazio di una classe, oggi come oggi, in qualsiasi ufficio pubblico non fanno entrare più di due persone mentre da noi ne fanno entrare 21. Mi spiega lei dov’è la sicurezza? Č chiaro che non c’è. Allora diciamocelo chiaro, cos´è meglio, venire a scuola in questa situazione di incertezza o adeguarsi alla DaD evitando di ricamare sui possibili traumi che può comportare? Ribadisco che la didattica in presenza è tutta un´altra cosa, perché è ovvio che si può osservare con il linguaggio del corpo, uno scambio più attivo, ma fare didattica a distanza non vuol dire per forza creare problemi e disagi.



Non è che con la DaD si corre il rischio che i ragazzi si cullino studiando meno?

Guardi, io insegno da moltissimi anni e glielo posso garantire: chi non fa niente in classe non fa niente a casa. Ci sarà sempre l´alunno che tenderà a estraniarsi nonostante si faccia tutto il necessario per coinvolgerlo. Sebbene le teorie dicano tutt’altro, teorizzando un successo del 100%, solo chi vive la classe ne conosce il funzionamento. Insegnando al serale ho a che fare con molti adulti e abbiamo notevoli, come dire, difficoltà perché noi ci dobbiamo comunque relazionare con persone grandi che hanno una loro vita: le garantisco che ci sono quelli che non vogliono "sapere" ma è una è minima percentuale; se realmente lo si vuole ci si impegna a scuola ed anche da casa.

Però c´è gente che ha problemi oggettivi di connessione

Sì, questa è assolutamente una problematica, ma attenzione, non è un limite della DaD, ma dello Stato che non ha saputo provvedere ai bisogni dei suoi cittadini e non ha fornito gli strumenti per poter fare la didattica a distanza come si deve. Volendo dar per buono il primo momento in cui siamo stati colti tutti alla sprovvista, resta comunque il fatto che nei mesi successivi, anziché correre ai ripari si è data precedenza al bonus monopattino o ai banchi a rotelle, che non sta usando nessuno e che non servono a niente. Non sarebbe forse stato meglio fornire dei computer da dare in comodato agli alunni e fronteggiare le esigenze di noi insegnanti, che facciamo tutto a spese nostre e con i nostri mezzi?

E’ vero che con la Dad i professori lavorano di più?

Sì, assolutamente. Io accendo il pc alle 8 del mattino e lo spengo la sera dopo le lezioni. Eccetto l’intervallo per mangiare dedico le mie giornate interamente alla scuola, tra preparazioni delle lezioni apposite per la DaD, consigli di classe, riunioni dell’ultimo minuto a cui bisogna partecipare per forza di cose. Un lavoro veramente interminabile.

Non trova che la DaD sia particolarmente difficile per le vecchie generazioni di professori, che hanno dovuto tuffarsi nel mondo della tecnologia, trovandosi immersi in universi come classroom, google meet, etc.?

Concordo assolutamente con lei, ma come al solito le dico che la colpa è di chi avrebbe dovuto formare, al momento opportuno gli insegnanti con dei corsi seri. Io ho 64 anni e col computer ho sempre smanettato, per cui non ho avuto grossi problemi ad adeguarmi a queste novità, ma non posso dire lo stesso dei miei colleghi, che molto spesso mi chiamano per spiegazioni e chiarimenti. Io metto il mio sapere a disposizione con piacere, ma tutto ciò dovrebbe essere compito del datore di lavoro.

La ragione per cui il sistema scolastico italiano è in crisi? Parlo di cattedre vuote, precari storici che desiderano stabilità, etc…

Beh, invece di fare la cosa più logica, cioè quella di passare di ruolo la gente con anni di esperienza, si porta avanti l’idea di fare dei concorsi micidiali, equiparabili ad un terno al lotto. Io sono passato di ruolo al terzo concorso e ricordo perfettamente l’assurdità di certe prove, per non parlare del fatto che dopo anni di esperienza sulle spalle sono stato esaminato da gente con la metà dei miei anni e la metà della mia esperienza, perchè quando ti chiedono di fare un Uda in 15 minuti è evidente che questa gente in classe non è mai entrata. Per fare un Uda occorrono ore, eppure se non riesci nel tempo stabilito devi essere scartato e avanti il prossimo, una vera lotteria. Un altro spunto di riflessione è quello del rapporto tra competenze e conoscenze. Forse si parla troppo delle prime a discapito delle seconde. A mio avviso sarebbe utile riflessione su questo argomento.

 

ALTRE NOTIZIE

Visita ai Castelli delle Madonie promossa da BCsicilia e Università Popolare
Promossa da BCsicilia e dall’Università Popolare Termini Imerese, nell’ambito del Corso di Archeologia Medievale si terrà domenica 5 feb...
Leggi tutto
Radio Empire, un’emittente in grande salute, vera e propria risorsa di un intero territorio, oggi la più seguita a Taormina e nell’intero comprensorio jonico.
In programma un nuovo corso per addetti all’uso della motosega e del decespugliatore organizzato da ANAS Collesano
Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2023 al corso per addetto all’uso della motosega e del decespugliatore. Il corso, riconosciuto ai sensi degli Art...
Leggi tutto
Vujadin Boškov e il Potere: “Rigore è quando arbitro fischia”.
Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web