Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 23/09/2020 da Rossana Battaglia

Nota su disabilità e nuovo modello PEI sostegno

Nota
Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani accoglie con favore l’intento del Ministero di uniformare a livello nazionale la struttura del PEI per gli studenti con disabilità, diversificandolo solo per i vari gradi di istruzione
Ricordiamo infatti le non poche difficoltà che le scuole e i docenti di sostegno riscontravano e riscontrano tuttora nell’interpretare i vari modelli usati. 
Negli anni passati un lavoro simile è stato fatto da alcuni uffici scolastici regionali e provinciali, che in via sperimentale, proponevano nei propri territori un PEI comune per i vari gradi di istruzione al quale facoltativamente le scuole potevano aderire.
Un altro aspetto molto interessante è il nuovo approccio di osservazione degli studenti secondo il paradigma bio-psico-sociale proposto dall’ICF e reso obbligatorio dal D. Lgs 66/2017. L’ICF è il sistema di classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute, elaborato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per descrivere e valutare la salute e la disabilità della popolazione. Il paradigma bio-psico-sociale consente di abbandonare la vecchia impostazione di studio che classificava lo studente, diversamente abile, in base alla propria patologia e di analizzare la persona nella sua interezza: la salute, la partecipazione sociale e la sua interazione con i fattori ambientali. 
Tuttavia, avendo analizzato le bozze del decreto e dei PEI proposte da alcune testate giornalistiche, abbiamo colto alcune criticità che auspichiamo vengano risolte nella versione definitiva. 
La prima perplessità che abbiamo avuto riguarda la tempistica entro la quale deve essere fatta l’osservazione con la conseguente redazione del documento; infatti trovandoci sempre in una situazione emergenziale dovuta alla pandemia COVID 19, ci chiediamo se sia l’anno giusto per introdurre un nuovo strumento di lavoro al quale concorrono molteplici soggetti, quando talvolta non è possibile effettuare un’osservazione adeguata perché alcune classi si trovano ad operare mediante la didattica a distanza. 
Al riguardo si propone un’ulteriore riflessione rispetto alla data di presentazione del PEI, visto che gran parte dei docenti di sostegno sono precari e che difficilmente ottengono l’incarico all’inizio dell’anno scolastico; ci sembra più appropriato posticipare la scadenza al 30 novembre per ottenere un’osservazione più attenta del caso concreto. La data precedentemente proposta ci assicurerebbe una più accurata analisi anche nel caso in cui lo studente cambiasse scuola o grado di istruzione poiché i nuovi docenti potrebbero avere un periodo più ampio di osservazione per una redazione più accurata del documento. 
La seconda criticità, a nostro parere, riguarda il punto 1 dell’art. 8, che definisce le attività di osservazione sistematica e di progettazione degli interventi di sostegno didattico, in quanto dovrebbero essere specificati gli ambiti di osservazione e gli strumenti da utilizzare al fine di ottenere parametri omogenei e chiari in base alla classificazione stabilita dall’ICF.
Un ulteriore dubbio si palesa quando vengono accorpate le dimensioni dell’autonomia e dell’orientamento, che dovrebbero invece essere ben distinte perché valutabili diversamente. 
Inoltre al punto 3 dell’art. 8, sarebbe opportuno apportare alcune correzioni lessicali: al punto a) la dicitura obiettivi ed esiti attesi, sono la medesima cosa, mentre nel punto b) è opportuno parlare di metodologie. 
Abbiamo anche notato che non ci sono riferimenti alle prove invalsi e agli esami conclusivi dei vari gradi di studio. 
Alcune migliorie dovrebbero essere introdotte anche alla sezione del PEI dedicato alla didattica: “Progettazione disciplinare”, in quanto ci sembra molto limitato lo spazio per indicare i contenuti minimi delle varie discipline o la personalizzazione degli argomenti e i relativi criteri di valutazione. 
Infine abbiamo notato una non precisa indicazione per quanto riguarda la sezione delle valutazioni finali.
Come Coordinamento Nazionale Docenti dei Diritti Umani chiediamo pertanto, alla luce delle nostre osservazioni, la proroga al prossimo anno scolastico per l’adozione del nuovo PEI, una revisione complessiva delle bozze del decreto e dei PEI, e la creazione di una guida digitale di supporto al GLO dove poter trovare esempi e casi concreti così da non lasciare ambiguità e discrezionalità nella compilazione. 
A tal proposito, segnaliamo la nostra disponibilità per una collaborazione costruttiva ai fini di una più efficace riformulazione dello strumento

 

ALTRE NOTIZIE

Ficarra, nasce la Sezione di BCsicilia
Nasce a Ficarra la Sezione di BCsicilia, l’Associazione a carattere regionale che si occupa di salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali e ambi...
Leggi tutto
Visita ai Castelli delle Madonie promossa da BCsicilia e Università Popolare
Promossa da BCsicilia e dall’Università Popolare Termini Imerese, nell’ambito del Corso di Archeologia Medievale si terrà domenica 5 feb...
Leggi tutto
Radio Empire, un’emittente in grande salute, vera e propria risorsa di un intero territorio, oggi la più seguita a Taormina e nell’intero comprensorio jonico.
In programma un nuovo corso per addetti all’uso della motosega e del decespugliatore organizzato da ANAS Collesano
Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2023 al corso per addetto all’uso della motosega e del decespugliatore. Il corso, riconosciuto ai sensi degli Art...
Leggi tutto
Vujadin Boškov e il Potere: “Rigore è quando arbitro fischia”.
Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web