Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 31/07/2020 da Rossana Battaglia

Scuola: Rizza (Flc Cgil Sicilia), Sicilia messa peggio, servono mezzo milione di banchi monoposto

Scuola:
Palermo, 31 luglio 2020 – “Non c’è dubbio che la Sicilia sia messa peggio di molte altre regioni: mancano gli spazi necessari per lo sdoppiamento delle classi, necessario per rispettare le distanze di sicurezza; di conseguenza il personale docente ed Ata; ma soprattutto servono mezzo milione circa di banchi monoposto”. Lo dice il segretario regionale della Flc Cgil Sicilia, Adriano Rizza.
Tralasciando ogni commento sui banchi unici tecnologici banco-sedia con le rotelle – aggiunge – di cui al momento la scuola italiana può fare assolutamente a meno, sarebbe opportuno concentrarsi soprattutto sull’esigenza di fornire alle scuole i tradizionali banchi monoposto in sostituzione di tutti quei banchi biposto, che risalgono al periodo della scuola raccontata da Edmondo De Amicis nel romanzo per ragazzi ‘Cuore’. Non è un’esagerazione perché molti di questi hanno ancora il foro per il calamaio, banchi che nella nostra regione rappresentano circa l’80% di quelli in possesso delle scuole”.
In queste condizioni e visto il poco tempo a disposizione – continua Rizza – ci pare alquanto difficile che la procedura per l’acquisto di 2.5 milioni di banchi avviata dal commissario Arcuri possa andare in porto entro il 14 settembre prossimo, termine fissato dal Miur per l’avvio dell’anno scolastico. Fa rabbia pensare che ci sia voluto così tanto tempo perché il governo si ponesse il problema di come far ripartire il prossimo anno scolastico. Ricordiamo infatti che le attività scolastiche sono state sospese nei primi giorni di marzo. Da allora sono trascorsi quasi 5 mesi e sicuramente si poteva intervenire prima per affrontare una situazione estremamente prevedibile”.
La pandemia – prosegue – ha fatto emergere tutte le criticità di cui soffre il sistema scolastico italiano. Conseguenze delle scelte politiche scellerate operate dalla riforma Moratti ai tagli disposti da Gelmini e Tremonti, fino alla riforma varata dal governo Renzi. In questi ultimi anni ben 135.000 posti tra docenti e Ata sono stati tagliati”.
Bisogna cambiare strategia – conclude Rizza - occorre un vero piano di rilancio per riportare il sistema pubblico dell’istruzione nazionale in linea con la media dei grandi Paese Europei, partendo dal rilancio del Meridione dal quale dipende lo sviluppo dell’intero Paese”

 

ALTRE NOTIZIE

CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto
Raccolta di beneficenza per le famiglie bisognose organizzata da A.N.A.S
Sabato 28 Gennaio si terrà presso dei terreni siti a Villagrazia di Palermo, esattamente in Via Starrabba, un evento benefico dedicato alla r...
Leggi tutto
Al via alla formazione generale per i volontari del Servizio Civile Universale presso le sedi A.N.A.S.
Il 19 gennaio ha avuto inizio il percorso formativo generale per i volontari vincitori del Servizio Civile in Digital Generation ed Educare Digitale. ...
Leggi tutto
La guerra ai…”castelli di sabbia".
Abuso d’ufficio? A pensar male…
Questomondodimax e degli inseparabili Ciuk, Ciarlino Gustavo e Dari:
La satira è sempre stata segno di ironia e di libertà sia per l’autore che per la società. Le vignette non solo sono satira ma so...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web