Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 16/01/2020 da Cinzia Testa

Rete autostradale siciliana: il SINALP denuncia la distruzione della Sicilia

Rete
Nel 2020 si è forse completata la vergogna delle infrastrutture della Regione Siciliana. Vero è che al peggio non c’è mai fine ma i cittadini siciliani si augurano che questa vergona sia veramente l’ultima. Giorni fa è stato dichiarato il viadotto Cannatello pericolante e non è che l’ultimo sassolino di una valanga che corre verso la totale distruzione del sistema viario siciliano.
Come la campata del viadotto di Scillato anche del viadotto Cannatello si sapeva che era a rischio crollo da almeno 20 anni. Chiunque abbia transitato su quel ponte ha sempre notato le impalcature in ferro attorno ai pilastri del viadotto come puerile tentativo per risolvere il problema. Il risultato è che dopo 20 anni i siciliani si ritrovano con la chiusura al traffico pesante del ponte come ultima soluzione al problema.
I siciliani si chiedono cosa passa per la mente ai Governatori che si sono succeduti in tutti questi anni al comando della Regione senza che nessuno di loro abbia sbattuto i pugni sul tavolo pretendendo, per i suoi cittadini, strade ed autostrade sicure, funzionali e in perfetta efficienza. Ma i nostri rappresentanti politici si rendono conto che il sistema viario siciliano da anni sta cadendo a pezzi a causa della mancanza di una vera programmazione di interventi manutentivi?
Oggi si è raggiunto l’apice dell’inefficienza spaccando nuovamente in due la Regione Siciliana. Nel 2020 la Sicilia, la regione più estesa dell’intera italia, è collegata da est ad ovest solo da una strada che i nostri amministratori si ostinano a chiamare autostrada.
I Siciliani sono stufi di subire questa eclatante inefficienza di chi è pagato invece per risolvere i problemi che attanagliano l’isola. Non è più accettabile che le imprese siciliane pur producendo manufatti e prodotti alimentari di altissimo livello non riescono ad essere competitive rispetto alle altre aziende italiane e straniere a causa anche per la difficoltà di trasporto delle merci.
Dopo più di 5 anni dalla caduta del viadotto di Scillato ancora non si vede nessun risultato e parliamo di un “ponticello” di appena 270 metri di lunghezza.
Di contro assistiamo che a Genova in appena un solo anno lo Stato italiano ha abbattuto quel che restava del ponte Morandi lungo 1.270 metri, ha eliminato i detriti, ha abbattuto gli edifici troppo vicini al ponte, evacuato i loro abitanti, ed ha già ricostruito il nuovo ponte dichiarando che tra marzo e maggio 2020 su di esso trasiterà la prima auto.
Delle due una, o sono troppo bravi i genovesi o siamo troppo “scarsi” noi siciliani.
La Direzione Regionale Sinalp Sicilia

 

ALTRE NOTIZIE

Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto
Raccolta di beneficenza per le famiglie bisognose organizzata da A.N.A.S
Sabato 28 Gennaio si terrà presso dei terreni siti a Villagrazia di Palermo, esattamente in Via Starrabba, un evento benefico dedicato alla r...
Leggi tutto
Al via alla formazione generale per i volontari del Servizio Civile Universale presso le sedi A.N.A.S.
Il 19 gennaio ha avuto inizio il percorso formativo generale per i volontari vincitori del Servizio Civile in Digital Generation ed Educare Digitale. ...
Leggi tutto
La guerra ai…”castelli di sabbia".
Abuso d’ufficio? A pensar male…

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web