Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 03/09/2019 da Cinzia Testa

Wind- farm: adeguarsi all´energia del futuro

Wind-
Il mondo cambia e noi con esso, dobbiamo adeguarci al fluire degli eventi e costruire strategie atte a favorire la nostra permanenza sulla terra. Per questi motivi, nell’epoca del riscaldamento climatico l’economia ha imposto nuovi modelli energetici la cui missione è quella di produrre energia pulita riducendo le emissioni di co2. Questi tipi di energia del futuro, che prendono il nome di energie rinnovabili, come indica il nome stesso hanno una capacità rigenerativa che le rende potenzialmente inesauribili.

Tra le principali annoveriamo: l’energia eolica, solare, geotermica, del moto ondoso, mareomotrice, idraulica, biomassa, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione, biogas.

In questo articolo prenderemo brevemente in esame l’importanza dell’energia eolica, il cui potenziale si intuì sin dai tempi antichi, e i risvolti concreti sono visibili nel mondo circostante.

L’energia del vento si sfrutta da tempo immemore: si pensi alle barche a vela che sfruttando le correnti d’aria navigavano per i mari, o ai pittoreschi mulini a vento che trasformando l’energia eolica in meccanica macinavano il grano. L’intuizione che un tipo di energia ne potesse generare un’altra ha portato allo step successivo: la trasformazione dell’energia eolica in energia elettrica.

Con lo sviluppo delle tecnologie, delle pale simili a immense girandole si stagliano nel cielo trasformando il vento in elettricità. Per usare un gioco di parole, trascinati dal vento del progresso ci siamo adeguati al mondo in continuo divenire e alle sue esigenze pressanti.

Ma quali sarebbero le esigenze in questione?

La prima consiste nella necessità di impiegare energie pulite a basso impatto ambientale al fine di produrre elettricità senza l’impiego di combustibili fossili che, come ben si sa, aumentano le emissioni di CO2; la seconda è il bisogno di trovare fonti inesauribili di energia per far fronte alla progressiva diminuzione dei combustibili tradizionali.

Dalla rivoluzione industriale in poi, questi temi sono divenuti pressanti fino a farsi emergenti, negli anni 70 del Novecento l’emergenza di sostituire un bene limitato con qualcosa di inesauribile è diventata palpabile, e per questi motivi la nostra era è divenuta l’era del rinnovabile. Sentiamo parlare ormai da tanto tempo dell’energia eolica, ma molto spesso se ne sottovalutano i benefici: come abbiamo già accennato, in primis è utile in quanto inesauribile, in secondo luogo è un’energia pulita che non inquina, cioè non produce emissioni di gas serra durante il suo funzionamento, motivo per cui è classificabile tra le green energy. Inoltre l’impianto che produce energia eolica necessita di brevi tempi di costruzione e i suoi costi sono contenuti.

Capita però di frequente che questi punti positivi vengano scavalcati dalle osservazioni riguardanti gli aspetti negativi:

ne è stata criticata l’instabilità, in quanto il vento, come le altre fonti di energia rinnovabile, non è costante, è stato sottolineato il forte impatto uditivo e visivo. Ma queste sono piccolezze di second’ordine rispetto ai guai ambientali in cui versa il nostro pianeta. Occorre dare il giusto peso ai problemi e dare una visione d’insieme. In un epoca in cui le eccessive emissioni di c02 e i cambiamenti climatici fanno da padrone, bisogna dare spazio all’energia verde e trovare soluzioni innovative. Studi e tecnologie provvederanno ad ovviare gli aspetti del rinnovabile che suscitano malcontento: impianti eolici off-shore ad esempio hanno risolto i problemi estetici e uditivi delle Wind farm. L’impatto dell’uomo sulla terra deve diventare ecosostenibile e quanto più lieve.

E sembra proprio che la gente inizi e recepire questo messaggio: la crescita dell’utilizzo dell’energia eolica è infatti destinata a continuare. Secondo le proiezioni dell’International Energy Agency (IEA), l’organizzazione internazionale intergovernativa fondata nel 1974 dall’Ocse, entro il 2020, il 60% del fabbisogno energetico verrà soddisfatto da fonti di energia rinnovabile. Di questa produzione, circa il 75% sarà costituito da energia eolica e da fotovoltaico.






Cinzia Testa


 

ALTRE NOTIZIE

Festa della Mamma 2021, Associazione Nazionale di Azione Sociale: Un “Trucco per Stare Meglio”
Domenica, 9 Maggio 2021 sarà la festa della mamma, una ricorrenza laica diffusa in tutto il mondo, in quanto ...
Leggi tutto
Scuola, lunedi forum su fiscalità nel mondo della scuola su iniziativa di Confasi
Si svolgerà lunedi prossimo, 10 maggio, con inizio alle ore 10 on line in diretta su Facebook l´incontro sul tema “Fiscalità nel compa...
Leggi tutto
Il sindaco di Trapani chiede all´Asp di migliorare area di attesa alla Cittadella
Con una nota inviata al Commissario Straordinario dell´ASP di Trapani, il sindaco Giacomo Tranchida ha segnalato com...
Leggi tutto
AMATO (CONFINTESA SANITA’): Confintesa Sanità contro il mancato riconoscimento del ruolo sociosanitario a OSS, assistenti sociali e sociologi
La presa di posizione dopo la non ammissibilità al Senato dell´emendamento approvato dalle Commissioni Bilancio e Finanze. Domenico Amat...
Leggi tutto
Confasi Scuola: “Più opportunità ai docenti impegnati a conseguire la specializzazione nel sostegno e  contemporaneamente negli esami e  negli scrutini di fine anno”
Facendo proprie le segnalazioni ricevute da parte dei docenti impegnati a conseguire i titoli di specializzazione nel sostegno e contemporaneamente a...
Leggi tutto
Fe­sta del­l’Eu­ro­pa: il Fon­do so­cia­le eu­ro­peo lan­cia cam­pa­gna so­cial de­di­ca­ta al­l’U­nio­ne Eu­ro­pea
Prende il via, in occasione della Festa dell’Europa che si celebra domenica prossima, 9 maggio, la serie di mini clip video e animate dedicata all’Uni...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web