Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 08/04/2019 da Direttore

8 aprile si scava ...NOI C´ERAVAMO

8
8 aprile 2019 
Noi C´eravamo Giornalista e Fotoreporter insieme per non dimenticare!
Noi C´eravamo.
Decennale Terremoto L´Aquila 2009-2019
Tutto trema.
Abruzzo 8 aprile 2009 -  Coppito Murata Gigotti  L´Aquila Abruzzo.

"In queste ore la Protezione civile comunica: 207 morti, il 118 dell´Aquila di 211,  mentre altre fonti aggiornano il bilancio a 228. Alle 19:42 un´altra forte scossa magnitudo 5.3 provoca una vittima e il crollo della Basilica di piazza Duomo. Alle prime luci dell´alba una ragazza viene estratta viva dopo 42 ore sotto le macerie, 21 anni. Si continua a scavare ".

Continuare a vivere dopo una catastrofe ci mette in una condizione da molti mai vissuta. Vivere dopo un terremoto intensivo ci mette di fronte a verità ormai considerate scontate. Aprire il rubinetto e riempire la brocca d´acqua, accendere la tv, prendere il latte fresco dal frigorifero. Non esiste più nulla di tutto ciò che era. Tutto distrutto, cambiato in pochissimi minuti. Sfollati profughi terremotati, senza alcun riferimento, niente luce, difficile l´accesso all´acqua potabile. Nel mentre la terra continua a tremare. 

Siamo diventati tutti terremotati e insieme abbiamo creato una nuova verità, informare per aiutare.

Giornalista e Fotoreporter insieme per non dimenticare!

Noi C´eravamo...

Di Giosafat Capulli (giornalista) e Giordano Riboli (fotoreporter).


C´era la pioggia a rendere più difficile la vita quotidiana sotto le tende. Pioggia, freddo e qualche volta timidi raggi di sole che poco avevano a che vedere con la primavera di un aprile "novembrino". Il Parco di Murata Gigotti, a Coppito, comunque era vivo e ricco di suoni e colori. Nessuno aveva perso congiunti a causa del sisma e pochi erano coloro che avevano subito danni gravi alle abitazioni. Noi, da buoni cronisti, giravamo in lungo e in largo per i dolori del cratere a scattare foto e a raccogliere testimonianze. E ci rendevamo conto che i drammi veri erano altrove, non a Murata Gigotti, dove in piena emergenza il gruppo dirigente della locale Pro loco, che gestiva la tendopoli, lavorava per realizzare una biblioteca, un asilo nido, un parco giochi attrezzato e per acquisire al patrimonio collettivo quello spazio immenso ricompreso in una cinta muraria del settecento fino ad allora proprietà privata. Area cinta da mura "violata" per impiantare una tendopoli e per farla diventare poi parco cittadino. Ogni volta che passavamo davanti al campo sportivo di Coppito (altra tendopoli), trovavamo gente a scavare cunicoli per liberarsi dall´acqua che si infiltrava perniciosa nelle tende. Fatica e sofferenza per realizzare quel reticoli di piccoli canali. A Murata Gigotti i clown erano di casa ed i bambini erano felici. Vivevano dentro l´edificio dell´asilo dell´infanzia insieme a 32 sfollati, per lo più famiglie di anziani, che la Pro loco voleva tenere al caldo. Quell´edificio era rimasto intatto e per questo lo si usò per proteggere i più deboli. Il casale interno al parco, un edificio monumentale con un torchio in legno vecchio di oltre tre secoli, era diventato un magazzino dove venivano stoccate le donazioni. Giocattoli, libri, viveri, indumenti. Era tutto lì. E a disposizione di tutti, anche di coloro che nottetempo rubavano per fare magazzino privato in qualche loro garage. Povera gente che rubava, cleptomani della coscienza. Dal Colle dei Grilli un giorno volevamo fotografare dall´alto la caserma scuola della Guardia di Finanza, dove di lì a poco ci sarebbe stato il G8 voluto da Silvio Berlusconi. Fummo accerchiati dai corpi della sicurezza. Ma salvammo con uno stratagemma il rullino. Volevamo documentare e lo abbiamo fatto. E ancora i volti di due signore anziane che si erano conosciute lì, a Murata Gigotti, e avevano stretto amicizia. Maria e Assunta, questi i loro nomi che ricordiamo poiché non sono più tra noi. Fuori qualche tenda gli ospiti avevano allestito dei piccoli giardini. Un tocco di primavera nell´inverno dell´emergenza. La dignità che si esprime a colori attraverso i petali dei fiori. Sdraiata su una panchina una giovane volontaria romana si lavava i piedi con l´acqua minerale frizzante. Richiamata all´inutile spreco se ne andò stizzita. Inveendo contro quelli della Pro Loco che secondo lei non sapevano apprezzare il valore del volontariato. Non capiva, la signorina, che quei "soggetti" della Pro Loco (così li definiva) gestivano da terremotati una tendopoli per terremotati. Non riusciva a comprendere che la maleducazione è maleducazione sempre, anche nell´emergenza. Piccole devianze umane di un percorso che comunque è andato avanti e che in piena devastazione ha permesso di realizzare un centro sociale e culturale che oggi è il fiore all´occhiello di un´intera città. Noi allora c´eravamo. E siamo ancora qui, a distanza di dieci anni dal sisma, per renderne memoria.

photo by Giordano Riboli - Coppito L´Aquila - Murata Gigotti - 2009.

"Ci sono quelli che tornano fra le macerie della casa per salvare l´album di foto. Dopo le catastrofi, alluvioni o terremoti, tantissime persone hanno sentito la necessità di cercare tra le poche cose rimaste, molto spesso con il terrore di non ritrovare, i loro album di foto". @MicheleSmargiassi@Fotocrazia
 
Sisma d´Abruzzo- Decennale terremoto L´Aquila 2009-2019 LO STUPORE LA CATARSI LA RISPOSTA. LA FOTOGRAFIA PER NON DIMENTICARE.

TERREMOTOSTOAPERTO – RIBOLI – iBooks.

Scarica gratuitamente l´estratto click TerremotostoAperto @Apple #Apple @iBooks #iBooks


Nessuna parte di questo, articolo, libro può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l´autorizzazione scritta del proprietario dei diritti.

© 2019 Giordano Marco Riboli: Tutti i diritti riservati.

#fotografia #libri #ibooks #sisma #terremoto #trapaniok #giordanomarcoriboli #quotidianosociale #comunel´aquila #decennale #terremotostoaperto

 

ALTRE NOTIZIE

A Cinisi Con la RETE ANAS a difesa del territorio
La territoriale della rete Associativa ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) di Cinisi, d´intesa con il Comune garantirà per i ...
Leggi tutto
Lo scrittore e maestro di karate Rodolfo Martinez presenta “Kokopelli il vento che suona”: un racconto per spronare i più giovani a scoprire se stessi
"Se non si hanno sogni in cui credere, se non si tenta anche minimamente di spiccare il volo, si è destinati a una vita triste, senza colori, s...
Leggi tutto
A Taormina il 5 Agosto Jimmi Sax stratosferico concerto da non perdere
Taormina,Me. Attesissimo al Teatro Antico di Taormina, il 5 Agosto, il concerto del re del sassofono, Jimmi Sax, le cui sonorità, brillanti ed...
Leggi tutto
Istituzione del servizio di psicologia e dello psicologo delle cure primarie in Sicilia, il deputato regionale Giuseppe Zitelli sollecita l´approvazione del disegno di legge
Individuazione precoce delle problematiche sanitarie che, se non opportunamente diagnosticate, rischiano di dover essere affrontate con interventi com...
Leggi tutto
PANTELLERIA, IL 25 AGOSTO NAVE VESPUCCI VISITERÁ L´ISOLA IN VIAGGIO TRA TRAPANI E PANTELLERIA, IL VASCELLO ITALIANO PIU´ FAMOSO DEL MONDO SOSTERÁ A BUE MARINO
L´isola di Pantelleria il 25 agosto pv avrà l´onore di ospitare la sosta del veliero italiano più famoso del mondo, Nave Ves...
Leggi tutto
“Medico, Fisico, o…Parisi?”
In questi giorni, gira una pubblicità sulla quarta dose di vaccino.

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web