Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 03/03/2019 da Direttore

ANCE SICILIA-I sindacati vogliono la mafia negli appalti? Non è possibile, sono fake news. Allora chiariscano o è rottura

ANCE
“SOGNO O SON DESTO? I SINDACATI VOGLIONO CHE LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA ENTRI NEGLI APPALTI? 
NON E’ POSSIBILE! SI TRATTA SICURAMENTE DI FAKE NEWS!
CHIARISCANO SUBITO O SARA’ ROTTURA DEL FRONTE UNITARIO”


Palermo, 3 marzo 2019 – “Sogno o son desto? I sindacati, che hanno da sempre condiviso con noi le battaglie contro i ribassi eccessivi nelle gare d’appalto che favoriscono l’infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere pubbliche, ora chiedono il ritiro del disegno di legge all’esame dell’Ars che finalmente limita la corsa ai ribassi anormalmente elevati e crea un argine all’ingresso della criminalità organizzata nei cantieri? Non è possibile che i sindacati vogliano la mafia negli appalti, si tratta sicuramente di fake news! Cgil, Cisl e Uil chiariscano subito o sarà inevitabile la rottura del fronte unitario del mondo delle costruzioni, che nel caos politico e nella debolezza delle istituzioni è l’unica paratia a tenuta stagna rimasta a impedire che il mercato siciliano delle opere pubbliche affondi sotto le bordate dei comitati d’affari e della concorrenza sleale”.
L’Ance Sicilia esprime così stupore e forte preoccupazione per l’inspiegabile e improvvisa presa di posizione dei sindacati confederali regionali che, aprendo una voragine, rischia di affossare la proposta di adeguamento dei criteri di aggiudicazione alla difficile realtà siciliana, proposta sulla quale il governo si è confrontato con tutte le parti prima di presentarla. “Anomala posizione che si può spiegare solo con un corto circuito o una distrazione – dice Ance Sicilia – da parte di organizzazioni responsabili che solitamente prima provano il confronto e sollecitano modifiche di ciò su cui non concordano, ma non vanno allo scontro ex abrupto e non chiedono il ritiro di una norma così vitale per il settore più importante dell’economia regionale senza prima consultarsi con le controparti datoriali e delle professioni tecniche che fanno parte della Consulta regionale. Ma ammettere di avere sbagliato e chiarire che non si voleva dire questo è certamente più responsabile dell’aprire una frattura esclusivamente ideologica e a danno dei lavoratori che Cgil, Cisl e Uil rappresentano”.
“Infatti, quando si difendono metodi che favoriscono scientificamente la corsa ai ribassi anormalmente elevati si fa solo ideologia – prosegue l’Ance Sicilia - . Quella cieca ideologia di cui si innamorò il precedente governo nazionale, che nel 2016 con il Codice degli appalti e le successive modifiche peggiorative impose all’Italia gli attuali scellerati meccanismi di determinazione della soglia e dell’esclusione automatica. Da allora il settore è stato devastato e tutte le gare sono state aggiudicate con ribassi sempre crescenti, fino all’attuale costante di una media superiore al 50%. Delle due l’una: o chi scrive i capitolati di gara è pazzo e gonfia i prezzi a base d’asta, oppure chi si offre di eseguire opere a costi dimezzati non ha in banca soldi puliti e non applica i contratti di lavoro. Di fatto, quella fallace ideologia ha spinto le opere pubbliche verso le braccia di questi signori”.
“Noi, come i sindacati, da almeno un decennio proponiamo metodi che garantiscano la massima trasparenza possibile. In questi giorni il ministro dell’Interno, Matteo Salvini – sottolinea l’Ance Sicilia - , rendendosi conto di questa gravissima situazione, ha annunciato una imminente modifica del Codice degli appalti per bloccare i ribassi eccessivi nel Paese. Ma già dallo scorso anno la Regione, e nello stesso senso, su sollecitazione unitaria del mondo delle costruzioni sta portando avanti la proposta di modifica ora all’esame dell’Ars, perché in Sicilia più che altrove le imprese sane vengono tagliate fuori dai lavori a causa della preponderante partecipazione di operatori spregiudicati. Questa riforma darebbe anche un senso, finalmente, al faticoso lavoro che in questi anni Ance Sicilia, le altre associazioni e i sindacati hanno condotto insieme segnalando alle autorità competenti ogni anomalia nelle aggiudicazioni”.
“A questo punto i sindacati dicano da che parte stanno, facciano capire qual è la loro idea di trasparenza e di contrasto dell’illegalità nel settore delle costruzioni. Idea che non può essere certamente né la conservazione di un metodo che garantisce la sfrenata corsa ai ribassi eccessivamente alti, inaccettabile per le nefaste conseguenze che provoca sulla legalità di tutto il settore delle costruzioni (dalla mancata trasparenza nelle aggiudicazioni delle gare alla mancata applicazione del contratto di lavoro e di tutti gli accorgimenti di sicurezza nei cantieri); né i metodi che ora propongono nella loro dichiarazione e che rappresentano, questi sì, un pericolosissimo ritorno al passato. Perché la Sicilia, che già ha pagato con 100mila posti di lavoro persi i danni di quella ideologia e che ora sta pure subendo, come il resto del Paese, le conseguenze di un’altra ideologia, non debba anche scoprire che ci sono manovre tendenti a piegare l’istituzione sindacale a un atteggiamento puramente ideologico che risulta alla fine nemico del lavoro vero e della trasparenza, il che potrebbe sembrare un ossimoro”.


 

ALTRE NOTIZIE

Termini Imerese, Corso di analisi sensoriale: quarta lezione dedicata al vino
Si terrà venerdì 25 novembre 2022 dalle ore 16,30 alle ore 19,30 la quarta e ultima lezione del Corso di analisi sensoriale dedicata al ...
Leggi tutto
"Acchianata Ecologica", si svolgerà a Palermo il 4 dicembre la grande manifestazione di Confcommercio per l´ambiente e contro il degrado
Si svolgerà domenica 4 dicembre la “Acchianata Ecologica”, la grande manifestazione per l’ambiente organizzata da Confcommercio Palermo, che er...
Leggi tutto
MARSALA (TP): MAMMA CORAGGIO DENUNCIA LE VIOLENZE DEL FIGLIO. ARRESTATO DAI CARABINIERI
Una pensionata di 70 anni, disperata, ha trovato il coraggio, qualche giorno fa, di denunciare le continue violenze subite dal figlio 38enne che, per ...
Leggi tutto
Confasi Sicilia, Liborio Del Giudice nominato responsabile del sindacato a Trapani.
Liborio Del Giudice è stato nominato responsabile dei servizi del sindacato nella città di Trapani, “Con la nomina del Giudice- afferma ...
Leggi tutto
Davide Simeone con "Domani mi sveglio presto" alla libreria Palmieri
«Io voglio tornare indietro, voglio portare indietro gli orologi. E più passa il tempo, più la vita va avanti per te e per chiunque altr...
Leggi tutto
Laboratorio creativo tenutosi a Roma per le donne ucraine, ospite d’onore: Valerio Ranciaro manager romano
Upe4Inclusioncreative: “Fede, Fiducia, Cambiamento”. Domenica 13 novembre 2022 si è tenuto Via Pietro Bembo 30 a Roma, nella sala conferenze di...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web