Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 01/03/2019 da Direttore

Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci

Lettera
Riceviamo e pubblichiamo:

Lettera ai miei ex studenti ormai maturi
Vi amo e vi ho amati come figli


Cari studenti di una volta, ormai non più giovani, ma mariti e mogli, padri e madri di famiglia, con tante responsabilità sulle spalle, non ultima quella educativa.
Spero che al punto in cui siete, lo studio e le esperienze trasmesse dai vostri insegnanti siano state utili e abbiate ricavato un patrimonio umano e culturale da esservi guida per la vostra vita presente e futura.
Mi voglio inserire, in questa fase del vostro cammino, soli o in compagnia, per dirvi alcune cose, perché non mi sono mai dimenticato di voi, di nessuno: vi porto nel cuore, prego spesso per voi e mi auguro che possiate stare tutti bene, voi e le vostre famiglie che avete costituito.
Voglio riprendere alcuni concetti che vi dicevo quando eravamo assieme: “Quello che dico a voi lo dico ai miei figli”, sì perché per me, dal punto di vista educativo, non eravate solo studenti ma figli ai quali trasmettere dei principi e dei contenuti che servissero per la vita, questo era il modo in cui mi ponevo a voi (anche se allora era per voi incomprensibile!), non da semplice insegnante ma da precursore della vostra vita. Non so se tutto vi è servito, ma sappiate che io tutto ciò che ho fatto ve l’ho donato per amore del vostro futuro; credeteci o no, ma mi sento di dirvi con quale spirito insegnavo.
Forse non tutti hanno apprezzato o hanno compreso questo dono ma, ve lo assicuro, questo era il motivo della mia presenza in mezzo a voi. Non ho mai detto all’interessato che l’ho aiutato e fin dove l’ho fatto: non era importante. Per me avevate una dignità come persone e come tali vi vedevo davanti a me: “Immagine e somiglianza di Dio”.
Mi dispiace che alcuni non abbiano capito tutto questo, anzi abbiano preso i miei interventi o i miei richiami come un attacco personale, nulla di tutto questo: non ho mai odiato o trattato qualcuno con astio o perché ce l’avessi con qualcuno di loro. Sono dispiaciuto se qualcuno, supportato erroneamente dai genitori, abbia capito il contrario o abbia strumentalizzato (anche per farsene da scudo di fronte agli stessi genitori e giustificare la mancanza d’impegno nello studio): me ne scuso se sono stato, involontariamente, motivo di qualche presa di posizione negativa.
Lasciatemi che dopo tanti anni mi rivolga ancora a voi per dire che vi amo come creature di Dio che è Padre di tutti e per augurarvi tutto il bene che ognuno di voi vuole per sé, per la sua famiglia e per le persone che ama. Camminate sempre rettamente e, prima di fare un passo, riflettete sull’opportunità di farlo o meno. Ricordate che il sacrificio, la sofferenza si equivalgono con la gioia: sappiate valorizzare gli uni e l’altra dando il giusto valore. Sforzatevi di essere persone oneste e di continuare a costruire voi stessi fino alla vecchiaia, come chi ha sempre da imparare dai propri simili, poiché gli “altri – vi dicevo – sono un fatto viscerale e non programmato”: intrinseci come le nostre viscere che non abbiamo scelto noi, a partire dai nostri genitori e parenti.
Adoperatevi a usare con i vostri figli un linguaggio comprensibile, di parlare di tutto e soprattutto di dare l’esempio quotidianamente perché possano apprendere da voi quelle virtù che vi fanno veri uomini: l’amore, l’onestà, l’operatività, la giustizia, la solidarietà…
Nelle difficoltà (rapporti con il partner, con i figli, con i parenti, con i vicini, con le persone con cui lavorate…) non tiratevi mai indietro, ma affrontatele una per volta e giungete a soluzione. 
Ricordiamoci che tutti abbiamo bisogno di regole, sempre, comunque e dovunque, di principi basilari per costruire il nostro presente e il futuro: servono per la convivenza e per un equilibrio interiore e psico-fisico.
Da ultimo vorrei ricordare a ciascuno di voi, nel rispetto delle scelte personali, di non considerare l’elemento spirituale come qualcosa di estraneo a voi. Assieme a quello affettivo, lavorativo, economico, psicologico, sociale… coltivate anche quello religioso: vi aiuterà a essere più uomini e donne, a trovare un equilibrio anche interno e nei rapporti con il mondo, oltre a capire il senso della vita presente e futura.
Nel chiedervi ancora scusa per questa ingerenza nella vostra vita, mi accomiato da voi salutandovi uno per uno assieme alla vostra famiglia.

Un abbraccio caloroso.

Trapani 01 marzo 2019

Vostro Salvatore Agueci

Commenti
11/04/2019 - Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto. (Ignazio Pollina)

 

ALTRE NOTIZIE

ARTE: al via a Marsala l´allestimento della grande mostra su Carla Accardi e Antonio Sanfilippo
Cominciato a Marsala l’allestimento della grande mostra su Carla Accardi e Antonio Sanfilippo Leggi tutto
ENIT E FERRERO, IMMAGINI ESCLUSIVE DELL´ITALIA SULLA COLLEZIONE SPECIALE DI NUTELLA DA OTTOBRE
L´ITALIA VISTA DA UN BARATTOLO DI NUTELLA
UNA NUOVA OPPORTUNITA’ DI SPECIALIZZAZIONE A RAGUSA PRESSO LA PRESTIGIOSA SCUOLA DI FORMAZIONE LAC PER GIOVANI NEL SETTORE DEL MARKETING E DELLA COMUNICAZIONE
Dal 21 settembre del corrente anno si aprono le iscrizioni di partecipazione a tale Corso presso la sede “ Leggi tutto
MEDITERRANEO MAR DE PAZ
MEDITERRANEO MAR DE PAZ - Le tappe siciliane a Palermo, Trappeto, Augusta e Comiso.<...
Leggi tutto
Problematiche in tempo di Covid 19
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani segnala la crescita continua dei contagi d...
Leggi tutto
L´innovazione nei tessuti: Technow presenta il progetto
Dall’applicazione di grafene ecosostenibile una collezione di smart textile Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web