Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Tempo libero il 15/11/2018 da Direttore

Sicilia agricoltura -La Via del Castagneto- di Collesano quando il turismo è esperienziale di Mario Liberto

Sicilia
Tra le tante iniziative di turismo esperienziale siciliano merita un´attenzione particolare l´ottava edizione della passeggiata ecologica "La Via del Castagneto" nel comune di Collesano.
A promuoverla e coordinarla è stato Antonello Vara, presidente dell´ANAS provinciale di Palermo, un´associazione con finalità turistiche, culturali e sociali, con ramificazione in tutto il territorio nazionale con più di 180 mila soci.
La giornata è stata improntata all´insegna del nuovo turismo esperienziale di cui Vara è uno dei maggiori esperti siciliani, un trend la cui offerta si fonda sulla proposta originale e identitaria.
Se è vero come dice  Mario Soldati  "Il viaggio è un sentimento, non soltanto un fatto", "La Via del Castagneto" lo è stato in tutti i suoi aspetti. 
Centoventi partecipanti hanno potuto godere il fascino delle alte quote attraverso un crinale che da un lato guarda il mare Tirreno, con in lontananza Monte San Calogero e dal lato opposto il sistema montuoso delle Madonie con pizzo Carbonaro che sovrasta con i suoi 2000 m di altezza l´intero territorio.
Un viaggio pieno di profumi e colori che si sprigionavano da ogni palmo di terra che veniva calpestato. Antonello Vara racconta storie di banditi, aneddoti, personaggi di altri tempi, avvenimenti, soffermandosi e descrivendo ogni specie botanica, mentre in alto volteggiavano falchetti e poiane, per compiacere il serpentone di curiosi di appassionati che ammaliati del verde e della bella giornata si fletteva sulle curve di livello del poderoso massiccio. 
Nel corso della passeggiata si è svolta anche una lezione di micologia tenuta dal Presidente del gruppo micologico siciliano di Palermo Mario Tamburello, assistito dal micologo Livio Torta e dalla giornalista Angela Sciortino.
Il bosco della Rascata di Collesano ricco di castagneti, sughereti, leceti e querce costituisce uno degli ambienti  naturali più interessanti del territorio madonita. Di questo bosco Vara conosce ogni anfratto e albero.
Il suo è un racconto pieno di fascino e di meraviglia. I segreti del sughero l´ha appreso attraverso le esperienze quarantennale del padre che per decenni a decorticato il bosco della Rascata, sughero che vendeva a mezza Italia. Gli ospiti rimanevano a bocca aperta sentendo raccontare le magie del sughero e i sacrifici che gli operai facevano per trasportarlo alle quote più basse. Non sono stati meno interessanti i racconti legati al castagneto, il loro utilizzo, quelle meravigliose polente a base di castagne condite con un filo d´olio che facevano andare in visibilio grandi e piccini. Cibo forte pieno di zuccheri che era vitale per la popolazione collesanese abituata a soffrire i geli degli inverni madoniti e a rifocillarsi con piatti abbastanza forti.
Le caldarroste sono come le ciliegie una tira l´altra, serate interminabili, lunghe come gli inverni, attorno al braciere a sgranocchiare quelle prelibatezze i cui segreti di cottura si sono persi nella memoria dei più grandi.
Ogni tanto, Antonello esce dalla sua tasca un coltellino, si abbassa, raccoglie una piccola pianta che conserva nel suo zainetto, non prima d´averne decantato virtù e pregi e classificata scientificamente. Piante selvatiche, piante fitoalimurgiche. Una decina di erbe spontanee che costituiranno la sua parsimoniosa e prelibata cena, zuppa di verdure condita con una lacrima d´olio evo, ecco l´antico piatto chiamato misticanza.
Il momento più esaltante arriva a pranzo, quando il gruppo ANAS di Collesano costituito dalla Rural chef Elena Ginju, Domenico Testa, Vincenzo Donato e Maria Liberti, diventa imbattibile. Prodotti che i ragazzi declamano orgogliosamente a "Km 0", dal pane di grano antico varietà "nero delle Madonie" all´acqua di sorgente madonita. Poi viene servita la ricotta il cui sapore e profumo racconta le vallate della Rascata, non sono di meno i formaggi, quei pecorini brutti da vedere con gli scalchi accrespati, ma odorosi e pieni di sapori del loro interno. L´olio extravergine di oliva viene distribuito con parsimonia antica. Un filo, sul pane ancora caldo, senza strafare, poi segue una spolverata di sale e una di pepe, alimenti che daranno sapore e gusto a questo cibo di Dio.
La salsiccia collesanese, quella "giusta", tagliata a punta di coltello con il pepe nero, il finocchietto selvatico ed il sale che fanno da conza nel modo più appropriato. Poi arriva la pasta Antonello grida è quella "Vallolmo",  fatta nel modo tradizionale trafilata in bronzo e asciugata con più di 70 ore. Insomma, una giornata difficile da dimenticare, soprattutto quando a quelle quote il vino deve essere quello naturale, quello che deve dare forza e sostegno, quel vino piacevole e forte, quello del maestro Serafino Barbera. 
Mentre la gente incomincia a muoversi per il ritorno qualcuno chiede: "A quando la prossima passeggiata", Antonello sorride soddisfatto e  annuncia a tutto il gruppo: "il prossimo mese". Un´altra giornata da raccontare da far vivere attraverso i suoi racconti e le meravigliose storie d´alta quota, insomma, il fascino di quel turismo antico che chiamano esperienziale.

 

ALTRE NOTIZIE

Visita ai Castelli delle Madonie promossa da BCsicilia e Università Popolare
Promossa da BCsicilia e dall’Università Popolare Termini Imerese, nell’ambito del Corso di Archeologia Medievale si terrà domenica 5 feb...
Leggi tutto
Radio Empire, un’emittente in grande salute, vera e propria risorsa di un intero territorio, oggi la più seguita a Taormina e nell’intero comprensorio jonico.
In programma un nuovo corso per addetti all’uso della motosega e del decespugliatore organizzato da ANAS Collesano
Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2023 al corso per addetto all’uso della motosega e del decespugliatore. Il corso, riconosciuto ai sensi degli Art...
Leggi tutto
Vujadin Boškov e il Potere: “Rigore è quando arbitro fischia”.
Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web