Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Tempo libero il 01/10/2018 da Direttore

CALÀBBRIA TEATRO FESTIVAL DAL 7 AL 14 OTTOBRE 2018

CALÀBBRIA
Presentato il programma

Castrovillari. Il Calàbbria Teatro Festival, in questa sua ottava edizione, sottolinea il direttore artistico, Rosy Parrotta “parte da quel prato verde dove, come cantava Gianni Morandi, nascono speranze chiamate “ragazzi”. E’ questa la poetica dell’appuntamento autunnale con il teatro organizzato dall’Associazione Culturale Khoreia 2000 per la direzione artistica di Rosy Parrotta e quella organizzativa di Angela Micieli, in programma a Castrovillari dal 7 al 14 di ottobre 2018. L’edizione 2018 è stata presentata al Teatro Vittoria della città del Pollino, riaperto per l’occasione e che è fino al 14 sarà punto informativo del festival, location culturale della manifestazione, con incontri e collettiva d’arte contemporanea e sede dei laboratori, l’altra location nel cuore della “città vecchia”, presso il Teatro Sybaris del Protoconvento francescano per gli spettacoli teatrali ed il convivio. Alla presentazione del programma il sindaco, Domenico Lo Polito: “il Calàbbria Teatro Festival, cresce sia per i temi che per i contenuti, cresce nei grandi protagonisti che vediamo sul palcoscenico e cresce anche sull’offerta perché si aggiunge sempre qualcosa di nuovo. E’ giusto dunque che abbia successo meritatissimo da parte degli organizzatori”; il presidente del Parco Nazionale del Pollino, Mimmo Pappaterra: “ il Calàbbria Teatro Festival, in questi anni si è ricavato uno spazio di grande originalità e innovazione tanto da essere inserito nei coeventi del Parco, un festival che parla un linguaggio teatrale diverso da altre importanti manifestazioni teatrali che si fanno sia qui sul versante calabro che su quello lucano, mettendo al centro ogni anno, tematiche importanti”. S.E.Mons Francesco Savino, Vescovo della Diocesi di Cassano Jonio: sul tema dell’ottava edizione Savino ha sottolineato: “quando pensiamo ai giovani bisogna liberarsi dalla retorica e dai luoghi comuni, dobbiamo guardarli in modo diverso sono convinto che i giovani potranno diventare protagonisti di un nuovo umanesimo in Italia e nella Calabria in particolare. Se i giovani non diventano protagonisti e noi gli rubiamo il futuro, il rischio è che la Calabria diventi soltanto una regione dormitorio”. Presente tra gli altri, il consigliere provinciale e sindaco di San Basile Vincenzo Tamburi. Il direttore organizzativo del Festival, Angela Micieli che ha sottolineato come il Festival coinvolge tutto il territorio ed è pensato per portare turismo nella città del Pollino”. Il direttore artistico Rosy Parrotta:” Il messaggio che vuole lanciare il Calàbbria Teatro Festival è quello: Ragazzi vale la pena diventare grandi ma fino a che età si è grandi? Fino a che ètà si è giovani? Da che età si diventa adulti? Interrogativi su cui si interroga il direttore artistico così come il mondo contemporaneo si interroga sul futuro delle nuove generazioni. «L´ombra degli adulti non ci abbandona mai, ma oggi è il momento di decidere quando si diventa adulti e soprattutto se vogliamo vivere all´ombra di chi ci ha preceduto o essere protagonisti del presente». La conferenza stampa è stata scandita dalla performance delle allieve della Scuola di Danza Khoreia, proprio sulla tematica in oggetto, ovvero i giovani tra aspettative e le delusioni delle nuove generazioni che, proiettate verso il futuro, hanno bisogno di non essere tradite e abbandonate. Presente anche la giovane mamma, Elisa che nello scatto/immagine di questa edizione, realizzato da Tommaso Barone e Fabrizio Burreci “ Fosbury Style visual Art” di Castrovillari, portava in grembo una nuova vita; oggi diventata realtà con la nascita della piccola Laura, la speranza del futuro. I giovani saranno al centro dell’Incontro Socio – Culturale dal titolo “Dal ’68 a oggi: i giovani tra speranze e delusioni” , curato dal direttore organizzativo, Angela Micieli e della collettiva d’Arte contemporanea (pittura, scultura, fotografia, installazioni).“The wall - Free zone. I giovani di oggi tra speranze e delusioni curata da Ines Ferrante dell’Associazione Mystica Calabria. Nove gli spettacoli per la quinta edizione del “Festival dei Corti”. In 30 minuti gli attori sul palco del Sybaris, cattureranno lo spettatore che diventerà attore principale. Infatti con l’acquisto del biglietto, alla modica cifra di 5 euro, oltre a godere dello spettacolo potrà , attraverso una scheda votare decretando il vincitore della “giuria popolare”; I°-II° e III° posto sarà ad appannaggio della “giuria tecnica” composta (Lina Bernardi, attrice di teatro, cinema e televisione, Carlo Fanelli, Docente di Drammaturgia e Organizzazione ed economia dello spettacolo, presso la Laurea Triennale in Comunicazione e DAMS all’UNICAL e Pierpaolo Saraceno, Attore, regista e drammaturgo). L’esito delle votazioni si avrà domenica 14 ottobre. Da non mancare all’appuntamento di martedì 9 ottobre con lo spettacolo “Mamma Eroina”, liberamente tratto da “Mamma eroina” di Maricla Boggio, testo e regia di Pierpaolo Saraceno con Lina Bernardi e Mariapaola Tedesco, produzione “Onirika del Sud”, che affronta le tematiche più scottanti degli anni ottanta. Le compagnie, in una sorta di “residenza artistica”, avranno modo nei tre giorni, di confrontarsi tra di loro e di conoscere il territorio attraverso le visite guidate a cura del Parco Nazionale del Pollino. Da non perdere poi i cinque laboratori, assolutamente gratuiti: il “Laboratorio di teatro d’ombre” a cura di Silvio Gioia (rivolto a bambini e ragazzi); il “Laboratorio di disegno e scenografia” a cura di Cristiano Quagliozzi (rivolto a bambini e ragazzi); il “Laboratorio di magia”, a cura di Francesco Busani, (rivolto ad insegnanti, animatori, attori, operatori culturali) e il “Laboratorio di musica tradizionale” a cura di Massimo Ferrante che quest’anno riceverà dal festival il “Premio “Frontiere Aperte” l’altro premio verrà conferito alla d.ssa Mariolina Luccisano della Comunità “Casa di Y”shua” di Castrovillari. Questo e molto di più nell’ottava edizione del Calàbbria Teatro Festival, in programma a Castrovillari dal 7 al 14 di ottobre 2018. Non fartelo raccontare…vivilo. (foto di Giuseppe Iazzolino)
La manifestazione è organizzata con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Castrovillari e con il contributo della Regione Calabria (entrato come evento storicizzato), (co evento) del Parco Nazionale del Pollino, della Gas Pollino, della Gestione Pollino Impianti e l’apporto del brand Castrovillari città Festival. 
Castrovillari 1 ottobre 2018

 

ALTRE NOTIZIE

Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto
Raccolta di beneficenza per le famiglie bisognose organizzata da A.N.A.S
Sabato 28 Gennaio si terrà presso dei terreni siti a Villagrazia di Palermo, esattamente in Via Starrabba, un evento benefico dedicato alla r...
Leggi tutto
Al via alla formazione generale per i volontari del Servizio Civile Universale presso le sedi A.N.A.S.
Il 19 gennaio ha avuto inizio il percorso formativo generale per i volontari vincitori del Servizio Civile in Digital Generation ed Educare Digitale. ...
Leggi tutto
La guerra ai…”castelli di sabbia".
Abuso d’ufficio? A pensar male…

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web