Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 25/09/2018 da Direttore

NEL MUSEO DEL CARRETTO SICILIANO IL GRANDE GIUSEPPE MANFRE´

NEL
AD ALCAMO STENTA A TROVARE COLLOCAZIONE IL SUO NOME NELLA TOPONOMASTICA, ANCHE SE LA MOZIONE CHE NE CHIEDEVA LA COLLOCAZIONE RISALE AL 20 DICEMBRE DEL 2013



Ci sarà anche Giuseppe Manfrè tra i decoratori che avranno la fortuna di eternare le loro opere artistiche nel museo nazionale del «Carretto siciliano». Un artista le cui doti sono riconosciute a livello mondiale che fatica, ad Alcamo, a trovare una degna collocazione nella toponomastica, nonostante una mia mozione di indirizzo del dicembre del 2013 (167 del 20/12/2013).

Una ingiustizia per chi, da oggi, sarà eternato nella storia dell´arte, grazie alla magnificenza delle sue opere d´arte.

Giuseppe Manfrè, alcamese d’adozione, è stato l’ultimo decoratore di carretti siciliani. Nasce a Bagheria l’11 Gennaio del 1913 e muore in Alcamo il 7 Dicembre del 1984. Aveva lo studio in piazza Pittore Renda in Alcamo ed in via Naccarello in Partinico.

Come ebbe a scrivere il decano del giornalismo alcamese il comm. Pier Francesco Mistretta, ne “La Sicilia flash”, del Gennaio del 1985, «dalle sue mani, esperte manipolatrici di policromi colori, sono uscite le più belle pennellate che hanno fatto apprezzare le sue opere in varie nazioni»; e come ha avuto modo di sottolineare, in un pregevole articolo, lo scrittore Roberto Scaglione, «mancino ma non sinistro, tanto gradevole era la sua arte di decoratore di carretti sin da giovanissimo appresa nella scuderia Ducato della nativa Bagheria, agli ordini di Michele, a propria volta omonimo dell’avo fondatore dell’onomastica scuola di bottega, dove il giovane svolse il proprio apprendistato a fianco, seppur per un modico interstizio temporale, del concittadino e quasi coetaneo (di soli due anni più anziano) Renato Guttuso, poi emigrato e divenuto un celebre artista di fama internazionale».

Continua Scaglione «Manfrè, che pur seguì, senza però equamente ripercorrerli, gli istinti migratori di questi, dimorò ancora nell’entroterra siculo per tutta la propria esistenza, anche professionale, che spiccò vertiginosamente quando, nel primissimo secondo dopoguerra, la famiglia Giglio di Alcamo, di condizione socioeconomica burgìsi, commissionò la decorazione di un carretto al suo capo bottega, che a propria volta delegò la mansione al giovane allievo poco più che ventenne, indirizzandolo proprio nel comune trapanese a svolgere l’opera richiesta, come relaziona anche il poeta dialettale alcamese Giuseppe Grillo detto Peppe (pseudonimo con il quale anche autorevolmente si firma), celebrandolo nel carme elogiativo Ricurdannu l’urtimu pitturi di carretti, don Pippinu Manfrè nell’antologia poetica ‘Na rosa pi Ciullu (cfr Edizioni Campo-Alcamo 2003, pp. 53-54), il cui incipit recita: «Vinni di Bagheria don Pippinu, cu la curriera, e avìa la sporta ‘n manu. Vinni a pusari ni mastru Pirtrinu, pi pittari un carrettu paisanu». Difatti Manfrè alloggiò in principio da un conoscente, Pietro Messana, di grado professionale mastru (all’epoca si difettava assai a non esserlo) d’ornamenti e paramenti (armiggi) dei cavalli, il quale lo aiutò a sistemarsi provvisoriamente, vitto, lavoro e alloggio compresi, nella stessa bottega affittata sita alle spalle della chiesa della Madonna delle Grazie, dove «Però ni fici tanta malavita, a travagghiari tutta la misata» come ricorda Grillo, che ancor prima narra di come «Doppu un carrettu, pittau un traìnu. E vinniru crienti di luntanu.», presto sorgendo difatti, evidenziato il proprio talento, ulteriori e molteplici commissioni sia ad Alcamo che dai comuni limitrofi e non, che lo invogliarono a sistemarsi definitivamente ad Alcamo dove poi «Canuscì ‘na picciotta sapurita, e subitu ci manna la ‘mmascita. Ci dissiru di sì: fu la so’ zita ed a l’artaru poi fu maritata. Fu la cumpagna so’ di la so’ vita, pi sempri spusa so’, sempri adurata.», come chiosa la seconda strofa del carme. Sposatosi, trasferì domicilio e bottega ad Alcamo».

Giuseppe Manfrè fu, come evidenzia Roberto Scaglione, lavoratore infaticabile, «Iddu era onestu e assai travagghiaturi e nun lintava mai di pitturari.», e accrebbe la propria fama sino a lasciare testimonianze di sé alla Palazzina Cinese di Palermo e in alcune delle statue adoperate nelle processioni della festa del Santissimo Crocifisso di Calatafimi, incaricato da padre Ingarra di riaffrescarle poco tempo prima della tradizionale esposizione pubblica propria della suddetta quinquennale festa di un borgo nel quale ancora lasciò traccia, richiamato nel 1977 dall’arciprete della Chiesa SS. Maria Immacolata, anche detta “Chiesa Nuova” (chiusa dopo il sisma del 1968 e riaperta per volontà del vescovo Mons. Ricceri dieci anni dopo nel 1978, il seguente alle opere da lui eseguite) che ancora evidenzia quattro suoi affreschi sulla volta: La cacciata dall’Eden, L’Annunciazione, La Pentecoste e L’Assunzione.

Accettò di collaborare al documentario «Il carretto», immagini di un’antica cultura, realizzato nel 1980 da un pressoché esordiente Peppuccio Tornatore, suo più celebre ma, quant’egli, energico concittadino.

Al grande maestro Manfrè è necessario che subito, senza tentennamenti, sia garantita l’assegnazione di una toponomastica. Lo si deve e lo si deve fare in fretta.

Antonio Fundarò

 

ALTRE NOTIZIE

Riapre, dopo il restauro, la Chiesa S.Orsola di Polizzi Generosa
Riapre al culto, dopo i lavori di restauro iniziati nel novembre 2018, la Chiesa S.Orsola di Polizzi Generosa. L´intervento, realizzato in due stralci...
Leggi tutto
Isola delle Femmine, BCsicilia nel volume di Storia Militare per la promozione degli eventi sul Centenario della Grande Guerra
L’Associazione di Storia Militare Military Historical Center e il Coordinamento Albo D’Oro, in occasione del centenario del Milite Ignoto hanno curato...
Leggi tutto
MARSALA: SERVIZIO COORDINATO DEI CARABINIERI. DENUNCE E SANZIONI PER MANCATO USO DI MASCHERINE
Nei due giorni appena trascorsi i Carabinieri della Compagnia di Marsala con il supporto dei colleghi del 12° Reggimento Carabinieri Sicilia hanno mes...
Leggi tutto
Nell´ambito del Corso di formazione on line: Le vie dei Santi, dal pellegrinaggio al turismo religioso
Nell´ambito del Corso di formazione online per Accompagnatori e Guide Turistiche "La Sicilia tra fede, arte, natura e tradizioni popolari" promosso da...
Leggi tutto
HASHISH NEL GIUBOTTO ARRESTATO 42ENNE PER SPACCIO
Nel fine settimana appena trascorso i Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno tratto in arresto un isolano per il reato di detenzione ai fini ...
Leggi tutto
In macchina con un ovulo di eroina: due uomini arrestati dalla Polizia di Stato
Stavano trasportando oltre venticinque grammi di eroina destinati al mercato trapanese i due uomini tratti in arresto, venerdì scorso, dagli ag...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web