Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 21/09/2018 da Direttore

Trapani riprenda la sua vocazione di accoglienza

Trapani
Le opinioni ideologico-politiche non siano a discapito dei più deboli


Alcune settimane fa (esattamente il 2 settembre c.a.), per interessamento di alcune Associazioni, sensibili al problema della fratellanza fra i popoli, alla Diocesi e all’Amministrazione comunale retta da Giacomo Tranchida, è stato celebrato nel Centro storico di Trapani un pomeriggio per “Un Mediterraneo di pace”. 1500 persone circa hanno partecipato e assaggiato i vari tipi di couscous che le diverse etnie hanno preparato, ognuno a modo loro, per una convivenza pacifica e solidale.
Trapani, dalle diverse poliedriche sfaccettature, ideologiche, politiche e sociali, è proiettata naturalmente (anche con la sua forma allungata sul mare, quasi a volersi occupare e penetrare nel vissuto del tempo e dello spazio, oltre che di popoli diversi) nel Mediterraneo, ed è candidata, da sempre, ad avere una interlocuzione privilegiata con i popoli rivieraschi che si affacciano sul Mare Nostrum. “Da sempre”, poiché Trapani e la sua provincia è stata storicamente ricettacolo di popolazioni diverse che nel corso dei secoli si sono succeduti, valorizzando questo territorio e apportandovi una ricchezza culturale incommensurabile.
La sua capacità di accoglienza e di dialogo è stata, da sempre, proverbiale e non solo con le parole ma con i fatti. E questo, come scrivevamo, non solo ha una connotazione recente ma si estende nel tempo. Enea mitologicamente vi approdò, come i popoli, appartenenti alle tre grandi Religioni monoteiste, Ebrei, Cattolici e Musulmani, vi posero le loro basi.
Se ci fosse bisogno di ulteriori dimostrazioni, queste li troviamo nel rosone della Chiesa, oggi detta, di Sant’Agostino. Originariamente fu, infatti, cappella dei Cavalieri Templari (a. 1101), dedicata a San Giovanni Battista; con il discioglimento dell’Ordine, nel 1312, Federico III d’Aragona l’affidò ai padri Agostiniani che la ristrutturarono secondo l’architettura gotico-sicula. Dell’assetto originario rimane la facciata con il suo ampio rosone in stile chiaromontano del XIV secolo.
Quello che ci interessa è quest’ultimo. Vi osserviamo architettonicamente un articolato intreccio di colonnine che portano verso l’Agnello, posto al centro, quale messaggio cristologico di quel Gesù da cui parte spontaneamente l’Incarnazione e ricapitola a Sé la creazione tutta (San Paolo). È interessante il linguaggio figurativo che si manifesta nella presenza dei simboli delle tre Religioni cosiddette “del Libro”: le stelle di Davide, ebraiche, le gelosie con traforazioni arabe e l’Agnello di Dio al centro; “Il tutto – dicono gli esperti - incastonato nel motivo a vesica piscis (vescica di pesce) e decorato con elementi fitoformi che richiamano il paradiso terrestre, simboli tipicamente cristiani”. Dal centro si dipartono, poi, dodici colonne, a simboleggiare “le ere astrologiche, rendendo i rosoni dei giganteschi calendari in cui ogni quadrante rappresenta una di esse” ma anche, a mio avviso, le dodici tribù d’Israele e le dodici colonne della Chiesa che sono gli Apostoli. Un aspetto che mi preme sottolineare è il dinamismo che ne viene fuori da questa meraviglia architettonica, quasi a indicare e stimolare una ricerca comune e a salvaguardare in questo cerchio la perfezione e l’armonia del cosmo in un linguaggio continuo di unione per una pacifica convivenza, in questo luogo paradisiaco, affidato da Dio all’uomo. 
A sigillo di ciò abbiamo il rosone della chiesa della Matrice di Erice che, anche se costruito nel 1954, richiama gli stessi simboli di quello di Sant’Agostino a Trapani.
Trapani non si è fermata a questo dialogo e anche se, per motivi storici, sia gli ebrei e sia i musulmani non sono stati presenti sul territorio, oggi, con la presenza di popolazioni straniere per etnia e religioni diverse, è chiamata a continuare la sua mission in Italia e nel mondo. Deve farsi carico di aprire le sue braccia per accogliere chi, in questo momento, ha bisogno di noi. E questo non per motivazioni ideologiche ma perché è dovere di ogni uomo, in qualsiasi luogo e tempo, rendersi disponibile a chi per qualsivoglia motivo è costretto a fuggire dalla propria terra per trovare rifugio e prospettive di vita migliore.
Sulle modalità d’intervento, locale e nazionale, ci richiamiamo al senso del “buon padre di famiglia”, lasciando ai politici di trovare le soluzioni ottimali. Sulle azioni da intraprendere nei luoghi di partenza e intermedi, rimandiamo a una successiva analisi.

Erice, 21 settembre 2018

 

ALTRE NOTIZIE

I diritti dei docenti per la ricostruzione della carriera sono difesi, anche con ricorso, dalla RETE ANAS
Il Tribunale di Palermo, con la sentenza del maggio 2020 ha riconosciuto ai docenti che possiedono un servizio effettivo di pre-ruolo in misura superi...
Leggi tutto
Presso la Sede ANAS Formazione sulla riforma ETS e indicazioni prevenzione alle dipendenzedelle dip
Si è svolto ieri 2 4 ottobre presso la sede dell´anas (Associazione Nazionale di Azione Sociale) provinciale di Milano, in via Pordenone ...
Leggi tutto
brevi racconti che evidenziano degli squarci del passato in Sicilia, in una rubrica "STORIE DI SICILIA"
Ragazzini vestiti da uomini eravamo. Alle medie dai Salesiani, dove io ero – per alcuni – lì come per sbaglio. Unico, forse, figlio della class...
Leggi tutto
“SENZA LAVORO SI MUORE! NO AL SECONDO LOCKDOWN E A ORDINANZE PRIVE DI STRATEGIA. NO ALLA INFODEMIA"
“Senza lavoro si muore. Ci stanno uccidendo con questo clima di paura. Non possiamo permetterci un altro lockdown e nemmeno provvedimenti restrittivi ...
Leggi tutto
FONDAZIONE PRADA PRESENTA “HUMAN BRAINS”, UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE DEDICATO AGLI STUDI DEL CERVELLO
Fondazione Prada ha intrapreso dal 2018 un percorso multidisciplinare di approfondimento e studio di temat...
Leggi tutto
RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBILI A UN CONFRONTO PER SCONGIURARE LA CHIUSURA. FACCIAMO APPELLO AI VALORI STATUTARI DI INARCASSA”
RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBIL...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web