Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 17/08/2018 da Direttore

IL SINALP SICILIA DENUNCIA L’INCURIA E LA MANCATA PROGRAMMAZIONE DELLA MESSA IN SICUREZZA DELLA RETE VIARIA SICILIANA. INTERVENTI CHE DAREBBERO NUOVO IMPULSO ALL’ECONOMIA ED ALL’OCCUPAZIONE NELL’ISOLA.

IL
Il ponte Morandi di Genova è crollato ed il Sinalp Sicilia si unisce al dolore degli italiani, dei genovesi e dei siciliani che purtroppo annoverano delle vittime in questa immane tragedia.
L’uso spregiudicato da parte dello Stato dell’elargizione delle concessioni autostradali a società private senza aver preteso chiarezza e certezza sulla programmazione degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria nei tratti da loro gestiti deve essere immediatamente interrotto onde evitare altre immani tragedie.
Ci rendiamo conto che questo non è il momento delle accuse e dei distinguo ma non è possibile non evidenziare che da tempo il Sinalp Sicilia denuncia l’abbandono totale della rete stradale ed autostradale siciliana. 
Il Sinalp Sicilia è stato in prima linea contro il tentativo incosciente, maldestro, stupido ed assurdo messo in atto dal Governo Crocetta di voler “regalare” il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS) all’ANAS con la presunta motivazione illusoria della sua maggior capacità organizzativa, tecnologica e progettuale.
Fortunatamente la nostra ferma opposizione con denuncie pubbliche, condivisa da alcune forze politiche presenti nel Parlamento Siciliano, è riuscita a bloccare questa regalia.
Ricordiamo a chi non ricorda, che l’autostrada A19, dove il ponte all’altezza di Scillato è “casualmente ed inaspettatamente” crollato, è gestita e manutenuta proprio da quell’ANAS che il Governo Crocetta ne elogiava le capacità gestionali e tecnologiche.
Fatta questa doverosa premessa e visto i sempre più evidenti e frequenti crolli e frane che si susseguono su tutta la rete stradale del territorio nazionale, il Sinalp torna a chiedere al Governo Musumeci che si attivi per dare vita ad un programma omogeneo di interventi e messe in sicurezza della rete stradale ed autostradale Siciliana. 
L’intera rete stradale siciliana si compone di 570 chilometri di autostrade, 3.591 chilometri di strade statali e altri 16.660 gestiti da altri enti come Comuni e Province.
Tralasciamo per pietà di cronaca di elencare le criticità della rete stradale gestita dai Comuni e dalle ex Province che con l’ormai “mantra” della cronica mancanza dei soldi non solo non fanno più manutenzione ordinaria ma nemmeno quella straordinaria ed invitiamo il Presidente Musumeci a percorrere per qualche chilometro una qualsiasi strada gestita dai comuni o dalle ex provincie ed avrà modo di rendersi conto in che condizioni i siciliani sono costretti a viaggiare nella propria terra.
In Sicilia ormai da tempo abbiamo ponti caduti, chiusi al traffico o chiusi al traffico pesante e su tutti l’unica azione visibile ai cittadini è il semplice transennamento del tratto in disfacimento ed il relativo smistamento verso una qualsiasi strada che comunque risulta anch’essa sempre in condizioni a dir poco “pietose”.
La Sicilia vanta anche il primato della caduta del ponte Scorciavacche sulla statale 121, la Palermo Agrigento, che in appena 10 giorni dalla sua inaugurazione è crollato, e fortuna volle che in quel momento nessuno transitava su di esso.
Sfidiamo qualsiasi altro territorio italiano a poter vantare un tale primato ed ad oggi nulla si sa sul futuro di questo ponte.
Il Ponte sul fiume Belice nella S.V. Castelvetrano Agrigento è perennemente in manutenzione e visti i precedenti, i siciliani che ogni volta debbono transitare su di esso prima fanno testamento. 
Del ponte Himera sulla A19 caduto il 10 aprile 2015, ad oggi non si sa quando e se verrà ricostruito. La certezza è che la frana che ne ha provocato il crollo era conosciuta da almeno 10 anni e nessun ente interessato aveva mai ritenuto necessario intervenire per scongiurarne la tragedia, poi, come tutti sappiamo, comunque verificatasi.
Il viadotto Akragas, progettato dallo stesso ingegnere Morandi del ponte crollato a Genova, che doveva smaltire il traffico della città di Agrigento con le sue periferie, ormai risulta chiuso da anni e nessuna opzione sul suo futuro è stata ad oggi presa.
Lo stesso ingegnere ha progettato anche il ponte sul fiume Salso a Licata e visti i precedenti ci permettiamo sommessamente di invitare il Sindaco di Licata ad effettuare dei controlli sulla sua staticità.
Con questo elenco di ponti e cavalcavie in condizioni critiche potremmo riempire un intero libro e le pagine non sarebbero purtroppo mai sufficienti.
La stessa capitale della Sicilia, Palermo, risulta perfettamente in linea con le criticità riscontrate nei diversi ponti del sistema viario siciliano. Il ponte Corleone che risulta inserito in un progetto di ristrutturazione, ad oggi tale intervento non è stato completato e quindi riteniamo plausibile pensare che si possa correre il rischio di un suo collasso in qualsiasi momento.
Il ponte sul fiume Oreto ancora aspetta di essere ammodernato e ristrutturato eliminando le tante criticità denunciate ed evidenziate dai cittadini che vivono nei suoi pressi.
Invitiamo tutte le autorità competenti ed in primis il Presidente On. Musumeci a dar vita tempestivamente ad un dettagliato ed omogeneo grande programma di interventi manutentivi e ricostruttivi di tutta la rete viaria siciliana, con l’obiettivo di ottenere la messa in sicurezza della rete e dare vita ad un importante impulso lavorativo ed occupazionale per tutta l’Isola.
Creare lavoro deve essere l’obiettivo primario di ogni politico ed amministratore della res pubblica e ciò a maggior ragione quando contestualmente questi interventi faranno aumentare la sicurezza e la qualità della vita dei cittadini rappresentati.


 

ALTRE NOTIZIE

Consegnati gli attestati CELI immigrati agli studenti che avevano superato gli esami a Milano
In occasione della sessione di esami CELI immigrati odierna, sono stati consegnati gli attestati emessi dell´Università di Perugia per gl...
Leggi tutto
Presentato all’ARS il Manifesto dei diritti e dei doveri dei beni culturali
Palermo, 30 novembre 2021 – E’ stato presentato questa mattina, nella sala “Mattarella” dell’Assemblea Regionale Siciliana, il “Manifesto dei diritti ...
Leggi tutto
CONTROLLI SU STRADA: CARABINIERI SEQUESTRANO UN AUTOCARRO CHE TRASPORTAVA RIFIUTI PERICOLOSI SENZA AUTORIZZAZIONE.
Nella mattinata di lunedì 29 novembre i Carabinieri della Compagnia di Alcamo e i Carabinieri Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palerm...
Leggi tutto
Lo sport paralimpico va a scuola
“Lo sport paralimpico va a scuola”, è questo il nome del progetto promosso dall’associazione Sportivamente in collaborazione con l’istituto Bas...
Leggi tutto
SANTA NINFA: ANIMALI TENUTI IN CATTIVE CONDIZIONI IGIENICO SANITARIE. DENUNCIATA LA PADRONA DAI CARABINIERI
Nei giorni appena trascorsi i Carabinieri della Stazione di Santa Ninfa hanno denunciato una donna di 72 anni per il reato di maltrattamento di animal...
Leggi tutto
CUSTONACI: LITIGANO UBRIACHI IN UN BAR DANNEGGIANDO IL LOCALE. DENUNCIATI DAI CARABINIERI
Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Alcamo sono intervenuti a Custonaci dove il gestore di un bar aveva chiesto l’intervento in qu...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web