Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 05/08/2018 da Direttore

Anniversario della nascita del Venerabile Fra Santo e sua prima immaginetta

Anniversario
363° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA (1655 - 5 AGOSTO -2018) 
DI 
FRA SANTO DI S. DOMENICO (1655-1728) 
La sua devozione è diffusa a Trapani, Favignana, Marsala e in provincia

Il Venerabile Fra Santo da S. Domenico nacque a Trapani giovedì 5 agosto 1655 da Di Santo Giuseppe e Paola Berceri, sposati giovedì 1 giugno 1634 nella parrocchia S.Lorenzo (Cattedrale). Papà Giuseppe era figlio di Domenico e Sigismonda, mentre mamma Paola era figlia di Vito e Antonina. Erano timorati di Dio e pieni di sentimenti di pietà cristiana. Ebbero tre figli. 
Il primo Vincenzo Domenico, battezzato giovedì 25 agosto 1639 nella chiesa parrocchiale S. Lorenzo dal curato Don Pietro Castro. Padrino Blandano e Anna Maria. E’ stato benefattore dell’Ordine degli Agostiniani Scalzi, il quale ha destinato parte del patrimonio alla costruzione della nuova chiesa dell’Itria di Trapani ed è stato sepolto a parte nella cripta dell’Itria.
La seconda figlia è chiamata nelle fonti documentali con diversi nomi: 1. Giuseppina, 2. Giuseppa, 3. Anna, 4. Suor Giuseppa, e, da una recente ricerca, 5. Antonina Pia Maria, nata Venerdì 1 marzo 1641 e battezzata lo stesso giorno nella chiesa arcipretale di S. Pietro. 
Il terzo figlio è stato Vito Antonio, il nostro Fra Santo, nato a Trapani il 5 agosto 1655, 363 anni fa, e fu battezzato nella chiesa parrocchiale di S. Nicolò l’indomani il 6 agosto 1655. Padrini sono stati Girolamo Planta e Antonia Lauria. E´ veramente corrispose il cognome alla sua santità della vita, che doveva condurre. Anche nel secolo visse da Santo, per la gran carità verso i poveri e per la sua rettitudine nell’ operare. 
La sua fama di santità era nota non solo a Trapani, ma anche a Marsala (TP), Alcamo (TP), Santa Ninfa (TP), Palermo, Mazara del Vallo (TP), Partanna (TP), Piana degli Albanesi (PA), Monreale (PA), Favignana (TP), Gibellina (TP), Salemi (TP), Vita (TP), Calatafimi (TP), Erice (TP) (Monte di S. Giuliano), Sciacca (AG), Paceco (TP), Palazzo Adriano (PA), tonnara di Bonagia (Valderice TP), tonnara di Cofano (Custonaci TP), tonnara di Scopello (Castellammare del Golfo TP), S. Giovanni di Macari (S. Vito Lo Capo), dove si recava per la questua. Così Fra Santo è stato un vero ed efficace promotore vocazione della vita religiosa e in particolare degli Agostiniani Scalzi.
Grazie ad un fatto particolare, avvenuto il 7 settembre 1731 nella nostra chiesa di Gesù e Maria in Roma, possiamo vedere oggi la prima immagine del nostro Venerabile.

La prima Immaginetta di Fra Santo (1731) arrivata a noi
Mentre i Ritratti erano permessi a pochi, le immaginette era più accessibili ai tanti fedeli di Fra Santo, che le diffondevano affinché, grazie alla sua intercessione, gli ammalati potessero ottenere da Dio la guarigione fisica o l’accettazione della sofferenza fisica o morale. Su La Rosa di Valverde, bollettino del nostro Santuario della Madonna di Valverde (CT), il confratello P. Francesco Recupero in un suo articolo La meravigliosa avventura di un’immagine del Ven. Fra Santo da S. Domenico, ci parla di un fatto particolare, narrato da P. Vincenzo Maria di S. Francesco (+1773), uno dei tanti testimoni ai Processi di Beatificazione del Venerabile Fra Santo, accaduto ad una sua immaginetta. Ciò è accaduto nel lontano 1731 nel convento di Gesù e Maria in Roma al confratello siciliano P. Vincenzo Maria di S. Francesco di Novara di Sicilia (ME), che professò 11-10-1723 e morì nel convento di S. Giorgio di Novara di Sicilia nel 1773. Questi fu priore e cappellano curato (parroco) del Santuario di Valverde nel 1754. P. Vincenzo a Roma aveva l’ufficio di socio (collaboratore) del Procuratore Generale degli Agostiniani Scalzi P. Bernardo di S. Guglielmo. Era devotissimo di Fra Santo e teneva gelosamente sul tavolo della sua stanza una bella immaginetta di Fra Santo. Era venerdì 7 settembre 1731 ed, essendo ancora estate, teneva porta e finestra aperte. Verso il tramonto un’ improvvisa e forte ventata fece sbattere la porta e l’immaginetta, posta sul tavolo, volò dal finestra nel giardino interno del convento, dove c’era una grande vasca (peschiera) piena di pesci. L’immaginetta andò a finire proprio nella grande vasca. P. Vincenzo non potè scendere subito, probabilmente per impegni dovuti alla vita comune come la recita dei vespri solenni della Natività di Maria. Dovette rimandare il rinvenimento all’indomani mattina. Come l’avrebbe trovata? Ma si chiedeva anche, data la presenza di molti pesci, l’avrebbe trovata? Appena gli è stato possibile, corse in giardino a vedere che fine avesse fatto l’immaginetta di Fra Santo. Ma quale fu la sua grande meraviglia e stupore, condiviso da altri confratelli, l’immaginetta c’era ancora ed era bagnata solo ai bordi frastagliati dai pesci, mentre il resto della carta, dove erano stampati l’ovale con l’immagine del Venerabile, l’iscrizione sottostante e il fregio d’intorno, era appena inumidita, benché per lungo tempo che era stata in acqua, doveva essere bagnata fradicia. Essa ci è stata tramandata ed ha il formato di cm 28x20. Sono ben visibili nella riproduzione i margini frastagliati, mentre l’ovale della figura di Fra Santo, assieme al fregio che l’inquadra, è completamente intatto. La sottostante iscrizione in latino dice: Devotissimo Servo di Dio Fr. Santo da S. Domenico, trapanese, dell’Ordine degli Agostiniani Scalzi, chiamato al secolo Vito di Santo, insigne per l’esercizio di tutte le virtù, particolarmente della carità, dell’umiltà e dell’obbedienza. Morì il 16 Gennaio, di venerdì, circa le ore 15, dell’anno del Signore 1728, di anni 73 di età e 42 di religione. (La Rosa di Valverde, gennaio 1962, pp. 3-4).
Un ringraziamento ai Rettori diocesani della già nostra Chiesa dell’Itria (S. Rita) di Trapani, succeduti ai Padri Agostiniani Scalzi, che dal 2004 continuano a diffondere la devozione verso il nostro Venerabile Fra Santo e verso S. Rita.



 

ALTRE NOTIZIE

Il direttore generale Areu, incontra il Presidente ANAS Lombardia e il Presidente della consulta Nazionale per definirà l´offerta formativa sanità 2024
In data odierna il Presidente ANAS Lombardia nella persona della Dott.ssa Anna Lo Bosco e il Presidente della consulta nazionale Giuseppe Coniglio, so...
Leggi tutto
A.N.A.S Nazionale e FITA Sicilia vi invitano all´evento conclusivo del progetto "Fuori dagli Schermi"
Giovedì 16 maggio presso i Teatro Savio di Palermo, a partire dalle ore 10:30,  si terrà l´evento conclusivo del progetto "Fuori d...
Leggi tutto
Cefra: la presidenza regionale Lombardia convoca le associate ANAS
Il presidente ANAS Regionale Lombardia ha convocato  per oggi alle ore 16:00 un´assemblea, alla quale parteciperanno tutte le associate, per pre...
Leggi tutto
Bagheria, Conferenza: Di “donne” e di “miti”. Una storia per immagini
Si terrà sabato 16 marzo 2024 alle ore 17,30 presso la Sede di BCsicilia – Dimora Storica Mineo – Cirrincione in Via Sant’Elia, 5 a Bagheria la...
Leggi tutto
Ecco “Pedagogia Interiore” il rivoluzionario metodo educativo per una scuola nuova, il nuovo libro della prof.ssa Mariangela di Pasquale
“Dicono che il primo amore non si scorda mai. Credo che sia così anche per un insegnante appassionato che conosce la sua prima classe. E&...
Leggi tutto
Parte da Napoli la prima data dello spettacolo “L’infinito dei campi di Grano” di Roberto Michelangelo Giordi, con la regia di Giancarlo Moretti
È edito da Mariù edizioni, il libro scritto da Roberto Michelangelo Giordi da cui è tratto lo spettacolo “L’infinito dei campi di grano”...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web