Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 19/06/2018 da Direttore

Avviso di chiusura delle indagini Exit Poll. Nessuno scambio politico mafioso per l’ex sindaco. Ma si persevera. Auspico processo pubblico per affermare la verità e smentire tutte le ipotesi accusatorie

Avviso
Ora che dalla Procura di Catania hanno comunicato, con grave ritardo, la chiusura delle indagini preliminari e gli atti non sono più coperti da segreto istruttorio, posso più liberamente esprimermi in ordine ai gravissimi e madornali errori giudiziari, oltre quelli già evidenziatisi precedentemente, che hanno connotato la famosa operazione “exit poll”. Errori nei quali in larga parte si persevera, nonostante ben 5 pronunce della Corte di Cassazione abbiano dichiarato l’insussistenza degli indizi di colpevolezza negli atti della Procura che hanno portato alle ordinanze cautelari del settembre 2017. Dovrei essere soddisfatto dell’ammissione di errore giudiziario, implicita nello stesso avviso di chiusura delle indagini, che esclude e cancella l’ignominiosa, quanto infondata accusa ex art 416 ter a mio carico. E non poteva essere altrimenti dopo che sia il Gip, sia il Tribunale del Riesame, sia la Corte di Cassazione avevano, ognuno secondo il proprio ruolo, revocato gli arresti e dichiarato illegittimi gli atti compiuti a mio carico per mancanza di indizi di reato.
Dovrei essere soddisfatto della scomparsa, nelle contestazioni dell’avviso di chiusura delle indagini, delle calunnie dei falsi pentiti e della tanto vaneggiante, quanto penalmente ininfluente, ipotesi di mancato sostegno elettorale in favore della candidata Pisani. Purtuttavia non posso essere soddisfatto dinanzi al perseverare di un’azione giudiziaria che, a mio avviso, non può trovare altra giustificazione se non nel fatto che gli inquirenti non potessero totalmente cancellare un’iniziativa giudiziaria avviata con così tanto clamore, nei metodi usati e nelle conferenze stampa, ma che da subito era naufragata davanti alle prime emergenze difensive.
E non posso che ritenermi amareggiato per le seguenti ragioni:
1. l’ingiusto mantenimento dell’accusa infondata di voto di scambio a carico di mio fratello fabio;
2. la contestazione di reati elettorali manifestamente insussistenti
3. l’infondata contestazione di queste accuse minori nei confronti di persone perbene ree soltanto di essere ex amministratori o funzionari;
4. l’utilizzo da parte di taluni di tale singolare azione giudiziaria per denigrare la città e l’amministrazione che per un decennio l’ha amministrata, contrastando invece la vera criminalità e sfidando i poteri forti.
La misura cautelare con l’ipotesi accusatoria nei confronti di Fabio Nicosia, al pari di quella nei miei confronti è stata censurata dalla Suprema Corte, Sez. seconda presieduta dal noto Piercamillo Davigo, già presidente dell’Associazione nazionale Magistrati e componente del pool “mani pulite”. Tanto il Tribunale del Riesame quanto la Corte di Cassazione si erano espressi per la mancanza di indizi di colpevolezza. Eppure, nonostante il “giudicato cautelare”, si mantiene in vita un’ingiusta accusa destituita di ogni fondamento e che verrà facilmente smentita nel corso del giudizio.
Le contestazioni minori che residuano nei miei confronti sarebbero risibili se non avessero la valenza di ledere ingiustificatamente un’azione amministrativa portata avanti per anni all’insegna della correttezza. Dietro il roboante titolo di corruzione elettorale si cela null’altro che l’accusa di aver corrisposto contributi assistenziali per poche decine di euro a 4, dico 4!!!, famiglie bisognose (è la stessa Procura che ritiene nel capo di imputazione che ne avessero i requisiti e dunque diritto), così come quella di aver prorogato per qualche settimana l’appalto alla ditta dei rifiuti(perché nessun’altra ditta partecipava ai bandi indetti dal Comune, per come a suo tempo da me denunciato alla locale Procura), fatto obbligato per non lasciare la città in preda ai rifiuti.
Sono ipotesi accusatorie di tale minimo rilievo e così lontane dalla verità da far ritenere che si mantengano in vita solo per giustificare l’esistenza di un processo, destinato a naufragare nel nulla, come quelli precedentemente intentati ingiustamente contro altri amministratori della provincia di Ragusa. Processo che a questo punto sono io a chiedere che venga celebrato al più presto possibile e nella forma più pubblica possibile per dare spazio alla verità giudiziaria piuttosto che al chiacchiericcio calunnioso.
Riemerge comunque prepotentemente una domanda: per un’ipotesi di reato di così marginale motivazione per cui si dovrebbe discutere in un processo a mio carico se erano correttamente erogati contributi di solidarietà di qualche decina di euro a 4 famiglie bisognose e sulla regolarità di una proroga di un mese all’azienda dei rifiuti, fatti tutt’al più di valenza amministrativa, era legittimo lo spiegamento di forze armate, di elicotteri, e l’applicazione di misure cautelari illegittime? era necessario causare danni all’erario pubblico e danni materiali e morali alle persone oggetto di misure consacrate come illegittime anche dalla Cassazione? era opportuno diramare immagini e notizie lesive della dignità personale e professionale senza avere in mano neanche degli indizi di reato? Ad oggi nessuno ha chiesto scusa per questi macroscopici errori mentre l’errore giudiziario persecutorio persiste .

 

ALTRE NOTIZIE

Corso sulla sicurezza sul posto di lavoro organizzato da ANAS
L´anas (Associazione Nazionale di Azione Sociale) regionale Lombardia, come è noto, ha organizzato  corsi di formazione sulla sicurezza d...
Leggi tutto
PANTELLERIA: UBRIACO ALLA GUIDA MINACCIA E OLTRAGGIA I CARABINIERI. ARRESTATO
Nella notte tra domenica e lunedì appena trascorsa i Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno tratto i...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO: CONTROLLI A TAPPETO DEI CARABINIERI: 8 PERSONE DENUNCIATE E 4 SEGNALATE COME ASSUNTORI DI DROGA
Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio svolti negli ultimi giorni a Mazara Due e Salemi, i Carabinieri ...
Leggi tutto
Il lavoro è democrazia. Il PNRR occasione di sviluppo e di rilancio dell´economia del nostro Paese.
La recente manifestazione unitaria organizzata dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil tenutasi qualche giorno fa...
Leggi tutto
TRAPANI: NOTTE DI PASSIONE IN HOTEL SENZA PAGARE IL CONTO DENUNCIATA DAI CARABINIERI GIOVANE COPPIA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Trapani hanno denunciato una giovane coppia, entra...
Leggi tutto
Cedimento sulla strada che porta alla stazione ferroviaria di Castellammare del Golfo. La frana dal costone tufaceo prima del bivio per la spiaggia Playa.
«In corso un sopralluogo sulla strada 187 che conduce alla stazione ferroviaria di Castellammare, poco prima del bivio nord per la spiaggia Playa, dov...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web