Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 16/06/2018 da Direttore

Festa della Patrona e gelato di campagna

Festa

Un binomio indissolubile che lega la tradizione, alla storia e alla devozione

La storia si è fermata da Castrenza Pizzolato ad Alcamo


La festa del patrono o della patrona. Eccolo. È questo il momento più intriso si emozione e devozione, tradizione e identità, per ogni paese o città che voglia continuare, nel solco del suo passato millenario, talvolta caratterizzato da avvenimenti che meritano una pagina sul libro dell’evoluzione della società nella nostra Sicilia, la sua storia.

Ed in questa festa, le luminarie accese, i giochi pirotecnici e la devozionale processione, dove fede e curiosità si fondono insieme in maniera indissolubile, non può mancare, questo si protagonista indiscusso, il gelato di campagna.

Ed anche ad Alcamo, dove ristrettezze economiche ed incapacità organizzative la fanno da padrone, dove spariscono le luminarie e cade in sonno il tradizionale gioco pirotecnico “di lu bastiuni”, non può mancare, nei bar e nelle bancarelle, quelle si, fortunatamente ancora presenti, questo dolce fantasioso, irresistibile, avvincente alla vista e più irresistibile nel palato, quello che, i vecchi, ormai davvero pochi sulle panchine di “piazza della Repubblica” e di “piazza Pittore Renda”, chiamavano e tuttora appellano come il “gelato di campagna”.

Sembra un gelato, come tutti gli altri, ma in realtà non lo è. Si tratta del gelato di campagna, dolce tipico della tradizione siciliana.

A Palermo, solo per fare un esempio, viene abitualmente consumato nel periodo del Festino di Santa Rosalia e fa capolino sulle bancarelle insieme a calia e semenza. E lo stesso accade ad Alcamo dove abili pasticcieri devoti ad una tradizione che non può scomparire, espongono, orgogliosi e “priati” in bella vista.

Si tratta di uno splendido dolce coloratissimo ed affascinante già al primo sguardo.

Il suo ingrediente cardinale è lo zucchero ed ha la caratteristica, ineguagliabile, unica, impareggiabile, di sciogliersi in bocca, proprio come un gelato vero e proprio.

Si potrebbe definire – così ama riferire l’abile pasticciera Castrenza Pizzolato - come una varietà del torrone, tenero e solitamente a tre colori, che, a ben vedere, richiamano, forse volontariamente, il tricolore.

Oltre allo zucchero, tra gli ingredienti principali c´è anche il pistacchio, che gli assegna il caratteristico colore verde (più o meno brillante), mentre bianco e rosso sono estratti da coloranti vegetali.

A perfezionare la bontà del gelato di campagna cooperano mandorle, cannella e frutta candita, altri sapori tradizionali ed unici della splendida, calda, profumata Sicilia.

Il gelato di campagna, quello prodotto, ancora con la ricetta tradizionale dalla Pasticceria di Castrenza Pizzolato, è di origine araba.

Dall’altronde è facilmente immaginabile stante la presenza di zucchero e la possibilità che questo dolce aveva ed ha di dissetare chi lo gusta pur non essendo conservato in frigorifero.

In seguito, vuole la storia del dolce, venne preparato nei monasteri (cosa che, per la verità, accadeva spesso, specie in Sicilia, per i dolciumi) e si diffuse molto nel 1860, per acclamare, ecco perché il colore rievocativo del tricolore italiano, l´arrivo di Garibaldi e l´annessione (o la conquista) all´Italia.

Da allora (sono trascorsi, come se nulla fosse, almeno per il dolce, 156 anni) è sempre presente e inconfondibile, in tutte le feste popolari, ad Alcamo, come in ogni altro centro di questo magnifico paradiso chiamato “Sicilia”.

Nel corso del tempo, questo prodotto peculiare siciliano si è adattato alle nuove richieste e ai nuovi gusti,, ha cambiato colore, ad esempio con l’aggiunta del cioccolato, spesso di copertura, e si è affinato nell´aspetto, ma non ha per queste ragioni, perso il suo legame intimo con la tradizione, con l’identità di questa terra, rimanendo sempre fedele, però, alla sua versione originale.

La versione che palati raffinati possono e devono gustare nella via Fratelli Sant’Anna in Alcamo, dove l’abilità di Castrenza Pizzolato, mantiene intatta la tradizione. Qui, la storia si è fermata e rimane immutato il gusto delle preziosità della pasticceria siciliana.


 

ALTRE NOTIZIE

ALCAMO. I CARABINIERI ARRESTANO UN 27ENNE: AVEVA DANNEGGIATO L’AUTO DEL SUO RIVALE IN AMORE
I Carabinieri della Stazione di Alcamo, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato nella flagranza dei reati di porto abusi...
Leggi tutto
TRAPANI. CONTROLLO DEL TERRITORIO: I CARABINIERI DENUNCIANO 6 SOGGETTI PER VARI REATI
Nella giornata di ieri, 19 ottobre 2020, i Carabinieri della Compagnia di Trapani, hanno condotto un servizio di controllo straordinario del territori...
Leggi tutto
BORSA DI STUDIO - SuperNews
Università, opportunità borsa di studio per un milione di studenti italia...
Leggi tutto
La Sicilia dell’innovazione a Smau
La Sicilia dell’innovazione a Smau
Quindici le...
Leggi tutto
Dan John apre un punto vendita a Trapani e cerca personale
Dan John apre un punto vendita a Trapani e cerca personale
Leggi tutto
Fondazione Nicola Trussardi, Milan | LAST WEEK: Ragnar Kjartansson – THE SKY IN A ROOM | on view until October 25, 2020
FONDAZIONE NICOLA
TRUSSARDI
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web