Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 12/06/2018 da Direttore

Aquarius: MSF chiede sbarco immediato delle 629 persone a bordo verso il porto sicuro più vicino

Aquarius:
Poi trasferirle in Spagna o in altri paesi sicuri per ulteriore assistenza.

11 giugno 2018 – Medici Senza Frontiere (MSF) chiede agli Stati membri dell’Unione Europea di facilitare lo sbarco immediato delle 629 persone soccorse nel fine settimana nel Mediterraneo e ora a bordo della Aquarius, la nave di ricerca e soccorso gestita da SOS Mediterranee in collaborazione con MSF. La nave si trova ancora al largo delle coste di Malta e Italia, i paesi che dispongono dei porti sicuri più vicini e che stanno fornendo approvvigionamenti, ma che continuano a negare l’autorizzazione a sbarcare.

MSF ha molto apprezzato l’importante segno di solidarietà della Spagna, che ha offerto Valencia come porto di sbarco. Ma raggiungere la Spagna implica che le persone soccorse, già esauste, dovrebbero sopportare altri quattro giorni di navigazione in difficili condizioni e con il meteo in peggioramento. Le autorità italiane hanno offerto di trasferire 500 persone su altre navi e navigare insieme fino a Valencia. Per MSF l’opzione migliore è di sbarcare le persone soccorse nel porto più vicino, a Malta o in Italia, e successivamente trasferirle con altri mezzi in Spagna o in altri paesi sicuri per ricevere ulteriore assistenza umanitaria e legale.

“Non è possibile rimandare ancora lo sbarco” ha detto il dr. Dan Beversluis, medico di MSF a bordo della Aquarius. “La priorità deve essere di sbarcare immediatamente tutte le 629 persone – tra cui 123 minori non accompagnati, 11 bambini e 6 donne incinte – nel porto sicuro più vicino. La situazione medica a bordo è stabile per ora ma le persone sono esauste e sotto pressione”.

Quando le persone soccorse in mare saranno state sbarcate in un porto sicuro, i governi e le istituzioni europee dovranno individuare le migliori soluzioni condivise per supportare i paesi in prima linea come l’Italia che devono gestire gli arrivi di rifugiati, richiedenti asilo e migranti sulle proprie coste.

“Negare lo sbarco a persone disperate soccorse in mare non può essere considerata una vittoria: è la risposta sbagliata alla mancanza di responsabilità e condivisione degli oneri tra gli Stati membri dell´Unione Europea” dichiara Aloys Vimard, coordinatore di MSF a bordo dell´Aquarius. “Tutti i governi e le istituzioni europei devono entrare in azione e sostenere i paesi che sono in prima linea a gestire gli arrivi dal mare, come l´Italia, per garantire soluzioni condivise e porre fine all’inaccettabile silenzio e inazione degli Stati europei.”

MSF è particolarmente preoccupata per diversi pazienti con sindrome da annegamento e ipotermia che erano stati rianimati. Questi pazienti vengono monitorati attentamente perché potrebbero sviluppare rapidamente seri problemi polmonari per aver aspirato acqua di mare. Ci sono 21 pazienti con gravi ustioni chimiche dovute alla prolungata esposizione al mix di carburante e acqua salata. Questi pazienti sono stabili ma avranno bisogno di medicazioni continue nei prossimi giorni e settimane. Infine, ci sono diversi casi ortopedici gravi con infezioni associate che richiedono una valutazione chirurgica immediata e interventi che MSF non è in grado di fornire sulla nave. 

Dettagli del soccorso
Le 629 persone a bordo dell´Aquarius sono state soccorse nella notte tra sabato e domenica, in sei diverse operazioni di salvataggio e trasferimento nell’arco di 9 ore, tutte sotto il coordinamento della Guardia Costiera Italiana (MRCC). Il soccorso di 2 gommoni è diventato critico quando uno dei due è collassato nel buio e oltre 40 persone sono finite in acqua, poi recuperate dal team di soccorso. Dopo aver recuperato di 229 persone da queste imbarcazioni, l’MRCC ha chiesto all´Aquarius di accettare il trasferimento di altre persone che erano state soccorse da navi della marina e della guardia costiera italiana il 9 giugno. L’Aquarius ha ricevuto un trasferimento di 129 persone dalla nave della Guardia costiera italiana (CP 312), poi altre 64 da una seconda nave della Guardia costiera italiana (CP 319) e infine altri 88 sopravvissuti da una terza nave della Guardia costiera italiana (CP 267). Più tardi la nave San Giusto ha aiutato i team dell´Aquarius ad effettuare l’ultimo trasferimento: 119 naufraghi trasferiti dalla nave mercantile italiana MV Jolly Vanadio a bordo dell’Aquarius. L’MRCC italiano ha coordinato tutte queste azioni dal principio e ha assunto la responsabilità del soccorso di tutte queste persone. Ma dopo aver trasferito le persone soccorse dalle navi delle autorità italiane sull’Aquarius, l’Italia ha poi rifiutato di assumersi la responsabilità di offrire un porto sicuro alle persone soccorse. 

 

ALTRE NOTIZIE

Corso sulla sicurezza sul posto di lavoro organizzato da ANAS
L´anas (Associazione Nazionale di Azione Sociale) regionale Lombardia, come è noto, ha organizzato  corsi di formazione sulla sicurezza d...
Leggi tutto
PANTELLERIA: UBRIACO ALLA GUIDA MINACCIA E OLTRAGGIA I CARABINIERI. ARRESTATO
Nella notte tra domenica e lunedì appena trascorsa i Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno tratto i...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO: CONTROLLI A TAPPETO DEI CARABINIERI: 8 PERSONE DENUNCIATE E 4 SEGNALATE COME ASSUNTORI DI DROGA
Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio svolti negli ultimi giorni a Mazara Due e Salemi, i Carabinieri ...
Leggi tutto
Il lavoro è democrazia. Il PNRR occasione di sviluppo e di rilancio dell´economia del nostro Paese.
La recente manifestazione unitaria organizzata dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil tenutasi qualche giorno fa...
Leggi tutto
TRAPANI: NOTTE DI PASSIONE IN HOTEL SENZA PAGARE IL CONTO DENUNCIATA DAI CARABINIERI GIOVANE COPPIA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Trapani hanno denunciato una giovane coppia, entra...
Leggi tutto
Cedimento sulla strada che porta alla stazione ferroviaria di Castellammare del Golfo. La frana dal costone tufaceo prima del bivio per la spiaggia Playa.
«In corso un sopralluogo sulla strada 187 che conduce alla stazione ferroviaria di Castellammare, poco prima del bivio nord per la spiaggia Playa, dov...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web