Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 10/05/2018 da Direttore

Mazara: Periferica riporta alla luce uno spazio ipogeo dimenticato da secoli

la scoperta durante alcuni lavori per Evocava, il futuro museo delle cave. Lo spazio monumentale, di quasi tremila metri quadri, conserva numerose iscrizioni e date, alcune risalenti al 1800.
Mazara nasconde una quantità indefinita di spazi ipogei di origine naturale o antropica, ricavati nei secoli per ottenere quel tufo dorato che definisce le facciate dei nostri monumenti e delle nostre abitazioni. Quel materiale sottratto alla roccia restituisce adesso una città sotterranea fatta di cunicoli, grotte e cave sotterranee alte diversi metri.
Come quella scoperta dai giovani di Periferica che, dopo alcune ricerche ed analisi all’interno della propria cava, hanno compreso la possibilità che oltre il muro di un’antica galleria si celasse qualcosa. E infatti, dopo aver aperto un varco, essi si sono calati nel ventre della cava scoprendo un enorme spazio ipogeo grande quasi tremila metri quadri e chiuso da decenni.
Abbiamo iniziato i lavori con l’idea di organizzare gli spazi destinati al museo, e magari confermare qualche deduzione -afferma Carlo Roccafiorita, fondatore e project manager di Periferica. Una di queste ipotesi ci ha indotto a rimuovere alcuni conci di tufo da un muro che tappava quella che sembrava essere soltanto l’ingresso di una piccola galleria. Ma ben presto ci siamo resi conto di avere scoperto uno spazio molto più grande del previsto. Allora abbiamo allargato il varco, ci siamo calati e -con la supervisione di uno speleologo (Salvino Titone, ndr) abbiamo iniziato ad esplorare, camminando decine di metri e scoprendo tantissime iscrizioni, tracce ed oggetti. Dopo decenni le nostre orme tornavano a tracciare uno spazio inimmaginabile, quasi lunare. Siamo rimasti senza fiato.
Periferica, che dal 2013 porta avanti un percorso analitico e visionario sul futuro delle cave, ha da pochi mesi vinto un finanziamento promosso da Fondazione Unipolis per sviluppare, proprio all’interno della propria cava, uno spazio museale che descriverà la Mazara sotterranea, promuovendo itinerari turistico-culturali in grado di riportare questi luoghi al centro di nuove dinamiche di sviluppo del territorio. Il progetto, dal nome Evocava – museo evocativo delle cave, presentato al MiBACT di Roma lo scorso novembre, coinvolge già 4 cave del quartiere Macello e, in sinergia con l’università di Palermo, riunisce diverse realtà e professionisti del territorio siciliano con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio etno-antropologico delle cave di Mazara.
Mario Tumbiolo, architetto ed autore di diverse pubblicazioni, ha affermato che questa sorprendente scoperta potrebbe aiutare a comprendere l’evoluzione delle tecniche estrattive dei cavatufi, oltre all’utilizzo che questi spazi hanno avuto dopo il periodo di estrazione. All’interno dello spazio, infatti, sono state trovate diverse date (1820, 1826, 1830, 1834) che identificherebbero gli anni di apertura dei diversi cantieri in opera. È molto probabile inoltre che la cava sia stata utilizzata come rifugio antiaereo durante la guerra: lo testimonia l’iscrizione di una data -1939- ed il ritrovamento di alcuni beni di prima necessità quali medicinali, giocattoli, viveri.
Questa scoperta -afferma Paola Galuffo, curatrice di Periferica- ha un valore che sentiamo il dovere di tutelare e promuovere. Mazara è piena di luoghi simili e speriamo che questa scoperta costituisca il primo passo verso quel riconoscimento culturale che meritano. Le cave sono l’impronta madre della nostra città ed è un patrimonio che vogliamo portare alla luce attraverso l’innovazione, la progettazione, la partecipazione, in un processo che immaginiamo essere di natura tanto pubblica quanto privata.
Periferica, che nell’ambito di Evocava coinvolge già diverse istituzioni e partner, ha espresso la propria disponibilità alle autorità competenti affinchè lo spazio diventi sicuro e fruibile attraverso un’operazione sinergica.

Evocava – conclude Carlo – è un progetto che mira fin dall’inizio a coinvolgere la comunità. La maggior parte della cava è stata interessata da crolli, ma vi è una parte facilmente accessibile che non presenta lesioni e che si presenta ancora stabile. Lì potrebbe essere interessante svolgere alcune campagne di scavo collaborativo, come già succede in meravigliosi esempi come la Galleria Borbonica di Napoli. Abbiamo già trovato molte testimonianze, ma bisogna considerare che il suolo originario è più profondo di oltre due metri rispetto a quello attuale. Cosa può nascondersi sotto il fango?

Non rimane quindi che seguire Periferica ed attendere nuovi sviluppi.

 

ALTRE NOTIZIE

Massimo Lanzaro pubblica “Il medico dell´anima”: nuovi approcci alla cura dei disturbi psicologici e psichiatrici post-pandemia
Lo psichiatra e autore Massimo Lanzaro presenta questa interessante e innovativa antologia saggistica, per riflettere su nuovi percorsi di cura e diag...
Leggi tutto
«Borderside – Psicoracconti»: il nuovo libro della scrittrice e psicologa Valeria Sassu che indaga sulle luci e ombre dell’animo umano
Storie di vita e di morte, di odio e amore, di unioni e abbandoni di anime in subbuglio Borderside – Psicoracconti racconta in maniera introspettiva ...
Leggi tutto
Conferenza Stampa di presentazione del progetto TRAP rivolto alle ragazze e ai ragazzi segnalati dall’Autorità Giudiziaria. Giovedì 29 settembre al porto di Catania
Giovedì 29 settembre alle ore 11,00 presso il porto di Catania, molo di Levante, presso il Mediterranea Yachting Club (https://maps.app.goo.gl/...
Leggi tutto
Pesi, il raffadalese Vincenzo Farruggia vince il campionato italiano nelle specialità Powerlifting.
Vincenzo Farruggia, 21 anni di Raffadali, è il nuovo campione italiano di Powerlifting specialità stacchi da terra. Il giovane pesista,...
Leggi tutto
Questomondodimax e degli inseparabili Ciuk, Ciarlino Gustavo e Dari, l´Italia al voto
la vignetta esprime tutto ...
Leggi tutto
Corsi gratuiti con il progetto Giovani Sport e benessere cofinanziato dalla regione lombardia
Il progetto “Giovani Sport Benessere” - GSB coinvolge una partnership di n. 4 membri. E’ coordinato da Anas Lombardia con la partecipazione attiva di ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web