Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 03/05/2018 da Direttore

Alla riscoperta del valore della ruralità con il corso di intreccio di materiale vegetale organizzato dall´A.N.A.S.

Alla
La riscoperta del valore della ruralità sostenuta dalle politiche di sviluppo hanno accelerato in questi ultimi anni la riscoperta dell’attività sociale in agricoltura, promuovendo servizi alla persona, riscoperta di antichi mestieri, interazioni con piante ed animali, contatti con spazi e ritmi diversi da quelli ordinari, tutto ciò ha favorito la nascita di nuovi segmenti occupazionali.

Iniziative estrinsecate in maniera dinamica e moderna, attraverso l’offerta di alcuni servizi: assistenziali, formativi, educativi, d’inserimento lavorativo e sociosanitari.

Un ruolo che il mondo agricolo ha sempre svolto in maniera naturale con una scarsa propensione alla monetizzazione. E proprio in questa ottica l’A.N.A.S. Provinciale di Palermo, sempre vicino al settore dell’arte e dei mestieri, con il suo vulcanico presidente Antonino Vara, ha realizzato un interessantissimo corso d’intreccio di piante vegetali della durata di due giorni.

Un corso che ha evidenziato, così com’era nell’idea del suo organizzatore, diversi aspetti: Sociale, Culturale ed anche Occupazionale; hanno partecipato quindici iscritti, così come era stato previsto dal bando.

L’iniziativa si è svolta a Campofelice di Roccella presso la sala convegni del ristorante “Il Ghiottone”; i docenti sono stati il noto otorinolaringoiatra palermitano Dr. Francesco Caruso, appassionato cultore dell’arte dell’intreccio di piante vegetali e il giornalista e scrittore Mario Liberto.

Il corso è stata un’occasione d’incontro, un luogo dove apprendere un’arte, una competenza e sviluppare una passione. Per il presidente provinciale di Palermo Antonino Vara “Il corso proposto ha rappresentato una vera sfida scaturita dalla convinzione che ogni essere umano ha, insito nel proprio essere, delle competenze e delle potenzialità che se valorizzate possono essere di grande contributo alla realizzazione personale e alla crescita umana e sociale della persona. Questo corso ha permesso ai partecipanti di imparare non solo l’arte dell’intreccio ma anche di incontrarsi in uno stesso luogo, ridisegnando nuovi spazi e una nuova trama, creando nodi, incontri per progettare un futuro”.

L’Unione Europea, riconoscendo questo ruolo di primaria importanza, ha canalizzato al mondo rurale alcune iniziative politico-finanziarie per favorire la rinascita di queste attività; un mix d’idee costituite da pratiche agricole a basso impatto ambientale e con metodo biologico o integrato, attività sociali e sociosanitarie, percorsi terapeutici, riabilitativi, di cura, d’inserimento sociale e lavorativo delle fasce di popolazione svantaggiate e a rischio di marginalizzazione; insomma, un più ampio bisogno di politiche di welfare su cui l’Unione Europea insiste per una rivalutazione del settore primario.

Rami annodati, incrociati, intrecciati: ecco come la creatività può trasformare una semplice attività creativa in un vero e proprio lavoro indipendente. Nodi e intrecci sono disegni carichi di simbologia in ogni cultura. Poca importa le strutture intrecciate o il materiale usato come il vimini (salice) e di altri arbusti flessibili sono state usate in orti e aiuole come elementi di utilità e decorazione. Oggi in tutta Europa è rinato l´interesse per l´intreccio vegetale, celebrato dalle creazioni dei più famosi garden designeralle mostre mercato più chic in Francia e in Inghilterra. E c´è anche chi ha ricominciato a coltivare le diverse varietà di castagno e di salice da intreccio.

Un tempo questi tipi di piante venivano coltivate appositamente per produrre ramature adatte alla costruzione di recinti, grigliati, canestri e quant´altro poteva servire in campagna, ma l´avvento della plastica ha fatto scomparire gli artigiani capaci di mettere a frutto l´antico sapere dell´intreccio manuale. E all’intreccio eseguito con i più diversi materiali viene riconosciuta la capacità di potere realizzare elementi dalle dimensioni illimitate formate da componenti dalle dimensioni illimitate; soprattutto quando queste erano eseguite a mano, cioè quando non erano condizionate da macchine seppure rudimentali, le dimensioni del prodotto finito potevano estendersi di volta in volta tenendo in considerazione solo l’utilizzo finale.

Di questa riscoperta ne sono protagonisti gli stilisti Dolce&Gabbana che hanno riproposto, in salsa tutta siciliana, le antiche coffe realizzate con le foglie della palma nana adornata con giummi colorati e rappresentazioni dei nostri pupi a prezzi sbalorditivi. Insomma, l’arte dell’intreccio non è assolutamente morta ma può essere una scommessa per tante persone di trovare una occupazione stabile e duratura.

 

ALTRE NOTIZIE

Il 14 giungo si terrà a Partinico il convegno "In principio erano i pomodori. Storia di diritti, doveri e nuova cittadinanza"
Il 14 giugno alle ore 17.00 presso l’atrio del Palazzo dei Carmelitani a Partinico in c/so Dei Mille 252 si terrà il convegno: “IN PRINCIPIO ER...
Leggi tutto
A Scopello, la due giorni di degustazioni "Tastavino"
Una due giorni di degustazioni, attività e musica: al via oggi, venerdì 31 maggio, nella piazza del borgo di Scopello, la prima edizione...
Leggi tutto
Erice. Commemorato il 32° anniversario della morte del Carabiniere Gennaro Esposito
E´ stato celebrato questa mattina il 32° anniversario della morte del Carabiniere Gennaro Esposito, avvenuta nel 1992 -durante il servizio nottu...
Leggi tutto
Favignana. Vietato circolare in costume da bagno in centro.
Con ordinanza sindacale, in vigore dalll´1 giugno, è stato disposto dal primo cittadino, il divieto di circolazione in costume e a torso ...
Leggi tutto
Impresa Trapani: è granata la Coppa Italia di Serie D!
Niente è impossibile. Il Trapani ha vinto 2-0 in trasferta e, ribaltando lo 0-1 subito all´andata -ed ogni pronostico sfavorevole-, ha pi...
Leggi tutto
Trapani. Rimosso un residuato bellico dagli artificieri su richiesta della prefettura.
Rinvenuto sulla spiaggia innanzi alle mura di Tramontana a Trapani, il residuato bellico è stato sottoposto immediatamente ad area interdetta -...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web