Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Economia il 28/02/2018 da Direttore

PORTO DI TRAPANI, STATO DI AGITAZIONE DEI 23 LAVORATORI DELLA SCS A RISCHIO LICENZIAMENTO

PORTO
Hanno proclamato lo stato di agitazione i sindacati Filt Cgil e Fit Cisl per i 23 lavoratori dell´Impresa Portuale SCS, che operano all’interno del porto di Trapani. Tutto dopo il nulla di fatto al tentativo di conciliazione resosi necessario a causa dell’avvio delle procedure di licenziamento per tutti i 23 dipendenti.

L’impresa, nel mese di novembre, aveva stipulato un atto di affitto di ramo di azienda con la Europea Servizi Terminalistici Srl . “Un atto del quale, prima di tutto – spiegano Franco Colomba e Rosanna Grimaudo responsabili Filt Cigl e Fit Cisl Trapani -, i sindacati non sono stati avvisati nel tempo che prevede la legge, almeno venticinque giorni prima del trasferimento del ramo di azienda che è avvenuto il 27 novembre scorso. Noi lo abbiamo appreso addirittura tre giorni dopo, ma la Scs è andata avanti con i licenziamenti contravvenendo a una serie di norme e di articoli, come quello del codice civile, che prevede la continuità del rapporto di lavoro in caso di cessione di rami di azienda (articolo 2112)”.

Di fatto, quindici lavoratori che si occupano delle operazioni portuali dovevano transitare direttamente alla Europa Servizi Terminalistici, mentre i restanti otto, alla società controllante della Scs, la Newcoop, “L’intento della Scs invece è quello di proseguire con i licenziamenti, e, con la minaccia di metterli in atto, consentire alle società Est e Newcoop che in realtà controllano con le quote societarie la Scs, di definire accordi individuali peggiorativi delle attuali condizioni contrattuali e normative .
Pertanto abbiamo dovuto proclamare lo stato di agitazione e chiesto un incontro urgente all´Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale al fine di giungere a una soluzione della vicenda che rischia di avere pesanti ripercussioni di ordine pubblico, perché si tratta di lavoratori che gestiscono buona parte delle operazioni di carico e scarico merci dentro il porto di Trapani, e di ordine sociale per via della perdita di questi posti di lavoro”.

 

ALTRE NOTIZIE

Questomondodimax e degli inseparabili Ciuk, Ciarlino Gustavo e Dari, le scatole del PD
La satire è sempre stata segno ironia e di libertà sia per l’autore che per la società. Le vignette non solo sono satira ma sono ...
Leggi tutto
Sabotaggio al Nord Stream 1 e 2: un pizzino alla Germania...
Volontari per Soccorritore di animali saranno formati a Torino dalla rete ANAS
Il 15 e 16 ottobre nella sede territoriale della rete ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) Piemonte sito a Druento (TO) in strada la rubbia...
Leggi tutto
Un duro colpo al territorio Iblea salta la fiera agroalimentare
Era divenuta fiore all´occhiello della provincia iblea e, potremmo dire anche della Sicilia e del Sud Italia. “Semplicemente clamoroso. La Fiera...
Leggi tutto
a Torino nella sede ANAS sarà Presentato il romanzo sotto le stelle di Fred
Sabato 16 ottobre alle ore 16.00  l´U.N.A.D.A.V (Unione Nazionale Associazioni di Volontariato e Protezione Civile), affiliata ANAS, organizza p...
Leggi tutto
A Collesano tutti insieme per l´acquisto di un mezzo per disabili con sport e musica
Il mese di ottobre per la rete associativa Anas  (Associazione Nazionale di Azione Sociale) inizia con una serie di manifestazione su tutto il territo...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web