Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 22/02/2018 da Direttore

La tratta delle donne straniere. Lotta agli sfruttatori e accompagnamento alle sfruttate

La
Varie sono le motivazioni che determinano una popolazione a lasciare la propria terra, gli affetti, la cultura, i ricordi più cari. Fra le principali cause troviamo quella economico-lavorativa, politica, culturale, religiosa, conflittuale… Mentre questi motivi sono nel complesso “liberi” (non sempre e mica tanto!), quelli che hanno accompagnato e si abbinano alla tratta è qualcosa di aberrante che dequalifica chi la compie e chi la favorisce.

Il termine, passato da participio a sostantivo, tra altri significati indica l’azione del trarre, tirar fuori, spesso con forza, da un luogo, da un ambiente, da una condizione sociale. Denota un illecito commercio di persone ma anche un ordine, quello di pagare una somma, sotto forma di cambiale, a una scadenza predefinita: le due realtà spesso si bilanciano.

Si è parlato così, fino al XIX secolo, di tratta dei negri, catturati o acquistati in Africa e rivenduti come schiavi in altri continenti, specialmente in America. Di traffico di lavoratori stranieri per collocarli illecitamente in attività svariate, sfruttandoli e lucrandoci sopra (siano negri o bianchi).

Quello, però, che fa ribrezzo è la tratta delle donne (bianche e soprattutto di colore), dei minori per trasferirli in un altro Stato e avviarli alla prostituzione a scopo di lucro, sfruttando il loro corpo, l’età, la dignità e questo avviene in un mondo sommerso. Il fenomeno non è dissimile da un’altra forma di abuso che favorisce i più abbienti, quello del turismo sessuale che parte dalle nazioni più ricche, ugualmente deprezzabile.

Su 63.251 casi, riferisce Save the Children, rilevati nel 2017 in 106 paesi, ben 17.710 (pari a 1 caso su 4) riguardano bambini o adolescenti, 12.650 appartengono al genere femminile, i minori rappresentano il gruppo più numeroso tra le vittime di tratta dopo le donne.

Nei paesi dell’Unione Europea, risultano, nel 2016, 15.846 vittime accertate o presunte, il 76% donne e il 15% minori (pari a 2.375). Le forme di sfruttamento principali sono la prostituzione forzata (67%) e lo sfruttamento lavorativo (21%).

L’Italia è un paese sia di transito sia di destinazione per le vittime. L’età varia fra i 16 e i 25 anni (nel 2016 il numero dei minori soli sbarcati sulle coste italiane è triplicato, attestandosi a 25.846 unità). Le vittime di tratta effettivamente censite e inserite in programmi di protezione sono state complessivamente 1.172, di cui 954 donne e 111 minori, in gran parte di genere femminile (84%). Dei minori rilevati dal Dipartimento per le Pari Opportunità il 50,45% è sfruttato sessualmente, lo 0,9% di minori è coinvolto in matrimoni forzati. Le donne provengono dal Lagos, Benin City, Brasile, Marocco, Cina, Egitto, Bangladesh, Ghana, Tunisia, Senegal e, dal 2004, stanno sostituendo la cosiddetta “tratta delle bianche”: ragazze provenienti dai paesi dell’Est europeo (ex blocco sovietico, Romania, Moldavia, Albania). Anche Trapani non è esclusa da questo “commercio” spudorato (gli ultimi avvenimenti lo confermano). Le donne nigeriane, soprattutto se adolescenti, destinate allo sfruttamento sessuale sono in ascesa in Italia (59,5% totale, 67% minori). Il loro adescamento parte da una cultura prevalentemente maschilista e priva d’istruzione, caratterizzato da un’elevata povertà, e avviene sovente con l’inganno da parte dei trafficanti. Una donna, non estranea alla comunità, la “maman”, si reca dalla famiglia e propone una vita migliore. La famiglia acconsente e sottopone la figlia al rito vodoo (il Vudù è una religione) o ju-ju che consiste nel taglio di una ciocca di capelli, dei peli dal pube e un pezzo di unghia (li terrà, assieme a una foto, l’adescatrice). È ripetuto “Se non onorerete i vostri debiti, morirete” e fatto pronunziare un giuramento di fedeltà che la tiene incatenata alla futura situazione di schiavitù, fin quando non avrà risanato il debito contratto; se, inoltre, non obbediranno accadrà del male alle famiglie. Imbarcate con un visto falso (durante il viaggio, nel quale sono vendute e ricomprate, possono subire ogni tipo di violenza), il viaggio è a carico della ragazza che dovrà ripagarlo alla maman. Arrivate in Italia e sottratto il passaporto, la mamam riferisce alla ragazza che deve risarcire un debito di circa 50.000 € e che l’unico modo per guadagnare soldi è prostituirsi (a sua volta sfruttando altre e spacciando). Inizia, così, al rifiuto, la violenza psicologica e fisica (spesso con lo stupro).

Le «moderne forme di schiavitù, ha detto Papa Francesco nel discorso rivolto venerdì 9 c.a. ai membri del gruppo Santa Marta al termine della conferenza annuale dedicata alla lotta contro la tratta di esseri umani, sono ben più diffuse di quanto si possa immaginare, persino — a nostra vergogna e scandalo — all’interno delle più prospere tra le nostre società». Il Pontefice ha denunciato apertamente «le diverse forme di complicità con cui la società tollera e incoraggia, particolarmente a proposito della tratta a fini sessuali, lo sfruttamento di uomini, donne e bambini vulnerabili».

La lotta ai trafficanti e agli sfruttatori, sia nelle zone di partenza sia di arrivo, deve essere irremovibile, come i controlli dei documenti alle frontiere. Per questo occorre maggiore collaborazione tra le forze di polizia e gli organismi, civili e religiosi, che vi operano.

La legge anti tratta in Italia prevede che le ragazze che decidano di uscire e accettino di collaborare e indicare la maman e i trafficanti siano ospitate in apposite comunità di accoglienza, indirizzate verso un’occupazione legale, usufruendo di un particolare permesso di soggiorno. L’anno scorso sono stati 915 i permessi di soggiorno per motivi umanitari rilasciati dalle questure italiane.

Urge una grande moralizzazione della società, degli sfruttatori del sesso e un’educazione delle donne sfruttate perché si aprano e denuncino il giro di oppressione umana.

SALVATORE AGUECI

 

ALTRE NOTIZIE

PANTELLERIA: STALKING, IN MANETTE UN 35ENNE ISOLANO
I Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti d...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO: CONTROLLI AI CANTIERI EDILI. DENUNCE E SANZIONI DEI CARABINIERI
I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Trapani, unitamente ai colleghi della Stazione di Mazara del Vallo, nell’ambito della campagna cong...
Leggi tutto
Partinico, nell’ambito dell’iniziativa il "Maggio dei libri" percorso letterario siciliano: da Verga a Danilo Dolci
Il "Maggio dei libri", è la campagna nazionale nata nel 2011 per avvicinare al mondo dei libri e della lettura, in quanto strumenti di crescita...
Leggi tutto
Al via la Fiera del Fumetto a Palermo, inaugurata Expo Comics & Games, giochi e divertimento fino a domenica
Un’esplosione di energia e colori a Palermo. E’ stata inaugurata la fiera del fumetto “Expo Comics & Games”. Grande affluenza da subito, tantissim...
Leggi tutto
FAVIGNANA: PENE DEFINITIVE DA SCONTARE. IN CARCERE 2 SOGGETTI
I Carabinieri della Stazione di Favignana hanno tratto in arresto due soggetti che devono scontare la pena in un istituto penitenziario per reati comm...
Leggi tutto
CASTELVETRANO: AUTO VA A FUOCO MA ERA SOTTO SEQUESTRO. DENUNCIATO IL PROPRIETARIO CHE CONTINUAVA AD USARLA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano sono intervenuti, unitamente a personale dei Vigili de...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web