Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 03/12/2017 da Direttore

“ERAM MARE” DI BALDO CAROLLO PRESENTATO AL COLLEGIO DEI GESUITI

“ERAM
Che ve ne sembra di questo sistema? Del sistema del mare? Del finito e l’infinito? Del silenzio solo intorno al sibilo fuggente di una mosca? Delle onde selvagge a perdita d’occhio? Dello scorrere del tempo? Il contenimento di passato, presente e futuro? La trasposizione di finitezza e infinitezza? Dell’alternarsi, davanti al mare si crespa, del giorno e della notte? Dell’essere e del non essere?
Che ve ne sembra di questo destino atroce che ci trasforma, che polverizza il divenire delle nostre certezze? Del sole che fa biondo l’ampelodesma curvato dal vento?
“Eram mare”, l’omaggio di Baldo Carollo al mare della Sicilia, la sua e la nostra, non contiene la verità ma racchiude per certo una qualche magia, che dal seno della realità si trasporta in quello del nulla. Quando la Providenza non dà spirito alla penetrazione, allora e solo allora, bisogna rinunziare all’opera sublime dello svolgimento del pensiero, alla conoscenza del come, alla creazione!
La scienza, nel senso in cui questi assurdi sistemi l’hanno presa, ha tradito se stessa, ha tradito il proprio scopo, ne si riduce, in ultima analisi, ad illuminare le tendenze dell’uomo per fargli conseguire la maggiore felicità possibile che è appunto il suo fine. Ed allora, io, come uomo, avverto e «sento la divinità di un attimo che dentro sé contiene l’eternità, la divinità del mio corpo che contiene tutti i mondi». La realtà, infatti, avendo prima, nel proprio essere, la ragione della propria esistenza è. E in questo è la ripugna del passato e dell’avvenire, ma anche del presente. E in questo si concretizza, per un mare che è capace di sognare in qualunque momento e in qualunque circostanza, l’eternità.
Vero è che ad essere felice, come pressantemente ci ricorda Baldo Carollo, il conoscere solo non basta, poiché è anche operare, ma è vero anche che gli atti s’informano anche dalle conoscenze, e le conoscenze s’iniziano dalle idee dominanti di un sistema? Un sistema che, anche se è il mare a sintetizzarlo e idealizzarlo, essendo vero e giusto, può dare idee rette e giuste, e la rettitudine e la giustezza delle idee influisce potentemente sulle intenzioni e sulle opere, le quali poi sono quelle che conducono l’uomo alla felicità che ardentemente desidera. Un sistema falso vi darà effetti diametralmente contrari. Felicità che, come la tristezza, sono puri atti di egoismo. L’egoismo nella volontà è stata la sorgente che ha bruttato la purezza della verità, che l’ha resa, in diversi tempi, mostruosa nei diversi miti e nelle forme più o meno inette e ridicole. È l’egoismo che ha corrotto il cuore umano che è divenuto lordato dalle più sozze passioni. E l’uomo torna in silenzio. «Tutto è illusione anche il pensiero, anche la preghiera, devo farmi vuoto, così vuoto da essere solamente Essere» ribadisce con forza l’autore Baldassare Carollo per invitare l’uomo, quello che legge e quello che ascolta il mare, ad aprire «le porte dell’aldilà».
Baldassare, l’autore brillante di “Eram mare”, è certo che un sistema completamente falso non può darsi agli altri e neppure al mondo, perché la falsità totale equivale al nulla della verità. Evidentemente il Nostro si chiede se vi è, dunque, qualche elemento vero, qualche elemento confuso con elementi falsi, cioè supposti e non reali; oppure se l’elemento vero non è bene analizzato sino alle ultime sue possibilità. Certo egli è certo che il sistema risulta falso ed incompleto e che le conseguenze, se sono legittimamente dedotte, debbono risentirsi dell’indole dei princìpi: la storia del mare e del suo mutevole presentarsi e rappresentarsi, conferma questo enunciato; «corde fradice nell’andirivieni torbido e nulla facente dell’onda» con insistenza ribadisce il professore Carollo, alla ricerca d’una fluidità di pensiero, facilitata proprio dall’assenza del punto, in tutta la narrazione della loquacità della sua coscienza.
Per evitare gli errori che provengono da un falso sistema, Baldassare Carollo fa si che il rimedio da adottare, prostrato l’animo al mare, sia la via che porti alla radice del male, e perciò al terzo elemento di relazione, nell’attuazione della psicologia e dell’ontologia; l’uomo, innanzi al mare (come lo è, costantemente Baldo Carollo nel suo fluire), entra in contatto con elementi molteplici e si stringe all’ontologico per quanto è, a lui, più possibile, notomizzando i fatti, diffidando dalle sensazioni; e lì, li replica e li paragona col presente e col passato. In un continuo vorticoso ed elicoidale viaggio nel sé che diventa altro e che ritorna a sé.
Il sistema più conforme all’ordine reale delle cose, dunque è un sistema del “mare” (come pare suggerire Baldo Carollo) che, abbracciando tutti i fatti dello scibile umano, riunendoli, confrontandoli e ordinandoli, ne deduca i princìpj reali alla stregua degli elementi da cui sono tratti, che, sollevandosi da questi dati noti e irrecusabili fino all’ultima loro ragione, vada di fronte la realtà. E poi, dal punto supremo della sua altezza, scorge com’ella, senza salti alcuno, generi tutta l’estensione dalla umana scienza; un sistema in fine che arrivi coll’impadronirsi di un principio unico generalissimo, il quale mentre il prodotto dello scibile è intero, poscia ritornando sui propri passi, ne divenga la divisa unica, la misura più certa, la radice più estesa, la sorgente universale. Innanzi a questo principio i mari tutti si passeranno a rassegna, la parte pura sarà dall’impura distinta, e come ci atterremo alla prima, così rigetteremo la seconda. L’opera dell’Ecclettico che unisce le parti dei più contrari dei sistemi e l’opera più nobile dell’uomo, sono, entrambi, innanzi al mare che, fornito di un principio unico ed infallibile, accoglie tutti i sistemi che gli si presentano ad esso, e li avvicina, e li giudica nella identità, li accoglie, e nella dissimiglianza li rimanda.
Questo è “Eram mare” del prof. Baldassare Carolo a cui va il mio grazie per avere dato il via ad una nuova speculazione filosofica, “quella del mare” che era, nel suo molteplice divenire che ci sfugge e che si impone di rincorrere.

 

ALTRE NOTIZIE

Corso sulla sicurezza sul posto di lavoro organizzato da ANAS
L´anas (Associazione Nazionale di Azione Sociale) regionale Lombardia, come è noto, ha organizzato  corsi di formazione sulla sicurezza d...
Leggi tutto
PANTELLERIA: UBRIACO ALLA GUIDA MINACCIA E OLTRAGGIA I CARABINIERI. ARRESTATO
Nella notte tra domenica e lunedì appena trascorsa i Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno tratto i...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO: CONTROLLI A TAPPETO DEI CARABINIERI: 8 PERSONE DENUNCIATE E 4 SEGNALATE COME ASSUNTORI DI DROGA
Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio svolti negli ultimi giorni a Mazara Due e Salemi, i Carabinieri ...
Leggi tutto
Il lavoro è democrazia. Il PNRR occasione di sviluppo e di rilancio dell´economia del nostro Paese.
La recente manifestazione unitaria organizzata dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil tenutasi qualche giorno fa...
Leggi tutto
TRAPANI: NOTTE DI PASSIONE IN HOTEL SENZA PAGARE IL CONTO DENUNCIATA DAI CARABINIERI GIOVANE COPPIA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Trapani hanno denunciato una giovane coppia, entra...
Leggi tutto
Cedimento sulla strada che porta alla stazione ferroviaria di Castellammare del Golfo. La frana dal costone tufaceo prima del bivio per la spiaggia Playa.
«In corso un sopralluogo sulla strada 187 che conduce alla stazione ferroviaria di Castellammare, poco prima del bivio nord per la spiaggia Playa, dov...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web