Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 03/10/2017 da Direttore

Il sogno inclusione nella scuola. Un convegno per ricordare i quarant’anni della Legge 517, apripista nel sentiero dell’integrazione

Il
Lo scorso anno erano quasi 225mila gli alunni diversamente abili che frequentavano la scuola pubblica statale, quest’anno il dato è aumentato di circa 10mila unità. Nella scuola primaria sono oltre 83mila gli alunni iscritti e frequentanti e nella scuola secondaria di II grado con circa 66mila studenti.

Questi dati sono stati presentati nel corso del seminario di studio promosso dall’UCIIM (Unione Cattolica Italiana Insegnanti) e dall’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana), per ricordare i 40 anni della Legge 517 del 1977. A Catania nell´auditorium degli Uffici della Presidenza Regionale, giornalisti e docenti hanno avuto modo di riflettere e ripercorrere il cammino dell’integrazione scolastica, che colloca la scuola e la società italiana ai primi posti, almeno per l’apparato legislativo.

Il cammino del coraggioso inserimento dei disabili a scuola, promosso dalla legge 517, ha esordito il preside Giuseppe Adernò presidente dell´Ucsi di Catania e moderatore dell’incontro, è stato completato dalla Legge quadro 104 che regolamenta il processo d’integrazione, ed ora è proteso nella direzione dell’inclusione sociale.

E‘ merito della Legge 517, che ha abolito gli esami di riparazione, l’introduzione a scuola del docente di sostegno che nel tempo ha sempre più qualificato la sua competenza professionale ed ora con la legge 107/2015 della “buona scuola “ il docente di sostegno fa parte integrante dell’organico dell’autonomia e tutto ciò dovrebbe ridurre la girandola di docenti che crea sempre disagio, specie agli alunni con difficoltà di apprendimento e di adattamento.
L’esperienza sul campo della preside Agata Di Luca, per diversi anni coordinatrice per le attività di sostegno nelle scuole nella provincia, ha apportato all’incontro un valido contributo presentando l’attività del gruppo interistituzionale che coinvolge gli operatori della sanità, le associazioni dei disabili e delle famiglie. Anche le successive leggi che derivano dalla 517, come la recente legge 112 che regola il “dopo di noi” e contribuisce alla costruzione di un progetto di vita per il disabile, sono state illustrate dal dott. Giuseppe Greco, componente della commissione regionale della Sanità.

A 40 anni di distanza della Legge 517, emanata appunto il 4 agosto del 1977 si constata come ancora oggi molti problemi rimangono ancora insoluti, e ne ha dato ampia testimonianza il giornalista Carmelo Barcella, vittima di in incidente stradale e da 38 anni in carrozzina. La sua testimonianza ha commosso e coinvolto il pubblico nella tematica di strisciante disattenzione sociale di cui spesso i disabili sono oggetto.
Ai segni di efficienza e di reale attenzione verso i disabili presenti in alcune regioni, si contrappone spesso un profondo degrado e abbandono in altre. Occorre cambiare dimensione e cultura nel considerare la diversità una risorsa ed un impegno civile “camminare nelle scarpe dell’altro”, “stare insieme e non solo accanto”.

Nel corso dell’incontro sono state ricordate due figure emblematiche della cultura e prassi dell’integrazione nella provincia di Catania: la prof.ssa Lucia Lozupone, presidente regionale del CNIS (Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati), e il preside Francesco Capodanno dell’UCIIM, da sempre sostenitore concreto dell’integrazione e di una “scuola di tutti e per ciascuno”. La loro scomparsa lascia un vuoto incolmabile e nel corso dibattito, su richiesta di una docente è stata ribadita la funzionalità del GLI (Gruppo di lavoro per l’inclusione), presente in ogni scuola “con il compito di collaborare alle iniziative educative e d’integrazione predisposte dal piano educativo”, e con “funzioni di raccordo di tutte le risorse specifiche e di coordinamento, presenti nella scuola”.

L’intervento del dott. Luigi Anile. responsabile dell’Associazione Diritti del Malato ha fatto sentire la voce dei deboli e l’urgenza di una dinamica e sinergica CittadinanzAttiva. Compito del docente educatore e del bravo giornalista è quello di “saper guardare tutti e osservare ciascuno” e seguire con amorevolezza quanti sono “ bisognosi di particolari attenzioni.

 

ALTRE NOTIZIE

Decreto si sequestro urgente emesso dal Tribunale di Trapani riferibili a tre soggetti
Nelle giornate scorse, Agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Anticrimine della Questura di Trapani e Finanzieri del Nucleo di ...
Leggi tutto
Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato incredibilmente dalla Polizia
E´ nota a molti la vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell´Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in...
Leggi tutto
Attivazione nuovi servizi per i volontari del Comitato di Alcamo di Croce Rossa
Due prestigiosi traguardi sono stati centrati dal Comitato di Alcamo della Croce Rossa.
Leggi tutto
IL SINALP SICILIA PROMUOVE IL PROGRAMMA PER L’INTEGRAZIONE E LA DIGNITA’ DELLE DONNE NEL LAVORO
IL SINALP SICILIA PROMUOVE IL PROGRAMMA PER L’INTEGRAZIONE E LA DIGNITA’ DELLE DONNE NEL LAVORO  Leggi tutto
Lega: Hopps nominata coordinatore enti locali per Sicilia
Sarà Maricò Hopps a coordinare gli enti locali del partito di Salvini in Sicilia. Mazarese, già candidata alle elezioni europee, ...
Leggi tutto
Casena Dei Colli sostiene i lavoratori con idee innovative al tempo di Covid
Al tempo del covid-19 gli imprenditori orientano la loro attività di produzione di beni e servizi tenendo conto di quelle che sono le norme che...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web