Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 30/09/2017 da Direttore

Paolo Battaglia La Terra Borgese aprirà domenica a Palermo la kermesse pittorica più attesa dell’anno

Paolo
Prende avvio a Palermo la Prima Edizione Italiana di “50x50=150”, kermesse che propone 28 dipinti su tela 50x50 espertizzati su richiesta da Paolo Battaglia La Terra Borgese per certificarne qualità e quotazione. Un’ottima occasione d’investimento con un prezzo unico di 150 euro indipendentemente dal valore reale. Inaugurazione domenica 1 ottobre alle 9 del mattino in una delle sedi lungo Le Vie dei Tesori, si tratta del Convento del Carmine Maggiore (tel. 338 9272153) a Palermo in Via Giovanni Grasso 13/a nello storico quartiere di Ballarò.
“Un´idea luminosa con un pizzico di follia, convinti anche noi che siano le persone a cambiare le città” sostiene il critico d’arte Paolo Battaglia La Terra Borgese” - e continua “Si tratta di un esperimento col proposito di avvicinare tutti al mercato del collezionismo dell’arte senza vincoli di portafoglio. I dipinti a tutta tela montata apposta su telai profondi sono stati pensati per essere appesi senza cornice alla parete. Un progetto di appuntamento annuale tra offerta e domanda a disposizione dei cittadini e dei turisti in virtù di un accordo con gli Autori che mira a contrastare un mercato fermo e promuovere l’interesse dei singoli all’arte. A fare da motore 28 tele che solo una volta l’anno si potranno acquisire con soli 150 euro. Il quadro è un’opera d’arte che risponde alle esigenze di arredamento come a quelle del regalo di nozze o Natale, può essere il dono alla inaugurazione di un’attività o alla celebrazione di un anniversario o compleanno. Un regalo di cultura da tramandare e sempre presente a casa di chi lo riceve. Pensiamo di estendere “50x50=150” in tutt’Italia. Nel caso di questa prima edizione ho scelto l’artista Nunzio Giangrande per le sue straordinarie doti di gusto narrativo, nella sua purezza d’animo rappresenta qui a Palermo con la sua pittura ciò che Coppedè rappresenta a Roma con la sua architettura: libertà di pensiero estetico aperto a tutte le intuizioni. Di fatto Nunzio Giangrande non si priva assolutamente delle sue schiette ed istintive inclinazioni d’artista, ma nemmeno rinuncia al culto dell’antico, dacché nelle sue migliori opere tuttavia emergono sempre peculiari doti di morbida, armoniosa e quasi sensuale eleganza, comunque distanti dai composti e freddi schemi classicistici da lui perseguiti. Le caratteristiche peculiari delle sue opere sono: estrema preziosità del modellato e l’impeccabilità armoniosa delle linee e dei contorni. Nelle opere spicca il gusto “liberty” di un Giangrande che cerca di impostare un nuovo sentimento di libertà compositiva e di indipendenza degli stili del passato senza ridondare di decorativismo. L’artista smarrisce addirittura il concetto di stile per giungere al punto di adottare contemporaneamente gli stili storici più diversi a seconda del vario carattere dei dipinti. Non mancano dunque contaminazioni di linguaggi diversi in una stessa opera. Come nel Romanticismo Giangrande si oppone al trionfo del raziocinio e rivendica i diritti del sentimento e della fantasia con la libera creatività individuale evidentemente connotata da un carattere di soggettiva interiorità dell’opera d’arte. Il Giangrande rifugge volutamente nei dipinti da ogni intendo museale per fissare liricamente atti veri di vita quotidiana ed umili personaggi che però in questa mostra esprimono l’eccezione che conferma la regola in onore Tenzin Gyatso. Di ispirazione eclettica l’arte del Giangrante eccelle nel rendere pregevoli impressioni e soprattutto delicatissime immagini sobrie e romanticamente atteggiate. Le sue opere squisitamente moderne sono un valido arricchimento “di rottura” e di luce in ogni ambiente classico, e sono pure un prezioso complemento d’arte e di arredo gioioso in tutti gli ambienti. Desidero ringraziare tutti quanti hanno reso possibile tutto questo, in modo particolare Amicizia tra I Popoli, che con la guida del suo Presidente Antonio Dolce ha curato l’organizzazione e curerà pure la fruizione del pubblico insieme al Responsabile del percorso espositivo Giovanni Garofalo presidente della Domus Carmelitana”. La mostra e aperta 7 giorni su 7 dalle 9 alle 12 fino al 15 Ottobre.

 

ALTRE NOTIZIE

Mazara del Vallo – La Polizia di Stato arresta quarantaduenne marsalese per una rapina a una attività commerciale del centro storico mazarese.
Non conosce soluzione di continuità l’attività di contrasto alla criminalità condotta dagli age...
Leggi tutto
Lezioni di teatro online con la drammaturga Lina Prosa
Lezioni di teatro online
con la drammaturg...
Leggi tutto
Coronavirus, parte il Corso di psicoprofilassi al parto Online del Consultorio familiare di Alcamo
Sono nove le future mamme che hanno partecipato al primo incontro del Corso di psicoprofilassi al parto Online o...
Leggi tutto
Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà senza smart working Digitalizzazione prioritaria per il 67%
Ricerca “Future of Work 2020” di Osservatorio Imprese Lavoro Inaz e Business International
Leggi tutto
IL SINALP INVITA I SICILIANI A DENUNCIARE IL FEDERALISMO DEI RICCHI
Questo Governo Nazionale continua imperterrito nella distruzione del Sud facendo propria, al contrario, la famosa ma...
Leggi tutto
Giornata internazionale delle persone con disabilità 2020
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani vuole ricordare che il prossimo 3 dicem...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web