Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 26/07/2017 da Direttore

Custonaci: dal 28 luglio la Mostra "Multiculturalità - I migranti nell´arte contemporanea - Dialogo tra Giovanni Iudice e Domenico Pellegrino"

Custonaci:
A Custonaci si parla di immigrazione, accoglienza e sensibilizzazione su una questione internazionale, che aldilà della cronaca passa sotto silenzi e indifferenza con una mostra e con l´accensione di un´opera. Una collaborazione tra il Comune di Custonaci e la Fondazione Sgarbi.

La Mostra "Multiculturalità - I migranti nell´arte contemporanea" - Dialogo tra Giovanni Iudice e Domenico Pellegrino" negli spazi del Centro Culturale Espositivo del Marmo, a Custonaci
Da venerdì 28 luglio (con inaugurazione prevista alle ore 21.30) fino al 4 settembre prenderà vita la mostra "Multiculturalità - I migranti nell´arte contemporanea - Dialogo tra Giovanni Iudice e Domenico Pellegrino" negli spazi del Centro Culturale Espositivo del Marmo, a Custonaci.
Giovanni Iudice è stato il primo artista a dipingere i clandestini nel mare di Sicilia. Vittorio Sgarbi lo definisce “l’ultimo pittore siciliano”. A Custonaci saranno esposti un gruppo di opere che riguardano studi a matita. Disegni, nati negli anni come idee, allo scopo di creare successivamente opere complete. I disegni partono dal periodo primordiale del tema che l´artista ha sviluppato nell´ultimo decennio a partire dal 2002. La genesi delle cose è l´idea che partorisce poi l´opera successiva, questo è il concetto del disegno, di cui lo stesso maestro se n´è asservito ed oggi il suo ciclo dei migranti, proveniente da diverse collezioni italiane, è straordinariamente esposto a Caltagirone (Museo diocesano dal 23 luglio al 7 gennaio).
«Il gruppo dei disegni primordiali, proviene pure da collezioni private e per l´occasione esposte a Custonaci per far comprendere un´arte come rappresentazione di un dramma ma soprattutto il processo creativo dietro un´opera d´arte» - cosi spiega l´artista Giovanni Iudice.
Sarà esposta anche l’opera “Sicilia”, realizzata in legno, dipinta a mano ed ornata con luci a led secondo la tecnica delle luminarie di Domenico Pellegrino, artista siciliano, che racconta la sua arte attraverso la sua terra. Le sue luminarie sono quelle che da secoli adornano le città del Sud Italia, durante le feste religiose e patronali. Il suo lavoro è un omaggio alla sua terra e a quei riti che scandiscono il tempo sacro e profano di una socialità popolare, tra sagre, processioni, prospetti barocchi, giostre, lustrini, edicole votive ed altarini accesi.
«La mia attenzione quando produco o penso un’opera, parte da quella che è la tradizione. La terra in cui vivo. Io vivo in Sicilia, a Palermo una città che ti da molto, ma che allo stesso tempo ti chiede molto. In questa città prendo ispirazione per tutto quello che penso e produco, per le mie installazioni, per le mie sculture, che coniugano artigianato e tradizione. Cioè, cerco di rendere un linguaggio tradizionale in un linguaggio internazionale.» - così dichiara Domenico Pellegrino.
La mostra sarà aperta tutti i giorni (fino al 4 settembre) dalle ore 19.00 alle ore 21.00.

Accensione dell´opera "Sicilia" di Domenico Pellegrino, alle ore 20.00, al Parco Cerriolo a Custonaci. Il Comune di Custonaci ha aderito a “Cosmogonia Mediterranea” un progetto che vede protagonista la “Sicilia”, un’opera di Domenico Pellegrino, che sarà illuminata sabato 29 luglio, alle ore 20.00, al Parco Cerriolo, a Custonaci e in contemporanea a Lampedusa e Capo d’Orlando. Prima dell´accensione, un momento musicale con la giovanissima Norah Wanton, al pianoforte. Di madre trapanese e padre cubano, nasce e vive a Granada. Inizia a suonare il pianoforte all’età di 4 anni e la sua grande passione per la musica la porta due anni più tardi a cominciare la formazione in chitarra classica e canto. Nell’ultimo anno ha partecipato a concorsi di musica e ricevuto diversi premi. Nonostante la sua tenera età ha suonato in recital in Spagna, Regno Unito, Sicilia. Un momento teatrale con Jolanda Piazza che reciterà dei versi sui temi dell’immigrazione.

Tanti i partner di questa iniziativa: Farm Cultural Park a Favara, Museo Riso a Palermo, Fondazione Sicilia a Palazzo Branciforte, Aeroporto Falcone e Borsellino, Palazzo De Seta a Palermo.

 

ALTRE NOTIZIE

Erice: è tempo di Festa FedEricina dal 24 al 26 settembre 2021 Torri del Balio
Prenderà il via venerdì 24 settembre la settima edizione della Festa FedEricina, la manifesta...
Leggi tutto
Castellammare del Golfo: il sindaco, Nicolò Rizzo, assolto nel processo "Cutrara"
"L´affermazione della verità e della giustizia nella quale ho sempre riposto piena fiducia. Ho sempre agito con trasparenza per il bene c...
Leggi tutto
Palermo, dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio una donazione alla Missione “Speranza e Carità” di Biagio Conte
Sua Altezza Reale la Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie, Gran Prefetto Costantiniano, ha donato due tonnellate di pasta alla Missione "...
Leggi tutto
Palermo, successo per la RestArt con quasi 19 mila visitatori e 30 siti aperti anche nelle ore serali
Successo per la seconda edizione di Restart Palermo, con quasi 19 mila presenze e un incremento di circa il 30% risp...
Leggi tutto
Nasce Sostenabitaly, la community che accompagna persone, imprese e organizzazioni verso la sostenibilità integrale
Un tour per lanciare il progetto.
I Two Twins viaggeranno per l’It...
Leggi tutto
Water Fire Triathlon Etna: Luca Mancuso un uomo solo al comando
Vale la pena di scomodare Paolo Alberati per raccontare l’impresa unica al mondo di Luca Mancuso, 45 anni, agente di...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web