Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 23/06/2017 da Direttore

STRAGE VITTORIA- Depositate le sentenze della Corte di appello civile

STRAGE
Sono state depositate le sentenze della Corte di appello in merito al risarcimento dei danni riconosciuti ai parenti di alcune vittime della strage di Vittoria, vittime difese dallo studio legale Nicosia sia in sede penale che civile.
Le sentenze hanno avuto esito positivo per i parenti che avevano impugnato le sentenze di primo grado perché insufficienti erano i risarcimenti alla stregua della gravità dei fatti, del gravissimo danno morale esistenziale e dei parametri di risarcimento in uso nella giurisprudenza di riferimento per casi simili.
Unitamente alla soddisfazione per l´esito positivo degli appelli, che hanno riconosciuto la fondatezza delle nostre richieste in punto di diritto, aumentando sensibilmente il risarcimento danni per 6 dei 7 assistiti che avevano proposto appello, non si può non avanzare qualche considerazione critica sulla misura e sulle argomentazioni di una giustizia arida e un po’ tirchia nel riconoscere l´entità del dolore delle vittime e che finisce, seppur con argute argomentazioni giuridiche, a condannare i colpevoli di strage in forma minore di quanto meriterebbe la loro ferocia ed il dolore che hanno recato a genitori e fratelli delle giovani vittime di questa orribile strage.

La Corte, accogliendo le richieste di 6 parenti, dichiara l´appello fondato in quanto "occorre tenere conto oltre all´entità della sofferenza e al turbamento d´animo anche la gravità del fatto. Nella specie, è indubbia la particolare efferatezza dell´evento la cui brutalità e ferocia ha certamente inciso sull´animo dei congiunti delle vittime innocenti, cosicché si giustifica uno scostamento dei valori medi applicati dal tribunale, per giungere ad una liquidazione che si avvicini ai massimi.."
La Corte riconosce, dunque, che sussistono tutti gli elementi per addivenire, nella forbice che vi è tra minimi e massimi di risarcimento, alla liquidazione massima, sussistendo l´efferatezza del fatto, la giovane età delle vittime e dei parenti, la massima ferocia degli autori del reato, l´innocenza delle vittime; ma anziché, come sarebbe conseguenziale, riconoscere il massimo previsto dalla giurisprudenza civile, che prevede anche che tale massimale possa essere addirittura sensibilmente aumentato nella ricorrenza dei superiori requisiti, finisce con il condannare gli autori a somme comunque inferiori ai massimi di circa il 20%.
Verrebbe da chiedersi: perché questo sconto ai condannati? Cosa bisogna subire di più feroce di quel che hanno subito le vittime di questa strage, per aspirare ad ottenere il massimo previsto dalla legge e dalla giurisprudenza? Quali altri torture morali devono subire i parenti oltre quelle che nel caso concreto sembrano veramente singolari e difficili da eguagliare in ferocia e gravità? Eppure questi massimi in caso di vittime istituzionali sono stati riconosciuti ed aumentati. Nessuna voglia di paragonare le giovani vittime innocenti della strage di Vittoria a quelle storiche e di alto prestigio istituzionale che hanno subito attentati similari ma più eclatanti per l´importantissimo ed inestimabile ruolo rivestito, ma il dolore dei fratelli e dei genitori non è eguale e non va egualmente risarcito a prescindere dal cognome che si porta e dal ruolo pubblico o privato che si è rivestito?
Uno degli appelli, inoltre, non è stato accolto perché il genitore da risarcire, che lamentava l´applicazione mediana dei criteri di risarcimento danni, aveva sette figli sulla base della seguente motivazione che definirei quanto meno singolare "l´importo liquidato è da ritenersi equo non potendosi prescindere dal considerare, in relazione all´entità della sofferenza morale, che il rapporto filiale si esplicitava nell´ambito di un contesto familiare comprendente sette figli, laddove la sofferenza sarebbe stata ben più grave e profonda ove si fosse trattato dell´unico figlio. In ordine al pur grave patema d´animo che la perdita definitiva di un figlio comporta, che mai potrà essere compensato con una somma di denaro, consente di ritenere equa la liquidazione del danno effettuata dal primo giudice "sic!!!” Ma può un genitore a cui è stato trucidato un figlio innocente leggere che lo Stato gli dice in buona sostanza che ucciso un figlio si può consolare con gli altri sei e che agli uccisori va fatto uno sconto di pena perché il genitore vittima ha avuto la responsabilità di mettere al mondo 7 figli? E, ad aggravare ancor più la cosa, si aggiunge che, siccome il patema per la perdita di un figlio è cosi grave che nessuna somma può ricompensarla, allora tanto vale non liquidare ulteriori risarcimenti? Argomentazione, questa, veramente singolare.
Ecco perché, nonostante il largo successo professionale degli appelli proposti in favore delle vittime, non si riesce ad essere pienamente soddisfatti di una giustizia che stenta a mostrare un volto più umano, quanto meno nelle parole che si scrivono in sentenza, e più generoso nei confronti di chi ha sofferto. Avara con le vittime, estremamente garantista con gli autori dell´eccidio. Noi preferiamo continuare a difendere le vere vittime affinché al massimo delle sofferenze vengano corrisposti effettivi ed umani riconoscimenti.

 

ALTRE NOTIZIE

TRAPANI E MAZARA: VIOLANO GLI OBBLIGHI DELLA SORVEGLIANZA DI P.S. ARRESTATI DAI CARABINIERI
Nel fine settimana appena trascorso i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Trapani hanno tratto ...
Leggi tutto
Ospedale di Alcamo. Palmeri (Verdi Europa Verde) chiede audizione in Commissione sanità ARS
“Riguardo l’Ospedale di Alcamo ho chiesto una nuova audizione presso la
commi...
Leggi tutto
Mercoledì 27 ottobre, il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, riceverà la cittadinanza onoraria del comune di Monreale
Sua Altezza Reale il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro e Capo della Real Casa, si...
Leggi tutto
Alcamo: tunisino ricercato in Francia arrestato dalla Polizia di Stato
Era ricercato dalle autorità francesi, il cittadino straniero arrestato venerdì, dagli operatori della Polizia di Stato della Questura d...
Leggi tutto
Tra inclusione sociale e sostenibilità ambientale progetto ANAS
A seguito della riunione del tavolo di concertazione  è stato confermato anche la calendarizzazione dei programmi per il mese di novembre per q...
Leggi tutto
Fiumara d´arte: natura e cultura insieme per il futuro dei Nebrodi. Siglato un protocollo d´intesa con il parco dei Nebrodi
La Fiumara d’arte e il suo percorso si arricchiscono di un nuovo tassello. Con il presupposto di tutelare la bellezz...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web