Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 03/05/2017 da Direttore

Insieme possiamo vincere sfide e realizzare speranze

Insieme
Il Ministro dell´’Istruzione, dell’´Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, ha scritto una lettera ai settemila studenti e insegnanti che parteciperanno al Meeting Nazionale delle Scuole per la pace, la fraternità e il dialogo in programma il 5 e 6 maggio a Roma.

Segue il testo integrale del messaggio.

IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Carissime ragazze e carissimi ragazzi,

care e cari insegnanti,

care e cari tutti che parteciperete al Meeting nazionale delle scuole per la pace, la fraternità e il dialogo.

L’occasione che vi vedrà riuniti a Roma è importante: fare esperienza di valori condivisi, scoprire, con uno sguardo, una sensazione, una riflessione comune, quanto ogni altra persona possa essere parte indivisibile di noi stessi è un bellissimo modo di riflettere sulla pace e di praticarla, costruendo concretamente un futuro che ne sia pieno.

Se penso a cosa sia oggi un mondo di pace, oltre evidentemente alla costante sfida di eliminare la guerra e la violenza dall’orizzonte delle nostre società, penso ad un mondo fatto di libertà, rispetto, solidarietà, collaborazione, condivisione.

Dobbiamo tutte e tutti assumere la consapevolezza - e la conseguente responsabilità - che è insieme che possiamo vincere sfide, realizzare speranze, ottenere benessere e felicità, trovando in questo il punto di contatto tra quella dimensione globale che ormai condiziona molte delle nostre possibilità, e lo spazio locale dove effettivamente la nostra vita si svolge. Il glocale di cui giustamente parla il vostro percorso.

La strada che avete seguito e che vi porterà a Roma mi appare come un esempio nitido e coinvolgente di questa idea di pace.

Il Ministero che ho l’onore di guidare e io stessa siamo al vostro fianco, al fianco di ogni ragazza e ogni ragazzo che, come voi, sente la voglia di condividere, di rispettare, di sentirsi unito in una comunità, una comunità che sta ovviamente a noi adulti costruire intorno a voi, una comunità educante e una comunità sociale.

Siamo al vostro fianco a supportarvi nel cammino, e siamo al fianco di chi per primo vi accompagna: le insegnanti e gli insegnanti senza i quali nessuna strada si potrebbe percorrere.

La scuola è luogo in cui le nuove generazioni vengono educate al rispetto dei diritti, alla legalità, all’accoglienza, all’inclusione, alle pari opportunità e nel quale si formano donne e uomini dai quali dipenderà il futuro.

Grazie al nostro sistema di istruzione, al lavoro meritorio di insegnanti e dirigenti scolastici, grazie all’impegno di tutta la comunità, voi ragazze e ragazzi imparate cosa vuol dire essere cittadine e cittadini. Venite forniti di chiavi di lettura per interpretare i cambiamenti che avvengono intorno a voi, di conoscenze e competenze per agire con spirito critico, di volontà di intervenire, spinta ad approfondire, curiosità di scoprire, convinzione che sia giusto fare sempre del vostro meglio.

La piena cittadinanza è la base per poter credere nella pace e seguirne le tracce, senza mai cedere alla seduzione facile dell’egoismo e delle esclusioni, rispettando gli altri, le differenze, le peculiarità di ognuna e ognuno, e garantendo a tutte e tutti reali diritti. A tutto questo deve educare la scuola.

E non a caso l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, che tutti i Paesi dell’Onu hanno sottoscritto nel 2015, indica, come quarto dei diciassette obiettivi, proprio l’educazione di qualità. Che non è un semplice obiettivo, ma un moltiplicatore di risultati. È uno di quei fattori trasversali, come l’uguaglianza e la parità tra donne e uomini, che se realizzati accelerano l’intero processo di cambiamento del nostro modello di sviluppo.

È allora investendo su voi ragazze e ragazzi che possiamo costruire insieme percorsi di sostenibilità, di uguaglianza, di pace. Dobbiamo far pervadere le società contemporanee, piene di paure, chiusure, emarginazione, da un po’ delle speranze di chi come voi ne ha pieni i polmoni, la testa, il cuore. Perché, come una volta ha detto Nelson Mandela, “La pace non è un sogno, può diventare realtà; ma per custodirla bisogna essere capaci di sognare”.

E allora sogniamo, insieme a voi, una società più accogliente, che pensa ai migranti come persone e non numeri. Una società senza violenza, senza bullismo, senza slealtà, ma dove la competizione è fatta di pari opportunità e merito. Sogniamo una società senza discriminazioni, capace di realizzare appieno l’Articolo 3 della nostra Costituzione.

E, sognando, continuiamo a percorrere insieme la faticosa e appagante strada della pace.

Vi saluto con le parole del nostro Presidente Sergio Mattarella. “La pace che nasce dalla coerenza, dalla legalità, dal rispetto dell´altro, dall´amicizia, dal far proprie le speranze e le esigenze degli altri. La pace che nasce dalla fatica di dire no quando è necessario. E di dire sì quando è impegnativo.”

Vi auguro buon viaggio, alla ricerca dei sì e dei no che vi sembreranno più giusti.

 

ALTRE NOTIZIE

Il lavoro è democrazia. Il PNRR occasione di sviluppo e di rilancio dell´economia del nostro Paese.
La recente manifestazione unitaria organizzata dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil tenutasi qualche giorno fa...
Leggi tutto
TRAPANI: NOTTE DI PASSIONE IN HOTEL SENZA PAGARE IL CONTO DENUNCIATA DAI CARABINIERI GIOVANE COPPIA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Trapani hanno denunciato una giovane coppia, entra...
Leggi tutto
Cedimento sulla strada che porta alla stazione ferroviaria di Castellammare del Golfo. La frana dal costone tufaceo prima del bivio per la spiaggia Playa.
«In corso un sopralluogo sulla strada 187 che conduce alla stazione ferroviaria di Castellammare, poco prima del bivio nord per la spiaggia Playa, dov...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO. ATTI PERSECUTORI E MINACCE: I CARABINIERI ESEGUONO DUE PROVVEDIMENTI GIUDIZIARI
Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, a conclusione di indagini, hanno eseguito due ...
Leggi tutto
Sedi INPS, attivato Servizio di Prima Accoglienza senza obbligo di prenotazione
Dal 15 ottobre nelle Sedi dell’Istituto è stato avviato il Servizio di Prima accoglienza, senza prenotazione ...
Leggi tutto
A Trapani arriva il Festival del "Dia De Los Muertos"
Dal 20 ottobre al 2 novembre dall´antica tradizione messicana per la celebrazione dei defunti, 122 Ricami Art Boutique presenta il Festival del ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web