Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Tempo libero il 01/04/2017 da Direttore

La tradizione della pecorella pasquale in Sicilia

La
Con la Domenica delle Palme, giorno nel quale la chiesa universale commemora e tiene vivo l´ingresso trionfale di Gesù Cristo nella città di Gerusalemme (in sella ad un asino, osannato dalla folla che lo salutava agitando rami di palma), ha principio il periodo più intenso delle celebrazioni pasquali, il più triste, quello nel quale l’umanità tutta ritorna a riflettere, a chiedere perdono a ricercare amorevolezza e pace.
E concluso il triste triduo pasquale, ecco giungere, sperato e agognato, il giorno più allegro dopo il Natale, quello nel quale i Cristiani festeggiano la Resurrezione di Cristo Gesù, e che trova, congiuntamente alla sacralità di esso e all’alta devozionalità, un degno fare festa anche in tavola. Č assai risaputo, difatti, a Alcamo, come in ogni altra realtà isolana, che se si celebra una festività, e la Pasqua è certamente una tra le più importanti, si fa il inverosimile per omaggiarla in ciascuno dei suoi importanti particolari e, tra questi, in maniera principale, quello gastronomico.
Difatti, è possibile affermare, senza possibilità alcuna di smentita, come la cucina, e specialmente la convivialità, concorrono costantemente a prolungare la festa e a renderla maggiormente speciale, unica, irripetibile.
Le ricette prodotte per festeggiare l´importante avvenimento religioso riflettono le antiche regole della culinaria isolana, partendo proprio dai principi del buon gusto, della creatività popolare e del deferenza alla ormai antichissima tradizione.
Nella mitologia latina il termine “pascha” si sovrapponeva con “pascua” ovvero con "i pascoli" del gregge, quadi a volere esprimere proprio il ritorno dell´erba che è, senza dubbio, il principale nutrimento degli agnellini e, generalmente, degli armenti.
Come si sa, l´agnello, è, per eccellenza, il simbolo della pace, pacatezza, calma e..., naturalmente, noi siciliani lo sappiamo bene, gastronomia.
Le pecorelle in pasta reale sono, difatti, unitamente ai "Pupi cu l´ova", tra i principali dolci tipici e popolari siciliani, che adornano, talvolta abbondantemente, le tavole nel ciclo pasquale. Siffatte forme in gesso, permettono di creare degli agnelli realizzati utilizzando la pasta reale detta anche, come ben noto, di Martorana, giacché, lo abbiamo ricordato anche a proposito della frutta realizzata nel periodo della ricorrenza dei defunti, furono le suore del Monastero della Martorana a dar vita e poi sapientemente trasmettere l´arte di tali frutti.
I caratteristici agnellini di pasta di mandorle, addobbati e finanche truccati, adagiati su di un pascolo, attorniati da confettini o caramelle colorati e ovetti in cioccolata (anche quelli con disegni caratteristici), decorati con un fiocco rosso sul petto, la stella argentea in fili in testa, sul dorso lo stendardo rosso col la sigla di Cristo (somigliante a quanto nell´iconografia sacra è nella mano di San Giovanni), proprio in questo periodo, sul finire del periodo quaresimale, conquistano ciascuna pasticceria isolana per la felicità dei più ghiotti.
E tra queste pasticcerie anche quella, a noi assai nota, della principessa del gusto, la maestra pasticciera Enza Pizzolato, con laboratorio e pasticceria, in Alcamo, nella via Fratelli Sant’Anna, 39.
La pecora, in casi assai rari e fortunati, ricoperta di zucchero, quasi a volere riprodurre l’abbondante vello, fa parte dell’infanzia di ciascuno, anzi all´immaginario che modifica il dono in una squisitezza...
Ed è proprio il vello bianco, leggermente imbrunito in alcuni tratti, a caratterizzare l’assoluta novità proposta, a rievocazione del passato, da Enza Pizzolato. Un mantello che impreziosisce l’opera d’arte che diviene vibrante di vitalità e determina armonia.
Indubbiamente possiamo ritenere questo, quello del possesso dell’agnellino e, successivamente, della sua degustazione, uno degli attimi migliori durante il quale è affascinante contendersi, con la moglie o il marito, la madre o il padre, il figlio o con i fratelli e i cugini per una parte di coda, un orecchio o per la testa, che alla fine, spetta, quasi sempre al più veloce e al più fortunato...
Allora, con la piacevolezza delle immagini di questo momento di preparazione, mi auguro che ciascuno di voi possa mangiare e degustare gli agnellini prodotti, con raffinatezza e prelibatezza, dalle sapienti mani di Enza Pizzolato.

 

ALTRE NOTIZIE

Radio Empire, un’emittente in grande salute, vera e propria risorsa di un intero territorio, oggi la più seguita a Taormina e nell’intero comprensorio jonico.
In programma un nuovo corso per addetti all’uso della motosega e del decespugliatore organizzato da ANAS Collesano
Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2023 al corso per addetto all’uso della motosega e del decespugliatore. Il corso, riconosciuto ai sensi degli Art...
Leggi tutto
Vujadin Boškov e il Potere: “Rigore è quando arbitro fischia”.
Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto
Raccolta di beneficenza per le famiglie bisognose organizzata da A.N.A.S
Sabato 28 Gennaio si terrà presso dei terreni siti a Villagrazia di Palermo, esattamente in Via Starrabba, un evento benefico dedicato alla r...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web