Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 04/03/2017 da Direttore

Intervista esclusiva Ambasciatore del Marocco Hassan Abouyoub

Intervista
Ambasciatore del Marocco Hassan Abouyoub "l´Italia per far crescere il suo Pil deve guardare all´Africa".

Hassan Abouyoub è stato nominato Ambasciatore del Regno del Marocco in Italia nel 2010. Originario del Sud del Marocco, 64 anni. Poliglotta, diplomato all’Emlyon Business School, la scuola di management di Lione, è stato anche ambasciatore in Francia. Un economista e un politico di rango che in questi giorni è arrivato agli Stati generali di Distretto33. Un Ambasciatore a un’iniziativa legata al territorio? Proprio così, e forse anche per rendere applicato il concetto di glocal. Ad Hassan Abouyoub abbiamo chiesto come vede il rapporto con le reti territoriali, le nostre aziende e le opportunità che il suo Paese apre agli operatori italiani. Ci ha risposto con la consueta chiarezza

Ambasciatore, cosa lo ha portato al convegno di Distretto 33?

Innanzitutto devo dire che sono molto contento di essere stato invitato. Credo sia importante sfruttare l’opportunità di aprire un dialogo con nuovi modelli di governance territoriale con cui mi sento in grande sintonia. Penso, anche, che il Marocco sia importante per la Lombardia Per sviluppare l’internazionalizzazione delle sue aziende l’Italia deve guardare al Sud, all’Africa. E, a conti fatti, forse il cancello per l’Africa, con tutto il rispetto e tutta l’umiltà del mondo, può essere rappresentato proprio dal Marocco.

Grandi, medie e piccole imprese. Quale il vostro focus di interesse?

Direi soprattutto le medie e piccole imprese perché hanno la possibilità di adattarsi all’ambiente caratterizzato dalla competitività regionale e macroregionale. Ovviamente questo richiede un’assistenza e una spinta forte, che siamo pronti a dare, ma soprattutto una visione collettiva che sappia portare a condividere i costi dell’internazionalizzazione. E’ proprio pensando a questo che ho lanciato l’idea di una piattaforma digitale fra Lombardia e Marocco,

Il Marocco cosa offre alle aziende italiane ?

Un ambiente che è molto simile al vostro nei suoi meccanismi giuridico/fiscali. Non abbiamo inventato l’acqua calda, abbiamo preso il meglio di ciò che abbiamo in Europa.

Quindi?

Il Marocco non è un paese basato sugli interventi statali, è un paese aperto, un paese molto liberale diverso dal nostro vicinato(Algeria ndr). Questo fa in modo che non ci siano barriere, specie per i rapporti basati sulle reti territoriali. Ma non è il solo punto a favore. Siamo anche vicini culturalmente e questo facilita molto.

Meccanismi fiscali e incentivazioni. Due punti a cui le aziende italiane sono molto sensibili. Cosa trovano nel vostro Paese?

Abbiamo un sistema molto simile al vostro, ad esempio abbiamo l’Iva. Un’azienda che vuole investire da noi può contare su incentivazioni, esenzioni importanti sia su import sia su export. Per non parlare delle esenzioni fiscali sull’utile. Possono durare anche dieci anni, dipende dall’attività che si svolge.

Quante aziende italiane lavorano oggi nel vostro Paese?

Ne abbiamo più o meno 200 di medio -piccolo livello. Potrebbero essere molte di più ma l’Italia sembrava avesse dimenticato il Marocco. Negli ultimi 3 o 4 anni, però, è cambiata la storia. Oggi c’è un interesse assolutamente incredibile e crescente. Certamente anche perché l’Area del Mediterraneo è molto complicata e il Marocco è forse uno dei pochissimi Paesi con cui è facile stabilire un rapporto, per stabilità politica e modello economico. Per il resto, in questo nostro grande mare, e in particolare nella sua sponda Sud, le cose non sono affatto facili.

Un’azienda cosa deve fare per lavorare con il Marocco?

Niente di complicato. Andare lì. Ci sono referenti a livello locale e a livello centrale. Nella capitale abbiamo un’agenzia di promozione degli investimenti. Io però raccomando sempre di prendere professionisti che abbiano studi legali e fiscali e che lavorano secondo il modello italiano.

E poi?

Darsi il tempo di scoprire , di capire, di respirare il profumo del Marocco. E andare avanti

 

ALTRE NOTIZIE

Termini Imerese, Corso di analisi sensoriale: quarta lezione dedicata al vino
Si terrà venerdì 25 novembre 2022 dalle ore 16,30 alle ore 19,30 la quarta e ultima lezione del Corso di analisi sensoriale dedicata al ...
Leggi tutto
"Acchianata Ecologica", si svolgerà a Palermo il 4 dicembre la grande manifestazione di Confcommercio per l´ambiente e contro il degrado
Si svolgerà domenica 4 dicembre la “Acchianata Ecologica”, la grande manifestazione per l’ambiente organizzata da Confcommercio Palermo, che er...
Leggi tutto
MARSALA (TP): MAMMA CORAGGIO DENUNCIA LE VIOLENZE DEL FIGLIO. ARRESTATO DAI CARABINIERI
Una pensionata di 70 anni, disperata, ha trovato il coraggio, qualche giorno fa, di denunciare le continue violenze subite dal figlio 38enne che, per ...
Leggi tutto
Confasi Sicilia, Liborio Del Giudice nominato responsabile del sindacato a Trapani.
Liborio Del Giudice è stato nominato responsabile dei servizi del sindacato nella città di Trapani, “Con la nomina del Giudice- afferma ...
Leggi tutto
Davide Simeone con "Domani mi sveglio presto" alla libreria Palmieri
«Io voglio tornare indietro, voglio portare indietro gli orologi. E più passa il tempo, più la vita va avanti per te e per chiunque altr...
Leggi tutto
Laboratorio creativo tenutosi a Roma per le donne ucraine, ospite d’onore: Valerio Ranciaro manager romano
Upe4Inclusioncreative: “Fede, Fiducia, Cambiamento”. Domenica 13 novembre 2022 si è tenuto Via Pietro Bembo 30 a Roma, nella sala conferenze di...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web