Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 09/02/2017 da Direttore

PÀRCITE INSEPULTIS! - Abbiate pietà di coloro che ancora non sono stati sepolti

Alcuni giorni fa, come purtroppo capita prima o poi a tutti, dopo la morte di un congiunto presso l’Ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani, come era successo già tante volte in questi anni, con parenti e amici siamo stati costretti a vivere il nostro grande dolore e quello che per ogni famiglia è un momento delicato, all’interno di una struttura come quella dell’obitorio del suddetto ospedale che, ancora una volta, ha lasciato sconcertato, addolorato e arrabbiato.
In uno stanzone di pochi metri quadrati, ben otto cadaveri composti e distesi l’uno quasi attaccato all’altro, a pochi centimetri di distanza, si offrivano agli sguardi di conoscenti e di perfetti sconosciuti, come se si trattasse davvero di un “carnaio”…
Pàrcite insepultis: abbiate pietà di coloro che ancora non sono stati sepolti!
Otto famiglie trattate da una struttura pubblica in modo spietato (letteralmente senza nessuna pietas, senza nessun rispetto ed umanità)! Tantissime persone, di famiglie diverse, ognuna con una pena immensa nel cuore, costrette a vivere quello che è già difficilissimo da affrontare, la morte di una persona cara, senza nessuna riservatezza, senza nessuna “discrezione”, senza nessuna privacy! Tutti forzati a condividere quei pochi metri quadri con decine e decine di sconosciuti che, come te, soffrono maledettamente e che non vorrebbero tanta anonima e sofferente confusione attorno.
Pàrcite insepultis: abbiate pietà di coloro che ancora non sono stati sepolti!
D’altra parte, ognuno di quei corpi allineati nel freddo della morte e che si trovano lì dopo un percorso di malattia e sofferenza, spesso lungo e doloroso, sono ciò che rimane di una persona che è stata accudita e intensamente amata e sono preziosi per i parenti! Li si vorrebbe avere a casa per vegliarli nell’intimità della proprio focolare, per dare loro le ultime carezze, per ringraziarli nel silenzio e tra l’affetto dei propri cari, per riempirsi gli occhi di quei lineamenti così amati e conosciuti che nel volgere di poche ore sono destinati a scomparire.
Pàrcite insepultis: abbiate pietà di coloro che ancora non sono stati sepolti!
Ogni volta che ci capita di avere un congiunto o un amico morto in ospedale siamo costretti a vivere la stessa barbarie, ogni volta la medesima inciviltà! E ogni volta ho avuto la voglia di protestare con qualcuno, di manifestare il mio sdegno, di fare una proposta costruttiva! Cosa che però, ahimè, non ho fatto. Ma oggi la misura è piena e voglio ovviare.
Pàrcite insepultis: abbiate pietà di coloro che ancora non sono stati sepolti!
Non so chi potrebbe rimediare a questa situazione, chi ne abbia la competenza, e per questo motivo mi rivolgo in modo accorato a tutti voi e vi chiedo: è così difficile pensare alla realizzazione di alcuni locali con delle piccole stanzette (cosa presente in molte altri ospedali, come in quello della vicina città di Marsala) nei quali ogni singola famiglia, pur non essendo nella propria casa, possa vivere il proprio dolore in modo più privato e riservato? Delle singole stanzette “tranquille”, dove, senza una grande confusione di morti e di vivi, ognuno può essere risparmiato dal dover caricarsi anche della disperazione e del dolore degli altri e può lasciare scorrere le proprie lacrime, tra l’affetto dei propri parenti e amici, in “pace”, vegliando per le ultime ore chi abbiamo amato per una vita intera.
Non mi sembra un’impresa difficile e mi sembra invece un piccolo segno di civiltà per la nostra comunità. Per questo nuovamente vi chiedo: PÀRCITE INSEPULTIS! Abbiate pietà di coloro che ancora non sono stati sepolti! Abbiate pietà sia di quelli già distesi nella “pace” del Signore sia di quelli che piangono e che li vegliano.
Chiedo a quanti condividano questa mia richiesta di diffonderla e di dare ogni utile suggerimento perché l’obitorio della nostra città possa essere più umano, più pietoso e compassionevole.

 

ALTRE NOTIZIE

Libri dell’altro mondo: quanto e cosa leggono gli italiani tra best-seller e traduzioni

Leggi tutto

Infiorata di Noto 2021, la scalinata di via Dante Alighieri “dedicata” al Paradiso
E’ cominciata la lunga settimana che ci porterà alla 42^ edizione dell’Infiorata di via Nicolaci. Come da tra...
Leggi tutto
Cuzzupi: la scuola deve ripartire con realismo e dai territori
Il Segretario Nazionale anticipa la presentazione di nuove proposte per la scuola L’UGL Scuola, ritenendo d’assoluta importanza il confronto e la pr...
Leggi tutto
Palermo, partono i lavori miglioramento per il Castello della Zisa, San Giovanni degli Eremiti e il Chiostro di Monreale
L´Assessore Samonà: ´´Opere che migliorano la funzionalità e la capacità di accogliere i visitatori´&acut...
Leggi tutto
Festa della Mamma, Associazione Nazionale di Azione Sociale: Partorire in tempo di pandemia, un make up per le mamme e una porzione di dolcezza ai bambini
Le donne che hanno partorito durante l’ultimo anno hanno risentito degli effetti della pandemia: da un lato per il timore di contrarre il virus in osp...
Leggi tutto
Festa della Mamma 2021, Associazione Nazionale di Azione Sociale: Un “Trucco per Stare Meglio”
Domenica, 9 Maggio 2021 sarà la festa della mamma, una ricorrenza laica diffusa in tutto il mondo, in quanto ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web