Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 06/08/2016 da REDAZIONE REGIONALE

SEGESTA DIONISIACHE - CON MEDEA TORNA AD SEGESTA LA GRANDE TRAGEDIA GRECA

SEGESTA
Grande affermazione ieri sera della “Medea” da Euripide messa in scena al Teatro Antico di Segesta, per la Regia di Nicasio Anzelmo. Straordinaria l’interpretazione di Cristina Borgogni nel ruolo di Medea. Donna, amante, madre, assassina. Un ruolo che ancora una volta ha saputo interpretare quasi come una seconda pelle. Intensa, coinvolgente dall’inizio della Rappresentazione e fino alla fine, nel momento del maggior pathos, quando a Giasone viene annunciata dal Coro la morte degli amati figli e lì con lui c’è anche la madre assassina per troppo amore: Medea.
Brillante, convincente, l’interpretazione di Paolo Lorimer nel ruolo di Giasone capo degli Argonauti. Mai sopra le righe, quasi accattivante, un uomo reale, così come del resto è stato il Testo messo in scena dal regista Nicasio Anzelmo, e gli stessi Costumi di Alessandro Calabrese.
Di grande effetto la voce dell’IO di Medea. Una voce da brivido, che incuteva angoscia, paura,spavento. Una voce che rompeva il silenzio della cavea, quasi completamente occupata da spettatori, attenti e soprattutto preparati. Un pubblico davvero variegato e internazionale quello che ha assistito ieri sera alla Prima di Medea.
“Un testo che – come ammette lo stesso regista Anzelmo - partendo dalle radici del celebre mito, lo rielabora per ricavarne una drammaturgia in cui la figura di Medea è affrontata globalmente, facendo leva sul nocciolo che sembra stare alla base di tutto ciò che il mondo antico ci ha tramandato intorno a queste vicende: la famiglia. Infatti, la famiglia può considerarsi uno degli elementi cruciali di questa storia terribile e affascinante al tempo stesso: un marito e una moglie che insieme ai due figli formano un nucleo familiare e, all’interno di esso, desideri, paure, dolori, sogni, gelosie. Molto si è scritto su Medea e – dice ancora Nicasio Anzelmo - molto ci è rimasto dalla letteratura antica: l’insieme di queste tracce, simili ma incomplete, amalgamate fra loro, può rendere più minuziosa e più dettagliata la storia di questa famiglia, offrendo sia il punto di vista di Medea, sia quello di Giasone. La madre Medea entra di diritto tra le ‘madri assassine’ che uccidono i propri figli per meglio distruggere il marito, togliendo così allo sposo la tracotante tranquillità del padre il cui nome e la stirpe i figli perpetuano”.

In scena anche:Alessandra Fallucchi, Roberto Baldassarri,Valentina Ferrante, Ludovica Di Donato
Coro:Alessandro Burzotta, Clara Ingargiola, Bruno Prestigio, Roberta Andronico. Coreografie:Barbara Cacciato- Costumi e scene:Alessandro Calabrese
Aiuto regia:Giorgia di Giovanni, Antonella Compagnini - Assistente alla regia: Roberto Oliveri - Direttore organizzativo:Rossella Compatangelo
Produzione: Artelé .
Si REPLICA STASERA e DOMANI SERA alle 19,15.


Sarà TRUCULENTUS – Ovvero Intrighi d’amore in una Casa di piacere di T. M. Plauto - Regia e adattamento:VINCENZO ZINGARO ad aprire lunedì alle 19,30 la settimana ferragostana al Teatro Antico. Con:Annalena Lombardi, Piero Sarpa, Laura De Angelis, Rocco Militano, Giovanni Ribò, Ugo Cardinali, Fabrizio Passerini, Mario Piana.

In Truculentus, lo spettatore verrà catapultato tra imprevedibili colpi di scena e divertenti e commoventi dialoghi. Vincenzo Zingaro e la sua eccezionale compagnia di attori riusciranno a fondere, in una classicità d’altri tempi, caratteri e profili umani tipicamente moderni. Insomma attraverso il Testo proposto da Zingaro, Plauto non è mai stato così vicino a noi.
Musiche:Giovanni Zappalorto- Costumi:Emiliana Di Rubbo
Scene:Emilio Ortu Lieto- Luci:Giovanna Venzi
Produzione: Castalia Produzioni Teatrali

Note:
Pur considerabile una delle commedie meglio riuscite di Plauto, Truculentus è stata raramente rappresentata. L’originale riscrittura di Vincenzo Zingaro ne trasferisce la vicenda in Sicilia alla fine degli anni ’30, creando un affresco storico di grande impatto emotivo. Un Amarcord dagli echi felliniani, che ci trasporta in una scoppiettante vita di provincia, in cui i personaggi plautini si trasformano facilmente in figure familiari, dimostrando quanto il teatro latino abbia un radicato fondamento nella vita quotidiana. Una rappresentazione di Plauto davvero unica, divertente e commovente, che ci fa scoprire quanto il commediografo latino possa veramente ritenersi un nostro ‘contemporaneo’.
Si replica martedì 9 agosto alle 19.30



Il 10 Agosto alle 05,00 al Teatro Antico Arriva la seconda ALBA in Cartellone . Di scena il bravissimo - VINCENZO PIRROTTA – che vi condurrà al sorgere del nuovo giorno narrando “DON CHISCIOTTE DELLA MANCIA”, di Miguel De Cervantes. Ovvero Disgrazie ed avventure dell’ingegnoso e armato cavaliere.


Note:
Era il 1605 quando il capolavoro letterario della letteratura del Siglo de Oro fu completato. E il suo protagonista, il personaggio più celebre di tutta la letteratura spagnola, rimane ancora una figura pressoché universale, soprattutto per quanto di simbolico è racchiuso nel racconto delle sue imprese: Don Chisciotte, ‘il cavaliere dalla triste figura’ aspira a restaurare la giustizia nel mondo emulando gli eroi dei romanzi cavallereschi, eroi di una realtà tramontata, ma in cui continua fermamente a credere. Lo sguardo dell’autore è certamente più disincantato e meno ingenuo di quello del suo personaggio: Cervantes sembra infatti aver avuto l’intenzione di sottolineare, con la sua opera,l’inadeguatezza della nobiltà di allora nel far fronte ai tempi nuovi che si andavano caratterizzando per un trionfo di materialismo e per il tramonto dei vecchi ideali e insieme quella di mettere in ridicolo la letteratura cavalleresca, preferendo ai suoi eroi immaginari e pomposi, il valore di quelli veri, quello dei soldati,ad esempio che, come lui, erano stati sul campo reale delle battaglia di Lepanto.

La giornata del 10 Agosto si concluderà con l’appuntamento alle 19,15 ancora Teatro Antico – con “LA COLPA DI OTELLO” (Othello’sGuilt)
Adattamento e regia di ROBERTO CAVOSI
Con:Marco Gambino
Traduzione di Loredana Ottomano
Musiche di Alfredo Santoloci
Costumi:Marina Roberti
Assistente alla regia:Claudia Puglisi
Produzione:Associazione Culturale Oltreconfine

Note:
La colpa di Otello è un monologo per un solo attore, il quale si trova a dover interpretare un personaggio doppio in cui convivono sia Otello che Iago. Otello è un carcerato condannato all’ergastolo, o meglio, condannato a rivivere in eterno le sue colpe; Iago, dal canto suo, costituisce per ‘il Moro’un alter ego imprescindibile e complementare:una specie di anima nera, una coscienza cattiva, una ‘voce’di cui la gelosia di Otello ha continuamente bisogno di alimentarsi. E per distruggersi. L’adattamento di Roberto Cavosi utilizza esclusivamente battute dell’originale shakespeariano, cercando, con rispetto filologico, di non forzarlo e di non tradirlo mai.

Othello’sGuilt andrà in scena dal 20 settembre all’1 ottobre 2016 al Rose Theatre Bankside di Londra


Teatro Antico – 11-12-13 agosto, ore 19.15

ANNATA RICCA
di N. Martoglio
Regia:Giuseppe Romani
con
TUCCIO MUSUMECI
MIKO MAGISTRO
e
Margherita Mignemi, Lorenza Denaro, Evelyn Famà, Lucia Fossi, Roberto Fuzio, Enrico Manna, Claudio Musumeci, Luigi Nicotra, Alessandro Pizzimento, Marina Puglisi,
Giampaolo Romania, Laura Sfilio, Giovanni Strano, Giorgia Torrisi
Musiche:Matteo Musumeci
Coreografie: Silvana lo Giudice
Costumi: Rosa e Mela Rinaldi
Scene: Jacopo Manni
Produzione:Teatro della Città

Note:
È il 29 settembre, siamo in tempo di vendemmia. Nella notte di San Michele, la natura esplode durante la raccolta dell’uva e la pigiatura; siamo in una campagna siciliana, per l’esattezza in una masseria catanese È il tramonto. La festa della sera scatena gli istinti più nascosti. Fa caldo. Il sudore del lavoro si trasforma nel sudore dell’accoppiamento. Giovani e meno giovani sono preda dei propri desideri.
Massaro Michelangilu, maturo marito della giovane Grazia e padre di Pina, una ragazza inquieta, riesce ad allontanare dalla moglie Marianu, smanioso di sessualità ma non può impedire che egli seduca invece la figlia.
Un racconto gioioso e intricato,i cui fili più volte s’aggrovigliano e si sbrogliano. La libera e spontanea coralità della festa si alterna alla coralità imposta dal lavoro: i due momenti s’intrecciano alternando l’inquietudine dell’impegno alla gioia del tempo libero. Il contesto è quello della povertà, della fatica e del dolore e gli attori esprimono il tentativo umano di dimenticare angustie e sofferenze affidandosi totalmente alla festa e alla trasgressione, anche se poi, di fatto, non sono altro che palliativi.










 

ALTRE NOTIZIE

Giuseppe Fisicaro: l´imprenditore siciliano premiato come ´Digital Publishing Company of the Year´ a Dubai
Un traguardo significativo per Digital Noises. Grazie al notevole impegno e agli straordinari risultati ottenuti nell´ultimo anno in Asia, sopr...
Leggi tutto
Avviata l’attività di sostegno ai nuclei familiari in difficoltà
In Sicilia si registra il 27% di nuclei familiari che vivono in condizioni di povertà, un dato che negli ultimi hanno è sempre stato cre...
Leggi tutto
Progetto “EXTRACT”: inizio delle attività
L’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di iniziative e pr...
Leggi tutto
Avviato il Progetto "Equality"
L’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di iniziative e pr...
Leggi tutto
Il Vescovo in Tribunale a Marsala: "giustizia e grammatica dell´umano in questo luogo".
«In genere quando si entra nel Tribunale si entra con un senso di timore. Oggi qui sperimentiamo che dentro questo luogo dove si rispettano le leggi c...
Leggi tutto
Anas spettacoli: concerto della band "Radio Rewind" un tributo Patty& Bertè.
Oggi, Venerdì, 5 luglio alle ore 21.00, sede estiva del BRAVO´, in via Massimi Losacco n°4 Bari, ULTIMI POSTI per il Concerto della&nb...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web