Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Tempo libero il 29/07/2016 da REDAZIONE REGIONALE

TRESSETTE: SCOPRI LE VARIANTI DI QUESTO DIVERTENTE GIOCO

TRESSETTE:

Il tressette è considerato da molti come uno dei giochi di carte più complessi e difficili da apprendere. La ragione di questa diffidenza generale nei confronti del tressette è da ricercarsi prevalentemente nell´apparente difficoltà del suo regolamento che può generare un po´ di confusione iniziale. Ma è del tutto normale provare quel senso di incapacità iniziale, specialmente per una persona a digiuno di giochi di carte.

È un errore considerare il tressette come un gioco per sole menti brillanti, poiché chiunque può avvicinarsi a questo gioco e acquisire le strategie mentali necessarie per vincere.

Ma cosa sappiamo concretamente sulle origini del tressette? 

In realtà, quella del tressette è una storia ancora oggi avvolta nella nebbia: c´è chi crede sia nato in Spagna e chi sostiene sia originario della città italiana di Napoli. 

Tra le testimonianze raccolte nell´arco della storia troviamo il documento “Prammatica” emanato dal Viceré di Napoli del 1631, contenente delle descrizioni di questo gioco. Ma il tressette fu descritto anche nel testo di una canzone molto antica, risalente al 1650 circa: la canzone Michelemmà racconta di come i turchi giocassero a tressette già allora.

Altre testimonianze provengono dal Codice di Chitarrella, una raccolta che descrive le regole di alcuni giochi di carte tra cui anche il tressette. I testi sono stati scritti in latino e attribuiti ad un certo Signor Chitarrella di cui però non sappiamo molto. 

Tra le varie storie che raccontano le probabili origini del tressette vi è anche la leggenda che attribuisce la nascita di questo gioco ad un gruppo di quattro muti: questi avrebbero inventato il tressette, ovvero un gioco di carte in cui i gesti potevano rimpiazzare tranquillamente le parole. 

Anche l´origine del nome è abbastanza controversa; occorre infatti specificare che alcuni aspetti del tressette variano in base alla regione in cui viene giocato: in alcune versioni di questo gioco, 3 sette hanno un valore di 3 punti, mentre in altre si credeva che il Tre, ovvero la carta più alta, avesse lo stesso valore del Sette e da lì sarebbe nato “il Tre è il Sette”. 

In realtà, per comprendere il vero potenziale del tressette, basta avvicinarsi gradualmente alle regole del gioco e praticarlo con costanza fino a padroneggiare sia i ragionamenti che i regolamenti. In questo articolo cercheremo di fare una panoramica generale sulle varianti del tressette, ovvero sulle varie declinazioni che hanno reso questo gioco popolare in ogni regione italiana. 


Le varianti del Tressette


Il tressette nasce come un gioco per 2, 4, o 8 persone. La variante maggiormente praticata è quella a 4 giocatori divisi in due squadre da 2. Per giocare si utilizza un mazzo da 40 carte piacentine, napoletane, ma anche bergamasche o siciliane. Nel tressette tradizionale, ogni giocatore punta ad ottenere più punti possibile, sia dal mazzo sia con le napoli e i bongiochi. 


Tressette a perdere


Esiste poi una versione molto particolare del tressette nella quale l´obiettivo principale non è vincere, bensì perdere. Si chiama proprio “Tressette a perdere”, ma è conosciuto anche con il nome di “Traversone”, o “Rovescino” ed è identico al tradizionale Tressette ma con un´eccezione: lo scopo del gioco è accumulare punti a perdere. Questa variante si può giocare in quattro, cinque oppure in otto giocatori. 


Tressette in due giocatori


Il tressette in due si gioca sempre con una distribuzione iniziale di 10 carte a giocatore e con un mazzo di 20 carte coperte poste al centro del tavolo. Il giocatore che conquista la mano ha diritto a prendere la prima carta del mazzo, che dovrà subito mostrare al suo rivale prima di sistemarla tra le proprie carte. Quando arriverà il suo turno, anche l´altro giocatore farà lo stesso. Il gioco continua con questa dinamica fino al termine delle mani. 


Il Tressette con la chiamata al Tre (o la chiamata del Tre)


Il Tressette a chiamata del tre si gioca seguendo le classiche regole del tressette ma con le squadre composte appunto “a chiamata”: in questo caso, il giocatore che è di mano deve chiamare una carta di valore Tre di un seme qualsiasi purché non sia in suo possesso. A questo punto, il giocatore che possiede tale carta diventa in automatico il suo compagno di squadra.


Il Tressette col morto


Questa variante del Tressette si gioca in tre: il “morto” rappresenta infatti il compagno assente del mazziere, ovvero di colui che distribuisce le carte. Al morto vengono distribuite le 10 carte canoniche, che vengono posizionate sul tavolo scoperte per permettere al mazziere di giocarle al turno del morto. 


 

ALTRE NOTIZIE

Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto
Raccolta di beneficenza per le famiglie bisognose organizzata da A.N.A.S
Sabato 28 Gennaio si terrà presso dei terreni siti a Villagrazia di Palermo, esattamente in Via Starrabba, un evento benefico dedicato alla r...
Leggi tutto
Al via alla formazione generale per i volontari del Servizio Civile Universale presso le sedi A.N.A.S.
Il 19 gennaio ha avuto inizio il percorso formativo generale per i volontari vincitori del Servizio Civile in Digital Generation ed Educare Digitale. ...
Leggi tutto
La guerra ai…”castelli di sabbia".
Abuso d’ufficio? A pensar male…

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web