Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 27/07/2016 da REDAZIONE REGIONALE

DIONISIACHE SEGESTA - A LEZIONE DI STORIA CON I GIOVANI ATTORI DEL TEATRO FONDAMENTA SCUOLA DI TEATRO

DIONISIACHE
La Guerra di Troia come non si era mai sentita quella messa in scena ieri sera al Teatro Antico di Segesta, dai giovani attori del Teatro “Fondamenta Scuola Teatro”. Una lezione di storia antica a cui probabilmente molti studenti assisterebbero volentieri per conoscere, la sanguinosa guerra combattuta tra Achei e Troiani e poi Achille, Ettore, Agamennone, Elena, Menelao e ancora Paride.

“LA GUERRA DI TROIA”- racconto di autori vari per la regia di Francesco Sala, movimenti scenici di Paola Maffioletti – e Musiche di Stefano Marcucci, è stata la protagonista assoluta della serata di ieri al teatro Antico di Segesta.

A fare da scenografia - solo con un cavallo di legno su un drappeggio e ai lati due lunghi bastoni.
Una scena spoglia accoglie dunque gli attori, tutti giovanissimi e tutti bravissimi: Anna Roberta, Asiei Michela, Casertano Riccardo, Cavaliere Ivano, De Medici Marta, De Nicola Michela, Di Tommaso Simone, D´ippolito Anna, Giusto Jonathan, Guida Vincenzo,Iantorno Vincenzo, Lami Andrea, Lucidi Federico, Malavasi Giulia, Mancino Marzia, Mandolfo Achille, Mencaraglia Clizia, Pagano Rossella, Sablone Luca, Spinozzi Rachele, Stabile Flaminia, Ventura Davide.

L’apertura è del Prologo. Appassionante e chiarissimo il suo racconto che introduce allo spettacolo che seguirà il pubblico; ieri sera davvero variegato, tantissimi gli stranieri, tanti i bambini attenti e silenziosi, molti gli adulti.


La Guerra di Troia, come non l’avete mai sentita quella messa in scena nell’ambito del Calatafimi Segesta Festival – Dionisiache 2016.
Una Guerra di Troia“raccontata attraverso un testo nuovo e trasversale. Attraverso il montaggio intrecciato di brani della poesia di Omero e Virgilio, di Saffo e Mimnermo, di Eschilo, Sofocle, Euripide, Aristofane e Seneca fino a Dante e Brecht”. Ma la Guerra di Troia del regista Sala, in scena – “ha preso la forma del contrasto drammatico, del cunto, della musica, della danza e, dello spazio di un convivio popolare e contadino, di una scanzonata festa in una delle tante periferie perdute del nostro tempo”.
E poi all’arrivo dell’Indovino“La Guerra di Troia” - “diventa anche riflessione sull’ingiustizia e sull’inutilità di tutte le guerre”.


Un lavoro teatrale creato all’interno di uno dei tanti “Laboratori Spettacoli” - che vengono realizzati a Calatafimi, e tutto questo grazie alla lungimiranza dell’Amministrazione comunale e del sindaco Vito Sciortino e del direttore Artistico del Festival, Nicasio Anzelmo. Da qui a fine agosto, nel Borgo Antico vivranno e lavoreranno infatti circa duemila e cinquecento giovani artisti, che arrivano da ogni parte d’Italia e che poi debutteranno al Teatro Antico di Segesta con le loro Compagnie e i loro lavori teatrali. Anche i giovani attori di ieri sera facevano parte di questa carovana di giovani promesse che riempie in questi due mesi le strade della cittadina con la loro allegria e simpatia.


Il Calatafimi Segesta Festival – Dionisiache 2016 dopo la pausa di stasera ritorna con IL CICLOPE (U CICLOPU) di Euripide, in programma al Teatro Antico –il 28-29luglio alle ore 19.15

Ovvero una farsa mitologico-politica nella versione siciliana di Luigi Pirandello.

La Regia è di Francesco Polizzi. Con: Roberto D’Alessandro,e con Francesco Polizzi, Giancarlo Commare. Coro:Alfredo Giordano, Giovanni Sicurello, Elena Chiavetta, Simone Meschini, Roberto Luongo, Deborah Di Francesco, Giuseppe Palazzolo.
Scene e costumi: Giuseppe Santilli - Aiuto Regia: Livia Tura - Musiche: Francesco Accascina.
Note:
L’episodio messo in scena è forse il più celebre del poema omerico, e il più ricco di fascino: esso vede Odisseo scontrarsi con la forza bruta e selvaggia. Ma la rielaborazione di esso in forma di dramma satiresco,conduce la storia sotto una luce diversa: grazie alla mediazione farsesca di Sileno e del coro di satiri lo scontro tra Odisseo e il Ciclope perde le connotazioni angosciose e metafisiche del racconto omerico e si trasforma in satira politica sull’uso della forza. I tre protagonisti sembrano infatti incarnare le tre possibilità fondamentali della dialettica politica dei rapporti di forza: il tiranno, l’eroe ribelle e la zona grigia. Da un lato il potere del Ciclope, tirannico in senso moderno, fondato unicamente sulla forza e sull’aperto rifiuto di qualunque limite («La forza è il vero dio, il resto non sono che chiacchiere e belle parole»).
Di fronte a questo potere si trova l’eroe Odisseo, che, invece di fuggire o sottomettersi ad esso, decide di affrontarlo faccia a faccia, per orgoglio e per onore, per non perdere la propria dignità («Non scapperò! Se bisogna morire, morirò da prode, o da vivo serberò l’antica fama»). La sua ribellione ha l’effetto di svelare definitivamente il lato empio del potere, la sua natura di forza bruta. «Nessuno è mai scampato» dalle maglie di questo potere, minacciano i satiri sottomessi: ma proprio Nessuno, Odisseo, riuscirà a spezzarne per la prima volta le maglie.

Sabato 30 luglio, alle ore 19.15 il Palcoscenico del Teatro Antico ospita invece un grande artista italiano. Poliedrico, pungente, istrionico, simpatico. Un artista completo.
Lo abbiamo sentito in radio, lo abbiamo visto in televisione, cinema, teatro.
In due parole: Enrico Montesano.
Per il pubblico di Segesta porterà in scena “VITA SEMISERIA E AVVENTURE DI UN COMICO SEMISERIO”.
Con lui sul palco il maestro Riccardo Russo.
Note:
«Ebbene sì, confesso. Mi metto a nudo! Nudo integrale? Pardon, confessione integrale? Bhe, diciamo una confessione in mutande!». Cinquant’anni di palcoscenico, successi televisivi e teatrali con incassi record, Enrico Montesano si cimenta in una confessione senza reticenze che fa ridere e commuovere a un tempo, piena di quell’acuta verve che gli ha fatto meritare il soprannome di vurcano de Roma. Un fuoriclasse dello spettacolo italiano nel suo scoppiettante umorismo in uno show dall’ironia travolgente che, percorrendo ricordi lucidi e graffianti,offre un ritratto del nostro paese senza veli e senza pudori.



Teatro Antico – 31 luglio, ore 19.15

FEDRA
di Seneca
Regia: CARLO CERCIELLO
Con:Imma Villa, Fausto Russo Alesi, Bruna Rossi, Fausto Russo Alesi, Sergio Mancinelli
E con: Polic Greco, Simonetta Cartia, Federica Cavallaro, Maddalena Serratore, Nadia Spicuglia, Claudia Zappia
Coro: Accademia D’arte Del Dramma Antico, Sezione Scuola Di Teatro “Giusto Monaco”
(Valerio Aulicino, Dario Battaglia, Alessandro Burzotta, Andrea Cannata, Aurora Cimino, Carla Cintolo, Cinzia Coniglione, Corrado Drago, Alice Fusaro,Desiree Giarratana, Marcello Gravina, Ivan Graziano, Virginia La Tella, Anita Martorana, Riccardo Masi, Vladimir Randazzo, Sabrina Sproviero, Francesco Torre, Giulia Valentini, Arianna Vinci)
Produzione:I.N.D.A. Siracusa

Note:
Fedra è la tragedia della passione e delle contraddizioni umane, la tragedia di una donna che per amore non esita a ribellarsi alle convenzioni sociali ed etiche della società di cui si sente ‘privilegiata’ prigioniera. Sposa di un marito che non esita a tradirla e del quale si sente affettivamente ed effettivamente vedova, Fedra identifica nel mondo del figliastro Ippolito un miraggio di libertà e di passione che, pur di avere, è disposta a pagare con la vita. In Fedra si confondono e si sovrappongono le due figure di Teseo padre e di Ippolito figlio – che Seneca strategicamente non fa mai incontrare tra loro – fino ad arrivare a una completa sostituzione, nel cuore della donna, tra lo sposo e il figliastro. Questa sovrapposizione e questo scambio suggeriscono alla regia la scelta di far interpretare allo stesso attore entrambi i ruoli di Teseo e di Ippolito.
Fedra è un’opera assolutamente moderna e tragicamente umana:Seneca vi mette al centro il senso profondo dell’essere umano, la sua fragilità,ed è pieno di ammirazione per questa donna capace di riscattare le proprie colpe e il proprio senso della dignità e del pudore dandosi sì la morte, ma senza rinunciare fino alla fine alla tragica e sincera ammissione dei propri sentimenti.














 

ALTRE NOTIZIE

Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità dona una talea dell’Albero Falcone all’istituto comprensivo “Renato Guttuso” di Carini
Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità di Reggio Calabria che svolge attività di gestione, tutela e conservazione della Foresta demania...
Leggi tutto
TRAPANI: RAPINA AGGRAVATA E LESIONI PERSONALI. SCATTA IL PROVVEDIMENTO PER UN 24ENNE
I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di ...
Leggi tutto
Palermo, a 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon: conferenza di BCsicilia
In occasione dei 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon BCsicilia, in collaborazione con la Rettoria di San Francesco Saverio, organizza...
Leggi tutto
Termini Imerese, Corso di analisi sensoriale: quarta lezione dedicata al vino
Si terrà venerdì 25 novembre 2022 dalle ore 16,30 alle ore 19,30 la quarta e ultima lezione del Corso di analisi sensoriale dedicata al ...
Leggi tutto
"Acchianata Ecologica", si svolgerà a Palermo il 4 dicembre la grande manifestazione di Confcommercio per l´ambiente e contro il degrado
Si svolgerà domenica 4 dicembre la “Acchianata Ecologica”, la grande manifestazione per l’ambiente organizzata da Confcommercio Palermo, che er...
Leggi tutto
MARSALA (TP): MAMMA CORAGGIO DENUNCIA LE VIOLENZE DEL FIGLIO. ARRESTATO DAI CARABINIERI
Una pensionata di 70 anni, disperata, ha trovato il coraggio, qualche giorno fa, di denunciare le continue violenze subite dal figlio 38enne che, per ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web