Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 12/06/2016 da REDAZIONE REGIONALE

SICILIANTICA – ATC L’ASSOCIAZIONE CHE VIAGGIA: NELL’AMBITO DEL CORSO DI ARCHEOLOGIA SUBACQUEA LA VISITA GUIDATA A REGGIO CALABRIA (BRONZI DI RIACE)

SICILIANTICA
25 - 26 Giugno 2016
Sabato 25 Giugno
Ore 7,30 Partenza da Palermo (Piazzale Giotto-Lennon).
Ore 8,00 Partenza da Termini Imerese (Piazza S. Antonio).
Ore 11,30 Arrivo a Reggio Calabria e visita guidata al Museo del Bergamotto. Oltre a tracciare un vero excursus sul prezioso agrume, l’esposizione mostra un’ampia rassegna dell’archeologia industriale con le macchine da estrazione che risalgono all’inizio del Settecento, le prime a vapore degli anni Ottocento e quelle che applicano i motori elettrici nei primi del Novecento, per poi giungere all’industria degli anni Sessanta e al suo boom economico.
Ore 13,00 Pranzo libero.
Ore 14,30 Arrivo in Hotel**** a Reggio Calabria e sistemazione.
Ore 15,30 Visita guidata al Museo Archeologico nazionale uno tra i più importanti musei archeologici dedicati alla Magna Grecia, storica ed importante istituzione della cultura italiana, in possesso di una delle più ragguardevoli collezioni di reperti provenienti dalla Magna Grecia. Formato inizialmente da un nucleo di materiale ceduto dal museo civico della città, sorto nel XIX secolo, il Museo archeologico è cresciuto poi con i molti reperti, frutto delle varie campagne di scavo condotte fino ad oggi dalla Soprintendenza archeologica della Calabria. All’interno sono custoditi i celebri Bronzi di Riace, due statue di bronzo di età greca databili al V secolo a.C. pervenute in eccezionale stato di conservazione. Le due sculture, ritrovate il 16 agosto 1972 nei pressi di Riace Marina, in provincia di Reggio Calabria, sono considerate tra i capolavori scultorei più significativi dell’arte greca, e tra le testimonianze dirette dei grandi maestri scultori dell’età classica. Le ipotesi sulla provenienza e sugli autori delle statue sono diverse, ma non esistono ancora elementi che permettano di attribuire con certezza le opere ad uno specifico scultore. Inoltre il nuovo Museo Archeologico, con il suo eccezionale allestimento ospita, oltre ai Bronzi di Riace, il Kouros, la Testa del Filosofo, la Testa di Basilea e altri magnifici reperti archeologici della Magna Grecia.
Ore 20,30 Cena in albergo.
Domenica 26 Giugno
Ore 8,00 Colazione in albergo.
Ore 9,30 Visita guidata di Reggio Calabria, tra le più antiche città d’Europa, Rhegion fu, dopo Cuma, la seconda colonia greca fondata in Italia meridionale. Si inizia con la Cattedrale, considerata la più ampia della Calabria, la cui origine si fa risalire a San Paolo, che sostò a Reggio durante il viaggio che in catene lo portava a Roma nel 56 d.C. Sulla scalinata antistante la facciata del Duomo si trovano le monumentali statue di S. Paolo e S. Stefano da Nicea, opere dello scultore Francesco Jerace. L’interno, a tre navate, custodisce elementi di una certa rilevanza, tra i quali spicca la Cappella del Sacramento, realizzata nel 1539, uno dei pochi esempi di arte barocca nella Calabria meridionale. Tutta rivestita in marmi intarsiati, detti ‘mischi’, sulla parete absidale ospita un altare monumentale in marmo policromo circondato da colonne di pregiato porfido nero. È presente, inoltre, il pergamo monumentale, originale creazione architettonica di Francesco Jerace scampato al terremoto del 1908. All’interno del Duomo sono custoditi, inoltre, sepolcri seicenteschi e i resti della colonna di San Paolo. Anche del vicino Castello Aragonese, uno dei simboli della città di Reggio Calabria, restano solo due torri e la cortina che li collega. Si può affermare che il Castello esisteva già nel sec. XI, ma è probabile che sussistesse sin dal IV-V sec. d.C. Purtroppo, dopo la ricostruzione della città a causa del sisma del 1908, gran parte della fortezza, venne demolita. La visita procede nella vicina Chiesa degli Ottimati, l’unico edificio religioso in stile arabo-normanno della città. La chiesa originaria aveva una pianta quadrangolare, tre absidi orientate nascoste esternamente da un muro rettilineo; le tre navate erano coperte da cinque cupolette secondo un modello bizantino. Infine visita alla Reggio Archeologica. Si inizia da Piazza Italia, luogo in cui sono venute alla luce preziose tracce di ferventi attività commerciali e in sei metri di stratificazioni si sovrappongono ben undici fasi di edificazioni databili tra il VII a. C. e il XIX secolo d.C., inoltre alle Mura Greche probabilmente costruite nella seconda metà del IV secolo a.C., quando Dionisio II rifondò la città di Reggio col nome di Febea, la città di Apollo. La cinta muraria era costituita da un muro “a doppia cortina” solo nella parte bassa, mentre quella superiore è costruita con blocchi isodomi di arenaria locale, disposti su due file parallele, con tratti perpendicolari. Inoltre visita alle Terme Romane sul lungomare di Reggio Calabria. I resti presentano più fasi edilizie e, per lungo tempo, furono coperti da un torrione della cinta muraria spagnola che ne garantì la conservazione. Delle terme oggi sono visibili: una vasca ellittica per bagni caldi preceduta da una serie di ambienti riscaldati (tepidarium e calidarium), una vasca quadrata per bagni freddi ed un piccolo spogliatoio semicircolare pavimentato a mosaico in bianco e nero, ed infine visita ai resti del Teatro greco scoperti in via XXIV Maggio nel 1920. L’allora Soprintendente alle antichità, Paolo Orsi, che riferì della scoperta, datò i resti alla metà del IV inizi del III sec a. C.
(Le visite saranno guidate dall’archeologo Francesco Laratta).
Ore 13,00 Pranzo in albergo.
Ore 14,30 Pomeriggio libero.
Ore 17,00 Partenza da Reggio Calabria.
Ore 20,30 Arrivo a Termini Imerese.
Ore 21,00 Arrivo a Palermo.
Per informazioni ed iscrizioni Tel. 091.8112571 – 346.8241076 - 339.5921182.

 

ALTRE NOTIZIE

TRAPANI. I CARABINIERI ARRESTANO UN 42ENNE: SONO EMERSI GRAVI INDIZI DI COLPEVOLEZZA DEL REATO DI MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA
I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno arrestato un 42enne ericino, già gravato da precedenti, in applicazione di un provvedimento restr...
Leggi tutto
Catania, Rappresentazioni classiche, Preistoria nel territorio catanese e presentazione del libro “Agata rubata” le prossime iniziative di BCsicilia
Nell´ambito del "Progetto conoscenza" la Sede di Catania di BCsicilia presenta le prossime iniziative per i mesi di maggio giugno 2022. Il progr...
Leggi tutto
UIL Pubblica Amministrazione Palermo e Sicilia: Alfonso Ferruggia riconfermato segretario generale
Alfonso Farruggia è stato riconfermato segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Palermo e della Sicilia. Rieletto all´un...
Leggi tutto
Autismo:Interpares, conferenza stampa il prossimo giovedì 26 maggio alle 10 a Messina della coop. Audacia, partner del progetto, e dell´Irib Cnr per illustrare le iniziative nel primo laboratorio creativo
"Il progetto di ricerca Interpares, conosciuto già in ambito nazionale per le innovazioni proposte per i giovani con sindrome autistica e per l...
Leggi tutto
Vita: Comune, Badia Grande e Reciclo avviano "Green Project"
Operativo da alcune settimane sul territorio comunale di Vita il progetto "Green Project", frutto dell´accordo di collaborazione tra Comune di V...
Leggi tutto
Al via la prima edizione di Alcamo Book Festival
Alcamo Book Festival, alla sua prima edizione, si svolgerà nei giorni dal 26 al 29 Maggio 2022, e si articolerà all’interno degli spazi ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web