Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 02/06/2016 da REDAZIONE REGIONALE

PACECO, ORDINANZA URGENTE PER IL TAGLIO DI RAMI E ALBERI IN PROSSIMITÀ DEI BINARI FERROVIARI

PACECO,
Con un’ordinanza del sindaco di Paceco, Biagio Martorana, viene disposto “il taglio dei rami e degli alberi che, in caso di caduta, possano interferire con l’infrastruttura ferroviaria creando un possibile pericolo per la pubblica incolumità e l’interruzione del pubblico esercizio ferroviario”.
L’ordine è rivolto “a tutti i proprietari, affittuari, conduttori o detentori a qualsiasi titolo di aree o fondi rustici, aree di pertinenze a fabbricati e di altra destinazione d’uso, confinanti con i tracciati della ferrovia situati nel territorio del Comune di Paceco, nell’ambito delle proprie fasce di rispetto”. Gli stessi, inoltre, dovranno “mantenere costantemente, nel tempo, le distanze di sicurezza dalla sede ferroviaria”.
È stata la Direzione compartimentale di Palermo di RFI Rete Ferroviaria Italiana Gruppo Ferrovie dello Stato, a richiedere espressamente al Comune di Paceco “l’emissione di una ordinanza contingibile ed urgente, atta ad obbligare i privati confinanti con la sede ferroviaria al taglio di rami ed alberi che possano creare pericolo per pubblica incolumità ed interruzione di pubblico esercizio ferroviario”. La richiesta è stata accolta “in considerazione dei motivi esposti – scrive il sindaco, Biagio Martorana – e dei gravi effetti che potrebbero essere determinati dalla caduta di vegetazione presente su aree adiacenti le linee ferroviarie”.
Il primo cittadino, inoltre, avverte che “nei casi di mancata osservanza di quanto disposto, è prevista l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie”.
L’ordinanza ( a seguire ) è disponibile anche nel sito www.comune.paceco.tp.it.

Ordinanza N° 63 Del 10/05/2016
Oggetto: ordinanza contingibile ed urgente per il taglio rami sporgenti ed alberi
interferenti con la sede ferroviaria.-
IL SINDACO
Premesso che il territorio comunale di Paceco è attraversato dalla strada ferrata
facente parte fRFI Rete Ferroviaria Italiana, Gruppo Ferrovie dello Stato, è che
lungo i tracciati delle linee ferroviarie è vietato costruire, ricostruire o ampliare
edifici o manufatti di qualsiasi specie ad una distanza, da misurarsi in proiezione
orizzontale, minore di metri trenta dal limite della zona di occupazione della più
vicina rotaia;
Vista la richiesta di emissione di Ordinanza contingibile ed urgente pervenuta al
Comune di Paceco, da parte fRFI Rete Ferroviaria Italiana Gruppo Ferrovie dello
Stato Direzione Compartimentale di Palermo, atta ad obbligare i privati confinanti
con la sede ferroviaria al taglio dei rami ed alberi che possano, in caso di caduta,
interferire con l’infrastruttura ferroviaria, creando possibile pericolo per pubblica
incolumità ed interruzione di pubblico esercizio ferroviario;
Considerata la motivazione per cui viene richiesta da parte fRFI Rete Ferroviaria
Italiana Gruppo Ferrovie dello Stato l’emissione della presente ordinanza e in
particolare , in considerazione dei grafi effetti che la caduta di vegetazione
presente su aree non fRFI Rete Ferroviaria Italiana Gruppo Ferrovie dello Stato,
adiacenti le linee ferroviarie possano avere sul servizio ferroviario;
Visti gli artt. 52 e 55 del DPR 753/1980 "Nuove norme in materia di polizia,
sicurezza e regolarità dell´esercizio delle ferrovie e degli altri servizi di trasporto"
che recitano:
Art. 52:
Lungo i tracciati delle ferrovie è vietato far crescere piante o siepi ed erigere
muriccioli di cinta, steccati o recinzioni in genere ad una distanza minore di
metri sei dalla più vicina rotaia, da misurarsi in proiezione orizzontale. Tale
2/4
misura dovrà, occorrendo, essere aumentata in modo che le anzidette piante
od opere non si trovino mai a distanza minore di metri due dal ciglio degli
sterri o dal piede dei rilevati. Le distanze potranno essere diminuite di un metro
per le siepi, muriccioli di cinta e steccati di altezza non maggiore di metri 1,50.
Gli alberi per i quali è previsto il raggiungimento di un ´altezza massima
superiore a metri quattro non potranno essere piantati ad una distanza dalla
più vicina rotaia minore della misura dell´altezza massima raggiungibile
aumentata di due metri. Nel caso che il tracciato della ferrovia si trovi in trincea
o in rilevato, tale distanza dovrà essere calcolata, rispettivamente, dal ciglio
dello sterro o dal piede del rilevato. A richiesta del competente ufficio lavori
compartimentali delle F.S., per le Ferrovie dello Stato, o del competente
Ufficio della M.C. T.C., su proposta delle aziende esercenti, per le ferrovie in
concessione, le dette distanze debbono essere accresciute in misura
conveniente per rendere libera la visuale necessaria per la sicurezza della
circolazione nei tratti curvilinei. Le norme del presente articolo non si applicano
ai servizi di pubblico trasporto di cui al terzo comma dell´art. 36.;
Art. 55:
I terreni adiacenti le linee ferroviarie non possono essere destinali a bosco ad
una distanza minore di metri cinquanta dalla più vicina rotaia, da misurarsi
in proiezione orizzontale. La disposizione del presente articolo non si applica ai
servizi di pubblico trasporto di cui al terzo comma dell´arl. 36;
Tenuto Conto che:l’’art. 49 del D.P.R. 753/1980 prevede che la distanza minima
delle costruzioni dalle ferrovie debba essere di almeno 30 metri. La finalità del
vincolo è quella di impedire la realizzazione di costruzioni che pregiudichino la
sicurezza e la regolarità dell’esercizio delle ferrovie. Solo particolari circostanze
locali possono giustificare riduzioni di tale distanza.
Tenuto conto che l’art. 50, comma 4 del D.Lgs. n. 267/2000 (TUEL) stabilisce che il
Sindaco esercita le altre funzioni attribuitegli quale autorità locale nelle materie
previste da specifiche disposizioni di legge;
Atteso che ai sensi della Legge 7 giugno 2000, n. 150 gli Enti Locali devono
promuovere l’informazione alla popolazione in tema di attenzione sul problema di
protezione e salvaguardia degli ambienti naturali e favorire la conoscenza delle
disposizioni normative al fine di facilitarne l’applicazione;
Tenuto Conto che data la portata generale del provvedimento esso non è
assoggettato alla comunicazione di avvio del procedimento prevista dalla L. n.
241/1990, ma che per gli elementi dallo stesso disciplinato è necessario
provvedere ad un’adeguata pubblicizzazione del presente provvedimento,
3/4
mediante forme di comunicazione rivolta ai soggetti pubblici e privati, ai
cittadini ed alla popolazione presenti sul territorio comunale;
Visti:
- le disposizioni regionali e statali e vigenti in materia;
- l’art. 650 del codice Penale;
- gli articoli 49-52-55 del D.P.R. 11.07.1980 n. 753;
O R D I N A
A tutti i proprietari, affittuari, conduttori o detentori a qualsiasi titolo di aree o
fondi rustici, aree di pertinenze a fabbricati e di altra destinazione d´uso,
confinanti con i tracciati della ferrovia situati nel territorio del Comune di Paceco,
nell´ambito delle proprie fasce di rispetto di provvedere a tagliare i rami e gli
alberi che possano in caso di caduta, interferire con l´infrastruttura
ferroviaria creando possibile pericolo per la pubblica incolumità ed
interruzione del pubblico esercizio ferroviario, adeguandosi alle disposizioni di cui
agli artt. 52 e 55 del DPR n. 753/80;
Di mantenere costantemente, nel tempo, le distanze di sicurezza, dalla
sede ferroviaria, delle alberature e di quanto altro indicato agli artt. 52 e 55 del
DPR n. 753/80;
AVVERTE
Che in caso di mancata osservanza delle prescrizione contenute nella presente
ordinanza saranno applicate le sanzioni amministrative pecuniarie stabilite dagli
artt. 38 e 63 del DPR n. 753/80;
Che la presente ordinanza è immediatamente eseguibile e resta valida finché
la ferrovia sarà in esercizio sul territorio del Comune di Paceco o muteranno i
vigenti riferimento normativi;
Che è obbligatorio a chiunque spetti, di osservare e fare osservare il presente
provvedimento;
Che della presente ordinanza venga data conoscenza alla cittadinanza
mediante pubblici avvisi;
DISPONE
Che la medesima ordinanza venga pubblicata:
1) all´Albo Pretorio Comunale;
2) Sul sito Web del Comune di Paceco;
3) Per il numero dei soggetti interessati e la particolare rilevanza delle misure in
essa adottate, sia trasmessa agli organi di stampa e di comunicazione
presenti sul territorio, perla più ampia diffusione possibile;
4/4
Che la medesima ordinanza venga inviata, per opportuna conoscenza e per
quanto di competenza, a:
1) Comando Polizia Municipale di Paceco
2) Ai Responsabili dei Settore IV-V del Comune;
3) Al Presidente del Consiglio;
4) Comando Stazione Carabinieri di Paceco;
5) Alla fRFI Rete Ferroviaria Italiana Gruppo Ferrovie dello Stato, Direzione
Compartimentale Infrastruttura, Piazzetta Cairoli n. 5, 90123 Palermo;
6) Ufficio Territoriale del Governo di Trapani;
7) Questura di Trapani;
8) Comando Polizia Ferroviaria Trapani;
INFORMA
Che ciascun interessato può presentare memorie scritte e documenti ed eventuali
controdeduzioni a norma della vigente normativa in materia di procedimento
amministrativo e di diritto d’accesso;
Che gli atti del presente procedimento sono in visione durante l’orario pubblico
presso l’ufficio del IV Settore siti in Paceco Via Placido Fardella n. 45;
INFORMA, INOLTRE
Che contro il presente provvedimento può essere proposto ricorso al Tribunale
Amministrativo della Regione Sicilia entro 60 giorni dalla notifica o comunque dalla
piena conoscenza dello stesso, ai sensi della L. 6 dicembre 1971, n. 1034, oppure,
in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, entro il
termine di 120 giorni dalla notifica o dalla piena conoscenza del provvedimento
medesimo, ai sensi del D.P.R. 24 novembre 1971, n. 1199;
Data 10/05/2016.
Il Sindaco
(Dott. Biagio Martorana )

 

ALTRE NOTIZIE

Corso sulla sicurezza sul posto di lavoro organizzato da ANAS
L´anas (Associazione Nazionale di Azione Sociale) regionale Lombardia, come è noto, ha organizzato  corsi di formazione sulla sicurezza d...
Leggi tutto
PANTELLERIA: UBRIACO ALLA GUIDA MINACCIA E OLTRAGGIA I CARABINIERI. ARRESTATO
Nella notte tra domenica e lunedì appena trascorsa i Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno tratto i...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO: CONTROLLI A TAPPETO DEI CARABINIERI: 8 PERSONE DENUNCIATE E 4 SEGNALATE COME ASSUNTORI DI DROGA
Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio svolti negli ultimi giorni a Mazara Due e Salemi, i Carabinieri ...
Leggi tutto
Il lavoro è democrazia. Il PNRR occasione di sviluppo e di rilancio dell´economia del nostro Paese.
La recente manifestazione unitaria organizzata dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil tenutasi qualche giorno fa...
Leggi tutto
TRAPANI: NOTTE DI PASSIONE IN HOTEL SENZA PAGARE IL CONTO DENUNCIATA DAI CARABINIERI GIOVANE COPPIA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Trapani hanno denunciato una giovane coppia, entra...
Leggi tutto
Cedimento sulla strada che porta alla stazione ferroviaria di Castellammare del Golfo. La frana dal costone tufaceo prima del bivio per la spiaggia Playa.
«In corso un sopralluogo sulla strada 187 che conduce alla stazione ferroviaria di Castellammare, poco prima del bivio nord per la spiaggia Playa, dov...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web