Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 04/02/2016 da Umberto Crispo

LNDC IN PRIMA LINEA CONTRO LE UCCISIONI DEI LUPI

LNDC
In un convegno è riemersa la richiesta di consentire delle deroghe alle norme che vietano di abbattere questi predatori, già troppo spesso ammazzati illegalmente. Se ciò avvenisse Lega Nazionale per la Difesa del Cane è pronta a scendere in campo per tutelarli. Con tutti i mezzi legali a disposizione.
Lega Nazionale per la Difesa del Cane sta seguendo con attenzione e preoccupazione l´evolversi delle dichiarazioni e delle polemiche scaturite dal convegno “La popolazione di lupo sulle Alpi: status e gestione”, che si è tenuto a Cuneo sul finire di gennaio. Fra gli interventi dei vari relatori sul tema, ha destato molte perplessità quello del professor Luigi Boitani, rappresentante dell´Unione Zoologica Italiana, associazione scientifica a cui il Ministero dell´Ambiente ha commissionato un piano di gestione per il lupo in Italia.
In questo piano hanno destato dubbi le condizioni necessarie per poter richiedere una deroga allo status di protezione del lupo, deroga esaminata caso per caso e soltanto in determinate situazioni quali la dimostrata inefficacia dei mezzi di difesa passivi – per esempio reti, cani maremmani, recinti elettrificati – e la fondamentale presenza dell´uomo nel ruolo di pastore.
Se così fosse il lupo dovrebbe poter dormire sonni tranquilli, in quanto molti allevatori del settore non adottano questi metodi di prevenzione. Si cita a esempio la regione Toscana nella quale, come riporta il progetto Life Medwolf, una buona parte delle predazioni è compiuta da cani mal gestiti mentre tra le aziende colpite il 98% non è sorvegliato da pastori, l´85% non ha recinti anti predatore e il 57% non è dotata di cani da guardiania.
In verità il lupo, e il mondo che gli gravita attorno, è un buon affare per tutti: progetti lautamente finanziati dall´Unione Europea caratterizzati da dubbia utilità (si rammenta l´ormai terminato progetto Ibriwolf, nel quale le richieste da parte di LNDC per conoscere come erano stati ripartiti gli oltre 2 milioni di euro di contributi caddero nel vuoto, pur trattandosi di soldi pubblici); supporto logistico gratuito per gli allevatori (cani da guardiania, recinzioni elettrificate, ecc.), oltre al rimborso dei capi predati riconosciuti soltanto quando viene accertata la responsabilità del lupo. Invece il lupo non se la passa molto bene. Le ´´deroghe´´ alla sua caccia in realtà sono in atto già da tempo e sono del tutto illecite, sebbene questo dato sembra venga ignorato dagli esperti consultati dal Ministero dell´Ambiente. Infatti nel triennio 2013-2015 sono stati trovati morti per cause non naturali 115 esemplari, uccisi a fucilate, avvelenati, torturati con lacci o investiti (fonte Legambiente e Parco della Majella).
Ovviamente, la responsabilità di queste stragi va proprio agli allevatori che, a gran voce, ne richiedono l´abbattimento, supportati dal mondo della politica ma anche da una stampa sovente faziosa e che spesso si è dimostrata inattendibile. Gli stessi allevatori, che, come già riportato, non si preoccupano né di custodire le greggi né di proteggerle con reti elettrificate né tantomeno con cani da guardiania però fanno pressioni per ottenere risarcimenti maggiori (a loro dire ai capi predati viene dato uno scarso valore commerciale) o si infuriano quando i rimborsi non vengono riconosciuti, semplicemente perché non ne hanno il diritto. In relazione a ciò che è stato enunciato dall´Unione Zoologica Italiana, sicuramente perverranno al Ministero dell´Ambiente molteplici richieste di abbattimento. Considerando il contesto attuale, Lega Nazionale per la Difesa del Cane ritiene inopportuna e deleteria la seppur remota possibilità di deroga allo status di protezione per il lupo. Nel caso in cui si dovesse prendere una decisione tanto perniciosa, LNDC provvederà con le modalità previste dalla legge a verificare se esistono condizioni e motivazioni tali da autorizzare una vergognosa caccia al lupo. E si batterà con tutte le sue forze e in tutte le sedi affinché ciò non avvenga.

 

ALTRE NOTIZIE

Al via l’11 agosto la prima edizione del FESTIVAL EGADÀ: Musica, arte e cultura locale, tra le acque cristalline delle Isole Egadi
Al via l’11 agosto la prima edizione del “FESTVAL EGADÀ – Musica Arti e Isole”, ambientato nella straordinaria cornice delle Isole Egadi: Favignana, L...
Leggi tutto
La Città di Trapani aderisce alla
La Città di Trapani aderisce alla "Marcia per San Matteo", per una Sicilia libera dagli incendi, che si terr&...
Leggi tutto
Pantelleria, il Sindaco smentisce ancora una volta le notizie allarmanti che i media stanno diffondendo sui contagi nell’isola
Pantelleria, il Sindaco smentisce ancora una volta le notizie allarmanti che i media stanno diffondendo sui contagi nell’isola: “Diffido dunque gli or...
Leggi tutto
Il Festival Dionisiache di Segesta fa tappa a Salemi: giovedì 5 agosto ´Anfitrione´ di Plauto
Il Festival Dionisiache di Segesta fa tappa a Salemi. Grazie alla collaborazione con l´amministrazione comunale, guidata dal sindaco Domenico Ve...
Leggi tutto
Favignana: servizio coordinato di controllo dei carabinieri
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Favignana, con l’ausilio di una Unità Cinofila del Nuc...
Leggi tutto
47° anniversario della strage dell´Italicus. CNDDU: le vittime aspettano ancora giustizia
Tra la notte del 3 e 4 agosto 1974 un ordigno esplose sul treno Italicus proveniente da Roma e diretto a Monaco di B...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web