Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 25/01/2016 da Umberto Crispo

PESCA, UGL: “IN SICILIA REALTÀ MARTORIATA E VOLUTAMENTE ISOLATA”

PESCA,
“Martoriata dalla crisi economica, dalle misure comunitarie penalizzanti e trascurata dal governo regionale, registriamo il continuo isolamento della pesca siciliana. L’Italia è destinataria di un miliardo di euro per il settore e già si registra un considerevole ritardo nell’assegnazione dei fondi alle regioni marinare soprattutto del Sud. Il governo Renzi acceleri le procedure per la ripartizione delle risorse pari a 150 milioni di euro alla Sicilia e l’esecutivo Crocetta rimetta nell’agenda politica la pesca e i pescatori”.
Ad affermarlo Giovanni Condorelli, Segretario Confederale con delega al Mezzogiorno dell’Ugl, partecipando ai lavori del convegno sul futuro della pesca siciliana organizzato ieri presso la Camera di Commercio di Siracusa dal Gruppo parlamentare di Forza Italia all’Ars.
“La politica comune della pesca attuata dall’Ue nel periodo 2000/2014 ha modificato la consistenza della flotta siciliana riducendo il numero dei natanti da 4329 a 2882 (- 66%) e diminuendo del 67% la stazza e del 70,2% la potenza motore – afferma Giuseppe Messina, Responsabile regionale dell’Ugl Sicilia”, intervenendo ai lavori del convegno di Forza Italia – con la conseguente ‘rottamazione’ di circa 9 mila posti di lavoro nella sola attività primaria e almeno 20 mila nell’indotto. Il quale aggiunge: “Trend confermato anche nel 2015 con ulteriori 70 natanti demoliti, 800 pescatori disoccupati e un migliaio di lavoratori dell’indotto rimasti senza lavoro. Un dramma sociale che ha interessato oltre 30 mila lavoratori passato inosservato tra l’indifferenza della politica siciliana. L’Ugl da anni si batte per un approccio condiviso con i pescatori al settore”.
“Chiediamo che l’Ue riveda la politica nel Canale di Sicilia evitando che gli interessi delle lobby continui a mortificare la comunità marinare siciliana – sostiene Messina –. La misura comunitaria della demolizione dei natanti da pesca come quella dell’interruzione delle attività di cattura si è rivelata fallimentare ed ha provocato solo disoccupazione. La contestuale crescita delle flotte pescherecce dei Paesi frontalieri, come Egitto, Tunisia, Algeria, Marocco e della stessa Libia, che non effettuano alcun contestuale periodo di riposo biologico nel Mediterraneo hanno finito col sottrarre ricchezza ai pescatori siciliani proseguendo l’attività di cattura”.
“Emerge in maniera inconfutabile – aggiunge - che non esiste un modello di sviluppo dell’UE nel Mediterraneo e le scelte assunte ad oggi hanno solo danneggiato l’economia ittica isolana. Adesso basta, la politica dimostri responsabilità. Non è possibile perseguire l´obiettivo dell´ecosostenibilità tralasciando gli effetti sull´economia e l´impatto sociale che è stato devastante per il comparto in assenza di strumenti stabili di sostegno al reddito per i pescatori".
“L´innovazione tecnologica è una leva sulla quale occorre puntare – rilancia Messina - per ridurre i costi delle imprese di pesca, migliorare le condizioni di sicurezza a bordo dei natanti, alzare la qualità del prodotto ittico catturato che subisce le prime manipolazioni sul natante è preservare l´ambiente marino".
“Sulla pesca del Tonno rosso – dice Messina - occorre rivedere i criteri all’interno della quota assegnata all’Italia arrestando un perverso sistema di suddivisione delle autorizzazioni alla cattura che ha finito con il privilegiare solo pochi e sempre i soliti”.
“Come Ugl chiediamo un nuovo approccio alla politica nel Mediterraneo che apra al dialogo con i paesi rivieraschi dell´Africa è del Medio Oriente – sottolinea il sindacalista – per una condivisione nella gestione del Mar Mediterraneo nella logica, per esempio, della blue economy”.

“La Regione siciliana – conclude Messina - attivi politiche di rilancio e rafforzamento della pesca artigianale strutturando il ruolo strategico dei Cogepa e promuovendo intorno alle marineria azioni positive e strumenti di supporto alla capacità di produrre redditi stabili per i pescatori, compiendo un passo in avanti verso la valorizzazione del patrimonio, della storia e delle tradizioni del territorio ”.


 

ALTRE NOTIZIE

Risorgimento Socialista a sostegno dei candidati sindaco Palumbo, Sciabbarrà e Iacono.
Coerentemente alla propria linea politica Risorgimento Socialista della provincia di Agrigento sosterrà nel t...
Leggi tutto
Trapani: beccato dalla Polizia di Stato il ladro seriale del centro storico
Nell’ultimo mese aveva preso di mira diversi esercizi commerciali, ma anche abitazioni private, il ladro seriale arr...
Leggi tutto
La Sigel Marsala dopo due turni viaggia a punteggio pieno in A2
In una gara sentita alla vigilia da tutto l´ambiente, come può essere l´occasione di un derby, e con la caric...
Leggi tutto
TRAPANI. CONTROLLI ALLA MOVIDA DEI CARABINIERI CON NAS ED ESERCITO: DUE DENUNCIATI E RAFFICA DI SANZIONI
Nel corso del fine settimana appena concluso, i Carabinieri della Compagnia di Trapani, in collaborazione con il Nuc...
Leggi tutto
Trapani, co-progettazione e reti per il futuro del Terzo Settore. La RCS alla festa provinciale del volontariato della confederazione GIVA
Si è tenuta nel complesso monumentale San Pietro di Marsala, sala conferenze Enrico Genna, la festa provincia...
Leggi tutto
Turismo, grande entusiasmo per la destinazione West of Sicily al TTG di Rimini
Il Distretto Turistico Sicilia Occidentale ha partecipato al TTG di Rimini, una delle fiere più importanti de...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web