Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 13/01/2016 da Umberto Crispo

MARSALA - COMPLETATI I LAVORI DI RESTAURO CONSERVATIVO DELLA CUPOLA DEL SANTUARIO DI MARIA SANTISSIMA ADDOLORATA

MARSALA
Completati, nei tempi previsti dal contratto, i lavori di manutenzione straordinaria e restauro conservativo della copertura e dell’intera facciata principale del Santuario dell’Addolorata.
“Siamo soddisfatti dei lavori che sono stati effettuati – sottolinea il rettore Padre Mariano Narciso, rettore della Chiesa. Le opere erano necessarie e indispensabili per la salvaguardia strutturale dell’edificio visto che le infiltrazioni d’acqua dal tetto avrebbero potuto arrecare gravi danni al Santuario e pericolo per la pubblica incolumità”.
I lavori hanno avuto un costo complessivo di circa 145 mila euro. La somma, nello specifico, è stata finanziata per il 50% dalla CEI con i fondi dell’8 per mille che i contribuenti italiani hanno destinato alla chiesa cattolica; mentre per la restante parte (l’altro 50%) si è fatto ricorso alle risorse finanziarie del Santuario e della Confraternita di cui è priore Arianna Marino.
A effettuare i lavori è stata una ditta specializzata in queste tipologie di restauro, la Marino Rosario di Mazara del Vallo, in possesso dell’attestazione SOA. Il progetto e la direzione dei lavori sono stati invece dell’architetto marsalese Vito Montalto. Prima dell’inizio dei lavori la Rettoria del Santuario ha dovuto ottenere l’approvazione del progetto non solo da parte del Comune ma anche dalla Soprintendenza ai Beni culturali. Necessario è stato anche il nulla osta dalla Curia Vescovile.
Due le fasi del restauro. La prima ha riguardato il rifacimento e la sistemazione della zona attorno alla cupola. Successivamente si è proceduto con il restauro conservativo della facciata principale dove vi sono degli importanti fregi. Restyling anche per le porte d’ingresso.
Durante l’azione di manutenzione straordinaria tutto attorno alla cupola si è anche proceduto al posizionamento di un apposito sistema illuminotecnico che consentirà di rendere più bella e visibile la zona terminale dell’edifico nelle ore serali e notturne.
La cupola – grazie anche all’interazione con l’Amministrazione Di Girolamo - verrà illuminata, in particolare, durante i sette venerdì di quaresima e il venerdì santo, giornate in cui per decreto del Vescovo, monsignor Domenico Mogavero, il Santuario sarà luogo dove potere ottenere l’indulgenza plenaria nell’ambito dell’Anno Santo straordinario della Misericordia proclamato da Papa Francesco.
Il Santuario dell’Addolorata è uno dei luoghi di culto più frequentati dai fedeli marsalesi. Fu costruito per volontà del popolo dopo un evento miracoloso.
La chiesa in origine aveva l’ingresso proprio sotto l’arco di Porta di Mare e una pianta allungata e irregolare. Nel 1750 la Congregazione dei servi di Maria SS. Addolorata ottenne dal Consiglio della città il permesso di trasferirsi dalla Chiesa di San Giovanni di Lodi nella Chiesa della Madonna del tuono o del fulmine, come veniva indifferentemente chiamata.
Nel 1790 iniziarono poi i lavori di ricostruzione della chiesa, che da allora prese il nome dalla Congregazione. L’ingresso venne spostato nell’attigua piazzetta.
Sopra il portale d’ingresso di gusto neoclassico vi è l’effige di un cuore trafitto, simbolo dell’Addolorata. L’interno è di forma poligonale ed è chiuso da una alta cupola decorata a cassettoni che poggia direttamente sulle pareti circolari della pianta.
Nell’abside semicircolare troviamo una delle più suggestive e significative immagini di Maria Addolorata, recentemente riportata ai suoi colori originari. E’ una statua realizzata con legno di cipresso da un ignoto militare presente in città al seguito degli spagnoli tra il 1786 e il 1790, e completata poi dal sacerdote Donato con il manto e la tunica in tela-colla, come era usanza delle signore del tempo. Particolarmente suggestivo è il volto che, durante la realizzazione della statua, una mattina sembra essere stato trovato completo nei tratti. Sotto l’altare che ospita la Madonna giace il Cristo Morto, opera del 1934 dell’artista Carmelo Bruno.
Dal 15 settembre 1997 la chiesa è stata elevata a Santuario Mariano Diocesano. Oggi è luogo giubilare per acquistare l’indulgenza plenaria. Il venerdì santo la statua dell’Addolorata, insieme a quella del Cristo morto, viene portata in processione per le strade della città seguita da migliaia di fedeli: uno degli appuntamenti più sentiti della settimana santa marsalese.

 

ALTRE NOTIZIE

Al via l’11 agosto la prima edizione del FESTIVAL EGADÀ: Musica, arte e cultura locale, tra le acque cristalline delle Isole Egadi
Al via l’11 agosto la prima edizione del “FESTVAL EGADÀ – Musica Arti e Isole”, ambientato nella straordinaria cornice delle Isole Egadi: Favignana, L...
Leggi tutto
La Città di Trapani aderisce alla
La Città di Trapani aderisce alla "Marcia per San Matteo", per una Sicilia libera dagli incendi, che si terr&...
Leggi tutto
Pantelleria, il Sindaco smentisce ancora una volta le notizie allarmanti che i media stanno diffondendo sui contagi nell’isola
Pantelleria, il Sindaco smentisce ancora una volta le notizie allarmanti che i media stanno diffondendo sui contagi nell’isola: “Diffido dunque gli or...
Leggi tutto
Il Festival Dionisiache di Segesta fa tappa a Salemi: giovedì 5 agosto ´Anfitrione´ di Plauto
Il Festival Dionisiache di Segesta fa tappa a Salemi. Grazie alla collaborazione con l´amministrazione comunale, guidata dal sindaco Domenico Ve...
Leggi tutto
Favignana: servizio coordinato di controllo dei carabinieri
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Stazione di Favignana, con l’ausilio di una Unità Cinofila del Nuc...
Leggi tutto
47° anniversario della strage dell´Italicus. CNDDU: le vittime aspettano ancora giustizia
Tra la notte del 3 e 4 agosto 1974 un ordigno esplose sul treno Italicus proveniente da Roma e diretto a Monaco di B...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web