Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 11/12/2015 da Giusy Modica

IL MONDO DELLA DONNA GIAPPONESE

IL
Si narra che, in epoca antichissima, la società giapponese fosse una società matriarcale, tanto che la successione andava per linea femminile e molte donne erano a capo dei loro clan, come, ad esempio la regina Himiko che guidava gli Yamatai (I-II secolo d.C.). Solo nelle epoche Nara ed Heian (dal VII al XII), il potere sui clan cadrà in mano maschile e le donne della nobiltà cominceranno ad avere un ruolo di secondo piano, all´ombra del marito e dei figli maschi.
Le epoche successive vedono sorgere uno schema piramidale patriarcale, e nel periodo Edo ( XVII-XIX secolo), quando la filosofia neo-confuciana venne adottata alla lettera dagli shogun, si sviluppa il seguente concetto: 
l´uomo deve lavorare all´esterno e la donna deve badare alla casa.
Nel corso dei secoli, dunque, le condizioni cambiarono e le donne si trovarono ad occupare uno spazio sempre più marginale nella società, costrette ad una vita di sacrifici alle spalle degli uomini. Questa condizione sociale è rimasta praticamente invariata fino a pochi decenni fa quando, con la modernizzazione della società, la situazione femminile ha cominciato a migliorare, grazie al riconoscimento di una serie di diritti.
Fin dai tempi remoti la figura della donna è stata strumentalizzata; nei periodi in cui non c’era la possibilità di mantenere economicamente le proprie figlie, le famiglie facevano sì che queste abbandonassero la casa di provenienza per dedicarsi al servizio presso le altre famiglie più ricche. La maggioranza di queste donne prestava servizi sessuali, ma quelle che avevano ricevuto una maggiore educazione culturale potevano permettersi di intrattenere i partecipanti degli incontri dei nobili con la loro dialettica e la loro cultura letteraria. Fu allora che nacque il ruolo delle “intrattenitrici femminili”.
Con gli anni si ebbe una netta distinzione di ruoli: tayû (cortigiana, colei che concedeva il proprio corpo) e geisha (persona d’arte, colei che intratteneva con la danza,il canto, ecc.)
Il termine “geisha”, costituito da due sinogrammi (arte, persona), letteralmente significa “persona esperta nelle belle arti, nelle buone maniere”.
L’educazione della geisha iniziava in tenerissima età. In alcuni casi le bambine venivano vendute sin da piccole alle case di geisha, fenomeno ancora attuale.
Le case di geisha prendevano il nome di “Okiya”, ed erano strutturate molto rigidamente.
Tutte le ragazze dovevano passare diverse fasi prima di diventare addirittura “maiko” (apprendista geisha) e in successione geisha vera e propria.
Le ragazze appena entrate negli Okiya venivano chiamate “shikomi” e di solito svolgevano lavori da domestica; questo duro lavoro serviva per forgiarne il carattere. La più piccola della casa doveva addirittura attendere che tutte le geishe fossero tornate a casa dai loro appuntamenti prima di poter andare a dormire. Successivamente le shikomi potevano frequentare le classi della scuola per geisha, dove qui imparavano a suonare alcuni strumenti musicali, a cantare canzoni tipiche e ad eseguire delle danze tradizionali. Superata la scuola, la ragazza passava ad un grado di apprendistato superiore, chiamato “minarai”; in seguito si passava al grado di maiko ed infine dopo un lasso di tempo di circa 5 anni, potevano essere definite geishe a tutti gli effetti.
Durante tutti gli anni di apprendistato, la geisha imparava anche a muoversi con grazia ed eleganza, a servire da bere in modo raffinato, a conversare con intelligenza, ed inoltre a curare al meglio il suo aspetto fisico, a vestirsi col kimono in seta, a truccarsi il viso con un pesante cerone bianco, occhi marcati di nero e bocca rossa, fino a rendersi quasi una maschera; il tutto accompagnato da una pesante acconciatura raccolta.
La geisha rappresentava l’incarnazione di un canone di raffinatezza suprema e compensava, quindi, una figura femminile poco attraente, assolutamente sottomessa all´uomo e totalmente priva di una propria personalità, fornendo all´uomo quell´interesse che non riusciva a trovare tra le mura domestiche.
La mutata condizione sociale della donna dei giorni nostri sta facendo scomparire la figura della geisha, che ancora oggi esiste, ma via via va eclissandosi; se ne contano forse duemila, ma per sbarcare il lunario, per perpetuare la loro sofisticatissima tradizione sono costrette a re-inventarsi, ad adattarsi a un mondo che il dissesto economico ha privato dei loro più affezionati clienti: i ricchi uomini d’affari e i politici.


Palermo
11 Dicembre 2015

Giusy Modica
Consulente per la salute con lo sport presso l’Associazione Anas zonale Oreto.
Per informazioni e appuntamenti chiamare al numero 091-336558 dalle ore 9:00 alle ore 13:00.

 

ALTRE NOTIZIE

PANTELLERIA: STALKING, IN MANETTE UN 35ENNE ISOLANO
I Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti d...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO: CONTROLLI AI CANTIERI EDILI. DENUNCE E SANZIONI DEI CARABINIERI
I Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Trapani, unitamente ai colleghi della Stazione di Mazara del Vallo, nell’ambito della campagna cong...
Leggi tutto
Partinico, nell’ambito dell’iniziativa il "Maggio dei libri" percorso letterario siciliano: da Verga a Danilo Dolci
Il "Maggio dei libri", è la campagna nazionale nata nel 2011 per avvicinare al mondo dei libri e della lettura, in quanto strumenti di crescita...
Leggi tutto
Al via la Fiera del Fumetto a Palermo, inaugurata Expo Comics & Games, giochi e divertimento fino a domenica
Un’esplosione di energia e colori a Palermo. E’ stata inaugurata la fiera del fumetto “Expo Comics & Games”. Grande affluenza da subito, tantissim...
Leggi tutto
FAVIGNANA: PENE DEFINITIVE DA SCONTARE. IN CARCERE 2 SOGGETTI
I Carabinieri della Stazione di Favignana hanno tratto in arresto due soggetti che devono scontare la pena in un istituto penitenziario per reati comm...
Leggi tutto
CASTELVETRANO: AUTO VA A FUOCO MA ERA SOTTO SEQUESTRO. DENUNCIATO IL PROPRIETARIO CHE CONTINUAVA AD USARLA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano sono intervenuti, unitamente a personale dei Vigili de...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web