Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 06/12/2015 da REDAZIONE REGIONALE

DIARIO LIBERAL DI ROBERTO TUMBARELLO, SETTIMANA DI LUNEDÌ 7 DICEMBRE

DIARIO
In attesa che esploda la Libia
La Turchia bombarda i Curdi. Francia e Regno Unito il territorio del califfato. La Russia i rivoltosi che combattono Assad. Ognuno bombarda i propri nemici. Obama dà ragione ai turchi che hanno abbattuto due caccia russi senza rappresentare una minaccia. Apparentemente sono tutti alleati. Ma c’è sicuramente qualcuno che fa il doppio gioco. Siamo alla vigilia di eventi molto pericolosi. Le armi stanno arrugginendo negli arsenali. Non consumarle sarebbe una perdita ancora più grave. Bisogna ricomprarne. L’ultima guerra ha fatto 50 milioni di morti, eppure l’umanità è sopravvissuta. L’economia è andata alle stelle. L’importante è questo. Tutto il resto sono chiacchiere. Gli indifesi, la povera gente e gli innocenti contano meno di niente. Anzi, sono un peso per la società, che appartiene ai corrotti e ai filibustieri. I diritti umani sono fandonie per raggirare i deboli. Ma non producono ricchezza. Le prime pagine dei giornali riportano le catastrofi e anche le previsioni future. Sono prostrati al potere illudendosi di farne parte. Invece, sono nel mirino anche loro. Tanto, sono in estinzione. Nessuno legge più. Poco male se soccombono prima del tempo. Come pure la democrazia. Seppure così crudele, l’ISIS è troppo debole per combattere contro la genia del male. Si divertono a sparare sulla Croce Rossa. Non sanno che prima o poi, gli capiterà di peggio. Gli conveniva starsene buoni, in ombra. L´Europa è assente perché mancano gli uomini e le idee. L´Italia peggio.

L’uomo della Provvidenza
C’è chi era troppo tenero con i centurioni. Ed è finito male. Consentiva che maramaldeggiassero al Colosseo, loro sito folkloristico naturale. Erano loro che portavano Roma nel degrado. Mafia capitale solo un diversivo. Il commissario al Campidoglio ha preso il coraggio a quattro mani e gliene ha subito precluso l’accesso. Si sono dovuti trasferire, in zona extraterritoriale, a San Pietro. Al di fuori della giurisdizione del prefetto. È dalle prime decisioni che si vedono i grandi uomini. Lui le prese. Sarà ricordato per questo gesto. Ci si è partito da Milano. Ridateci Marino, per carità. L’avevamo votato noi. Almeno, potevamo criticarlo e anche insultarlo. Questo, invece, è stato designato, quindi gli dobbiamo rispetto. È in una botte di ferro. Neppure le dimissioni di 26 consiglieri comunali genuflessi potranno rimuoverlo. Né un dibattito politico. I centurioni, infatti, se ne sono andati in esilio senza battere ciglio. Se li avesse cacciati Marino sarebbe scoppiata la guerra civile. Ci avviamo verso una società di nominati, che è meno burocratica. Poco importa se non è proprio libera. Risparmieremo sulle elezioni. Meglio abolirle. Ormai sono inutili. Tanto la metà dei cittadini le disertano. I più furbi si genuflettono. Destra e sinistra sono d’accordo. Il centro è scomparso con Monti. Si stanno asfaltando le strade di Roma. Ora che non c´è più Marino, speriamo che i costruttori non ci mettano la sabbia. Che alle prime piogge si scioglie, come l’Italia, e rispuntano le buche.

La misericordia è solo per i ladri
Seppure il sant’uomo stia perdendo prestigio, il politico si inchina sempre, anche troppo. Per qualche voto, non per devozione. È ancora popolare. Ma, prima, godeva di maggiore considerazione. Voleva scrostare il marciume che pullulava nella Santa Sede. Invece il degrado è addirittura aumentato. C’erano solo pedofili e qualche cardinale egoista. Si ristrutturavano lussuosi appartamenti con i soldi della carità. Adesso la corruzione è a livello vescovile. Qua e là imbroglioni di qualsiasi genere. La feccia si aggira per le sacre stanze. Sono vuote da quando lui abita a Santa Marta. Cambia cella ogni sera. Ha più paura della Curia che dell’ISIS. Se no, non avrebbe indetto il Giubileo. Benedetto XVI aveva sottovalutato le tentazioni che si aggirano per la chiesa. C’è persino una signora senza qualifica che suggerisce strategie economiche. Quali credenziali ha per consigliare il Papa? Per una domestica si chiedono referenze. Che fascino emana per arrivare fino a lui? Gliel’hanno messa accanto perché non appaia infallibile. Non c’è bisogno dei posteri per prevedere come andrà a finire. Ci vorrà un ulteriore scandalo per mettere a tacere questo. Lo Spirito Santo non lo protegge più. Forse non gradisce pugnalate alle spalle. Perché, attorniato com’è da tanti peccatori, sconfessare Marino? Almeno, non era pericoloso. Anzi, un parafulmine. Tanta acredine, solo perché favorevole ai matrimoni gay? Non parcheggiava nemmeno in Vaticano. Per di più era vittima di violenza politica. Perché, a parte qualche scontrino, è una brava persona.
Siamo ancora quelli del 61 a 0
Una parte della Sicilia non accetta le provocazioni. Ecco forse perché non ci evolviamo. Per lo stesso motivo i politicanti stentano a diventare politici. Non ho molta simpatia per Vecchioni, che, però, ama la Sicilia quanto me. Diffido, invece, di chi ci adula. Ci vuole involuti e rassegnati, sempre in cerca di qualcuno che ci aiuti. Non ne avremmo bisogno se contassimo sulla nostra intelligenza. Non amo neppure i prefetti, la cui autorità, invece, è necessaria e talvolta anche utile. Uno di loro se la prese con le mamme dei tossici. Come il cantautore con chi distrugge le risorse e l’onore dell’isola. Dovrebbe suicidarsi – fu il monito – chi non si accorge subito che il figlio si droga. Sollecitava l’amore materno, in modo da intervenire in tempo per aiutarlo. Fu destituito dal ministro Alfano, che, probabilmente, temeva di rimanere orfano. Era una provocazione, come quella di Vecchioni che non è in cerca di voti. Auspica che curiamo le parti del corpo ammalate perché tutto il nostro organismo non ne venga contagiato. Come purtroppo sta accadendo. Ha incitato i giovani a ribellarsi e valorizzare il più bel mare del mondo, e riappropriarsi della propria cultura. I toni forti sono quelli che fanno riflettere. Chi non rispetta le regole non vuole sentirli. Insorgono subito populisti e ignoranti. Siamo quelli del 61 a 0, di cui non si può andare orgogliosi, chiunque avesse vinto. Da allora non è cambiato nulla. Continuiamo ad ammirare chiunque ci prenda in giro. Insultiamo, invece, chi cerca di scuoterci dall’inedia di sudditi coloniali.

Ponzio Pilato è immortale
Boeri è un nome che purtroppo ricorre spesso negli ultimi tempi. Ci ricorda che siamo poveri e tali resteremo per i prossimi 40 anni. Suggerisce iniziative preoccupanti e infide. Per ora il taglio delle pensioni e l’abolizione dei vitalizi. Poi, chissà cos’altro. Il governo finge di dissentire. Ma non c’è da fidarsi. C’è qualcuno a dargli l’input. Il burattinaio, però, non prevedeva le sue rivelazioni inopportune. Chi è nato attorno al 1985 dovrà lavorare fino a 75 anni e percepirà, pure, una pensione ridotta. La sua ufficialità smentisce che l’Italia sia in ripresa, come ci vorrebbero far credere, e la crisi dietro le spalle. Si profilano, invece, tempi ancora più duri. È una repubblica senza controlli né equilibrio tra i poteri. Progredisce solo la riforma costituzionale, che menomerà gravemente la democrazia, e la corruzione. Senza una rivoluzione morale, non si fa un passo. Il comunista emerito continua a osannare chiunque reprima la libertà, ovunque. Del resto, il parlamento è genuflesso. Tutti tradiscono la propria fede e gli elettori. Sperano di essere riconfermati a dispetto degli italiani che non li eleggerebbero. Le garanzie sono simboliche. Come duemila anni fa, c’è anche oggi chi se ne lava le mani.

Forse è anche colpa nostra
Solo la corruzione progredisce e i partiti proliferano. Approfittando del degrado dilagante, sorgono movimenti come funghi. Chi non è d´accordo, fonda un nuovo partito. A dispetto del bipolarismo maggioritario che doveva eliminarli. Ma da noi tutto può cambiare, tranne coloro che muovono i fili. Sono sempre gli stessi. Ma noi non manifestiamo disagio. Qualcuno non si vergogna addirittura di applaudire le novità. Arrivano i fittiani, che sono ambidestri. Conservatori e al tempo stesso riformisti. Per ora fingono di contestare il padrone, che, però, ha argomenti convincenti per farli tornare all’ovile. Come gli altri finti dissidenti. C’è pure la Sinistra Italiana, quella perdente. Perché la vincente occupa adesso gli spazi lasciati vuoti dalla destra. Come se i danni provocati da una classe politica inefficiente e inadeguata non bastassero, Salvini ha pretese di premierato. L´obiettivo è l’uscita dall’Europa e il ritorno alla lira. “Che conviene lo affermano i Premi Nobel”, dice lui. Non è possibile, chissà cos’ha capito. Al nord trova consensi tra gli ignoranti e al sud tra chi si vende per pochi dinari. In confronto, Giuda era un campione di lealtà. È a quella Sicilia – allargata a gran parte dell’Italia – che Vecchioni si riferiva.

 

ALTRE NOTIZIE

Trapaniok cerca giovani disoccupati desiderosi di intraprendere l’attività giornalistica
Trapaniok cerca giovani disoccupati che vogliano intraprendere l’attività giornalistica o che sappiano gestire una redazione o l’aspetto relat...
Leggi tutto
Apertura nuovo anno scolastico: la lettera dell´Amministrazione comunale di Erice
Apertura nuovo anno scolastico
La lette...
Leggi tutto
Oltre 546 mila visitatori nel mese di agosto nei luoghi della cultura in Sicilia, con un incremento di quasi 65 mila presenze rispetto al 2020
L’Assessore Samonà: 
“Raccogliamo i frutti di un lavo...
Leggi tutto
Cantiere aperto per il restauro delle pale raffiguranti San Francesco D’Assisi e San Pietro che si trovano al Museo Pepoli di Trapani
L’Assessore Alberto Samonà
“Opportunità per seguire un ...
Leggi tutto
Pallacanestro Trapani, si ferma Simone Tomasini
La Pallacanestro Trapani comunica che il proprio atleta Simone Tomasini, a causa del problema alla caviglia sinistra...
Leggi tutto
La Sicilia celebra la Settimana del Pianeta Terra
Dal 3 all’10 ottobre in 90 siti sparsi in tutta Italia partirà la IX edizione de La Settimana del Pianeta Terra, il festival delle geoscienze c...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web