Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 03/12/2015 da Umberto Crispo

PER NON DIMENTICARE: LA STORIA DI UN MINATORE

PER
Aleksej Grigor´evič Stachanov nato a Lugovaja nel lontano 1906, è stato un minatore sovietico, cresciuto in una famiglia di contadini, dal carattere schivo e riservato, amava osservare quello che accadeva attorno a lui, e fu proprio questa caratteristica che gli ha permesso di diventare un eroe dell’impero sovietico. Possedendo pochi studi, Stachanov immaginava la sua vita futura, una vita dedita al lavoro fatta di fatica. Nel 1927 iniziò a lavorare in una delle più eccellenti miniere in fatto di estrazione, a Kadievka; lì ebbe inizio la sua “carriera da minatore”. Inizialmente ricoprì il ruolo di conducente dei carri di trasporto, e dopo ben 6 anni di osservazione, cominciò anch’egli ad estrarre il carbone, lavorando con il suo martello in prima linea; d´altronde visto il suo fisico imponente questa mansione era proprio adatta per lui. Nel 1929 da Kartashov partì l’iniziativa di ridurre il tempo di trasporto del carbone fuori dalla miniera da 8 ore a 4 ore; e da Gorlovka, invece, si sviluppò il movimento Izotovskista, basato sul principio di trasmissione delle tecniche agli operai più capaci per dividere le responsabilità e i compiti; grazie a queste due novità molte miniere sovietiche migliorarono la propria produzione, mentre nel 1935 a Centrale-Irmino le cose non andavano molto bene, difatti la miniera era rimasta indietro rispetto alla produzione delle altre minieri; per risolvere ciò si pensò di chiedere consigli agli operai, e fu quando toccò a Stachanov di esprimere il suo pensiero che avvenne la svolta; secondo lui infatti si doveva suddividere il lavoro: chi taglia via il carbone, doveva fare solo quello, dietro a chi tagliava il carbone dovevano muoversi gli sbozzatori, e fare solo quello, idem gli impalcatori ; in sostanza un lavoro organizzato dove ogni operaio doveva svolgere solo ed esclusivamente una singola mansione. Il capo-miniera Petrov prese in considerazione il consiglio di Stachanov, e il 30 Agosto di quell’anno lo invitò a mettere in pratica la propria idea; e fu grazie a quell’idea che Stachanov riuscì ad estrarre 102 tonnellate di carbone in cinque ore e 45 minuti, superando quattordici volte la media; impresa che riusci con l’aiuto di due persone guidate da lui, che costruivano i puntelli e Petrov che pensava all’ illuminazione, mentre lui quasi ininterrottamente estraeva carbone con il suo martello pneumatico. L’impresa fu ripetuta e migliorata a Settembre dello stesso anno, quando Stachanov riuscì stavolta ad estrarre 227 tonnellate. Tutto fu subito comunicato al comitato centrale, e presto tutto la Russia venne a conoscenza di ciò che era riuscito a compiere Stachanov, che da lì a poco diventò l’eroe simbolo della Russia. Le sue imprese le cambiarono la vita, il Partito decise di rendergli onore attraverso una serie di riconoscimenti: l’iscrizione nel registro d’onore dei migliori minatori della città; un premio in denaro di 220 rubli(circa due mensilità); un nuovo appartamento, con tanto di arredamento, cuscini; tappeti, un pianoforte a coda; un voucher per una vacanza al mare con la moglie in Crimea; e, novità assoluta, un telefono; due abbonamenti (per lui e la moglie) per tutta la vita al circolo culturale e al cinema; e poi, i titoli sui giornali, finì perfino sulla copertina di “Time”. Dopo sotto l’ala di Stalin, fu mandato a studiare all’Accademia Industriale, e successivamente arrivò a dirigere il ministero dell’ Industria del Carbone e divenne deputato al Soviet supremo dell´Urss. Purtroppo la sua gloria terminò quando salì al potere Kruscev, che con l’intento di cancellare ogni traccia del governo precedente, prima lo esiliò da Mosca, vietandone il ritorno, e dopo lo esiliò nuovamente nel Donbass, a Torez, dove diventò assistente dell’ingegnere capo nell’amministrazione e rimase solo, perché durante l’esiliò la famiglia non gli rimase accanto; morì nel 5 novembre del 1977, ormai dimenticato da molti in una Russia lontana dal socialismo. Un nome glorioso il suo, che fu ed è tutt’ oggi studiato dai ragazzi in tutte le scuole; per tutti i Russi lavoratore socialista instancabile; simbolo del riscatto di un comune operaio e di un’idea; ed esempio per tutti i lavoratori di oggi.

 

ALTRE NOTIZIE

Ustica, inaugurata la casa dell´acqua
 Il sindaco Militello: "Questa iniziativa rientra a pieno titolo nella promozione di comportamenti ecologicame...
Leggi tutto
Approvati 4 progetti per l´adeguamento e la messa in sicurezza di palestre scolastiche
Nella giornata di ieri, la Giunta municipale guidata dal sindaco Tranchida ha approvato 4 progetti per l’adeguamento e la messa in sicurezza di palest...
Leggi tutto
Tre iniziative culturali in Sicilia per rendere omaggio ad Aurelio Pes
Segesta, Naxos e Palermo: tre momenti dedicati ad Aurelio Pes, fra teatro, musica e dibattiti L’Assessore Samonà: “Un doveroso omaggio all’uom...
Leggi tutto
UIl, il Sud si rilancia con le risorse stanziate dall´Unione Europea
 
Leggi tutto
Svelato il Trofeo Luigi Fagioli 2021 nel ricordo del direttore Cecilioni
Tutte le novità dell´edizione 2021 in formato internazionale con oltre 200 iscritti e la diretta su Aci Sport Tv sono state presentate in...
Leggi tutto
Carenza medici di bordo, lettera aperta di Confitarma e Assarmatori al Ministro della Salute
Mario Mattioli, Presidente di Confitarma, e Stefano Messina, Presidente di Assarmatori, hanno inviato una lettera aperta al Ministro della Salute, On....
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web