Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 20/11/2015 da REDAZIONE REGIONALE

LABORATORIO PROPOSITIVO PERMANENTE

LABORATORIO
Ordine degli Architetti PPC, Ordine degli Agronomi e Forestali, Ordine Regionale dei Geologi
di Sicilia, Collegio dei Geometri, Collegio dei Periti Industriali, Confindustria, Ance, Cgil, Cisl,
Uil, Legambiente dei Peloritani, Inbar, Fondazione Architetti nel Mediterraneo, Inarsind,
Un.I.Coop Messina, Collegio Interprovinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati di
Messina - Enna

In un proliferare di interventi, prese di posizione, valutazioni più o meno pertinenti, reputiamo
opportuno dare questo contributo con l’obiettivo di “ricordare” alcuni fatti, cosi come registratisi dal mese
di marzo 2014 all’agosto dello stesso anno e relativi ad uno dei temi più importanti che il nostro territorio
affronta da anni, legato com’è, in generale, alle politiche di sviluppo strategico dell’Area dello Stretto e, in
particolare, riguardanti il Piano di Riforma della Portualità e della Logistica Italiana e, quindi, alle sorti dell’
Autorità Portuale di Messina.
E la rivisitazione dei fatti accaduti parte dal mese di Marzo 2014 perché in quel periodo si registra a
Messina, a nostro avviso, un momento storico per la città, rappresentato dalla volontà e dalla capacità di
molte forze vive della stessa (Ordini Professionali, Imprenditori, Sindacati, Associazioni Ambientaliste e di
Professionisti, Cooperative - riuniti nel Laboratorio Propositivo Permanente -) di stare insieme attorno ad
un tavolo – coadiuvati da docenti universitari esperti del settore -, dibattendo ed approfondendo temi e
problemi cogenti, riuscendo a fare sintesi nella condivisione delle strategie da sposare e da consegnare ai
rappresentanti istituzionali (Governo regionale, Parlamento regionale, Amministrazione Comunale,
Deputazione Nazionale e Regionale, Amministratori di Enti) del territorio.
Rappresentanti istituzionali, che, proprio nel mese di Agosto, furono chiamati a raccolta dal
Laboratorio Propositivo Permanente e, sensibili alle sollecitazioni, si affiancarono al tavolo, creando nei fatti
quel “Sistema Messina” da sempre auspicato dai più.
La posizione che fu condivisa da tutti i partecipanti al tavolo di confronto si può cosi sintetizzare:
1. verificare la fattibilità, come soluzione al problema dell’accorpamento (all’epoca ventilato) con
Catania, di Messina che mantiene la sua Autorità Portuale nella sua attuale configurazione, estesa
fino ad includere Villa San Giovanni e Reggio Calabria; soluzione caldeggiata dal “Sistema Città” in
relazione al fatto che le specificità geografiche dell’Area dello Stretto, avente tutte le potenzialità
per assurgere a polo di eccellenza intermodale dei trasporti, unite ad una innovazione e ad un
potenziamento delle infrastrutture di comunicazione, avrebbero potuto e dovuto essere governate
da un unico sistema;
2. in alternativa e solo nelle ipotesi della impraticabilità della prima soluzione, un accorpamento con
Gioia Tauro come premessa imprescindibile per portare comunque a soluzione il nodo legato al
governo dell’Area dello Stretto e concretizzare con atti chiari ed inequivocabili quei processi di
integrazione di Messina e Reggio auspicati dai più.
Ebbene, nella bozza di decreto esitata alla fine del mese di Agosto dall’allora Ministro Lupi, Messina
risultava accorpata a Gioia Tauro in una Autorità in cui traspariva la valenza dell’Area dello Stretto.
Si sostanziava di fatto, come in rarissime precedenti occasioni, la volontà di una Città che era riuscita a
farsi ascoltare nelle sue valutazioni ed esigenze.
Da allora i fatti sono sotto gli occhi di tutti: è stato rimesso in discussione tutto, senza che nessuno di
coloro che ne avevano le possibilità (avendo conoscenza dei fatti) abbia sentito l’esigenza di informare la
“Città” delle circostanze nuove (ma quali sono?? sono legate, per caso, alla volontà dei pochi rispetto a
quella dei più?), circostanze che, se conosciute per tempo avrebbero potuto e dovuto portare il “Sistema
Messina” a riattivare il confronto interno, propedeutico alla necessaria ripresa, con rinnovata forza, di una
interlocuzione con il Governo mirata a ribadire, eventualmente, le posizioni già espresse.
Ribadire, perché nessuno dei soggetti presenti ad Agosto 2014 al tavolo e costituenti il Laboratorio
Propositivo Permanente ha poi formalmente espresso dubbi o cambi di posizione.
E allora? Cosa succede? E’ possibile che, come pare, tutto si riduca al problema di individuare il
nominativo di colui che dovrà presiedere la nuova Autorità Portuale? Questo sarebbe l’ultimo dei problemi
che interessano ai messinesi.
E la posizione condivisa dal “Sistema Messina” poco più di un anno fa non può che uscire rafforzata
ancora oggi alla luce, tra l’altro, del raddoppio del Canale di Suez; lo Stretto di Messina si è rafforzato di una
posizione strategica che può e deve rappresentare la nuova frontiera per un piano di sviluppo economico e
sociale che punti sul trasporto marittimo.
Messina non può e non deve accettare che “altri” decidano al Suo posto,negando alla città di “fare
sistema”, di collegarsi a realtà come il porto di Gioia Tauro per giocarsi nel modo migliore le carte di una
piattaforma logistica, capace di attrarre merci e capitali in arrivo, appunto, da Suez e dell’area del vicino
Oriente.
Messina, lì 19 novembre 2015
Per il Laboratorio Propositivo Permanente
Il Coordinatore
Arch. Giovanni Lazzari

 

ALTRE NOTIZIE

Green Valley pop-fest: i multiplatino Merk & Kremont si aggiungono alla Line-up.
Il duo di producers multiplatino Merk & Kremont, formato da Federico Mercuri e Giordano Cremona, con più di tre milioni di ascoltatori ...
Leggi tutto
Petrosino. Sorpreso ad asportare rame dalla rete pubblica: arrestato.
I Carabinieri della Stazione di Petrosino hanno arrestato, ieri, un pluripregiudicato 40enne per tentato furto aggravato. I militari dell’Arma, in ser...
Leggi tutto
Il 14 giungo si terrà a Partinico il convegno "In principio erano i pomodori. Storia di diritti, doveri e nuova cittadinanza"
Il 14 giugno alle ore 17.00 presso l’atrio del Palazzo dei Carmelitani a Partinico in c/so Dei Mille 252 si terrà il convegno: “IN PRINCIPIO ER...
Leggi tutto
A Scopello, la due giorni di degustazioni "Tastavino"
Una due giorni di degustazioni, attività e musica: al via oggi, venerdì 31 maggio, nella piazza del borgo di Scopello, la prima edizione...
Leggi tutto
Erice. Commemorato il 32° anniversario della morte del Carabiniere Gennaro Esposito
E´ stato celebrato questa mattina il 32° anniversario della morte del Carabiniere Gennaro Esposito, avvenuta nel 1992 -durante il servizio nottu...
Leggi tutto
Favignana. Vietato circolare in costume da bagno in centro.
Con ordinanza sindacale, in vigore dalll´1 giugno, è stato disposto dal primo cittadino, il divieto di circolazione in costume e a torso ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web