Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 07/11/2015 da REDAZIONE REGIONALE

PACECO, CHIESTO LO STATO DI CALAMITÀ NATURALE PER LA FRAZIONE DI DATTILO

PACECO,
Per il nubifragio del 15 ottobre scorso, la Giunta avvia censimento per la stima dei danni

Il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la frazione di Dattilo, è stato richiesto al presidente della Regione, in relazione al violentissimo nubifragio che lo scorso 15 ottobre ha colpito il territorio comunale di Paceco.
La richiesta è stata deliberata dall’Amministrazione comunale, in considerazione dei danni provocati dall’evento atmosferico di eccezionale intensità, che – si ricorda – era stato preannunciato con lo stato di allerta “Rosso” dal Dipartimento regionale della Protezione civile, tanto da indurre il sindaco Biagio Martorana ad emettere tempestivamente un’ordinanza per la chiusura delle scuole nella giornata del 15 ottobre.
Nel provvedimento viene rimarcato che, in occasione del nubifragio, “l’esondazione di canali del Demanio Idrico Fluviale e la creazione di veri e propri fiumi di fango sulle strade di Dattilo, hanno causato gravissimi danni al patrimonio pubblico e privato, ed in particolare ai fabbricati civili, alle infrastrutture connesse alle attività agricole ed artigiane, nonché alle colture agricole (interi vigneti a spalliera sono stati praticamente spazzati via), nonché la morte di alcuni animali”. Inoltre, “la violenta forza dell’acqua frammista a fango, ha causato ulteriori danni ad infrastrutture pubbliche, ed in particolare alle strutture collaterali e di sostegno della via Garibaldi di Dattilo e di altre vie della stessa frazione, come ad esempio la Strada provinciale del Sapone nel tratto della via Libertà”.
Per quantificare l’entità dei danni, in modo da poter fornire una stima complessiva alla Regione, l’Amministrazione di Paceco ha deliberato la predisposizione di un avviso pubblico e di un modello per le segnalazioni da parte della cittadinanza, per avviare “un censimento specifico dei danni riportati”.
“Fino allo scorso 21 settembre, con nota indirizzata al Dipartimento dell’Ambiente dell’Assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente, erano stati sollecitati interventi di manutenzione sul Demanio Idrico Fluviale del territorio di Paceco, comprese le frazioni di Dattilo e Nubia, precedentemente richiesti all’Ufficio del Genio Civile competente – viene evidenziato dall’Amministrazione – perché, a parte le problematiche di carattere idrico e idrogeologico insistenti sulla frazione di Dattilo, nel caso della frazione di Nubia i maggiori rischi derivano dalla mancata manutenzione e pulizia, da parte dello stesso Dipartimento dell’Ambiente, dell’alveo del canale che dalla via Campo Sportivo conduce alla via Salinella e di quello lungo la SP21 e lungo le vie Garibaldi e Verdi di Nubia, nonché la mancata reinstallazione (più volte evidenziata in varie riunioni di Protezione civile tenute in Prefettura) di una valvola tra il torrente Verderame e la parte terminale del sistema di canali della frazione. Per quanto riguarda Paceco, invece, i maggiori rischi derivano dalla mancata pulizia e manutenzione dell’alveo del Torrente Baiata, da parte del Dipartimento dell’Ambiente e del Dipartimento dell’Acqua e dei Rifiuti”.
Per sopperire alle mancate risposte degli enti competenti, a tutela della pubblica incolumità, il quinto settore Lavori Pubblici del Comune di Paceco, la scorsa estate ha comunque provveduto, con uno specifico appalto, ad effettuare una preventiva manutenzione e pulizia di numerosi canali del territorio, compreso quello che, con l’esondazione dello scorso 15 ottobre, ha causato i maggiori danni: il tratto di canale all’interno del centro urbano di Dattilo, e specificamente il sottopassaggio in corrispondenza della via Garibaldi ed il sottopassaggio in corrispondenza di via della Repubblica. “L’intervento di pulizia – viene spiegato – si è purtroppo rivelato del tutto insufficiente, a causa della mancata manutenzione a monte, da parte dell’ente competente sul Demanio Idrico Fluviale, del canale che si sviluppa lungo tutte le contrade della zona di Regalbesi, nonché della mancata manutenzione e pulizia a valle, nel sottopasso della diramazione della A29 nel tratto recintato dell’ANAS. Tali mancati interventi si sono ripercossi sulla frazione di Dattilo: da monte, con l’arrivo di una grande quantità di detriti minerali e vegetali, e da valle, con l’ostruzione in corrispondenza del sottopasso della A29 che ha determinato un aumento del livello dell’acqua nell’alveo del canale fino alla sua esondazione”.
La criticità della via Garibaldi di Dattilo e dei canali demaniali limitrofi, era già stata sottolineata dal Comune di Paceco lo scorso 6 luglio, quando furono trasmesse alla Regione le schede necessarie alla ricognizione per il ripristino del patrimonio pubblico, dopo le alluvioni dello scorso inverno. Intanto, a salvaguardia della pubblica incolumità, con ordinanza del 16 giugno 2015, il sindaco Biagio Martorana ha dovuto disporre la chiusura di un tratto della Via Garibaldi, a Dattilo Soprano, a causa di frane di carattere alluvionale. “Si tratta di una strada di fondamentale importanza per l’economia del territorio, normalmente interessata da un notevole traffico per il collegamento con la Statale 113, anche da parte del trasporto pubblico di linea, – si ribadisce nel documento trasmesso al presidente della Regione – e quindi il permanere di tale chiusura sta comportando notevolissimi disagi per la cittadinanza e gravissimi danni alle attività economiche di Dattilo. Gli abitanti della frazione hanno trasmesso agli uffici comunali una petizione popolare, lo scorso 2 ottobre, con cui si richiedono urgenti interventi per la riapertura della strada, ma è tuttora facilmente visibile l’avanzare del fronte franoso ed il progressivo peggioramento delle condizioni della strada, la cui messa in sicurezza definitiva potrà difficilmente essere realizzata con gli esigui fondi per investimenti presenti nel bilancio comunale”.
A questo aspetto, si aggiunge che “dopo gli eventi atmosferici del 15 ottobre scorso, diverse famiglie di Dattilo, tra via Garibaldi, via Formosa e via della Repubblica, sono rimaste isolate a causa della contemporanea chiusura del tratto della via Garibaldi di Dattilo Soprano, già interessato dalle frane, e dell’assoluta impraticabilità del tratto di strada a valle, completamente invaso dal fango ed interessato dall’esondazione del canale demaniale, in corrispondenza del ponte ubicato in prossimità dell’incrocio tra via Garibaldi e via della Repubblica di Dattilo”. Tre squadre di operai sono tuttora impegnate nel lavori di pulizia e sistemazione delle strade della frazione.
Per tutte queste ragioni, l’Amministrazione comunale di Paceco ha chiesto al presidente della Governo regionale, “il riconoscimento dello stato di calamità naturale per il territorio di Paceco, al fine di procedere al ripristino, recupero e pagamento dei danni provocati al patrimonio pubblico e privato, e all’eliminazione delle condizioni di rischio per l’incolumità della cittadinanza di Dattilo, determinate anche dalle potenziali condizioni di isolamento cui può essere costretta buona parte della popolazione della stessa frazione, a causa della chiusura della strada”.
La delibera, immediatamente esecutiva, è stata trasmessa al Governo regionale, ma anche al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, alla Prefettura di Trapani, al commissario del Libero Consorzio Comunale di Trapani, al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Trapani, al Comando del Corpo Forestale di Trapani, alla Protezione civile regionale e nazionale, all’Anas, ai sindacati e alle associazioni degli agricoltori della provincia di Trapani.

 

ALTRE NOTIZIE

Al via dal 13 dicembre al Servizio Civile Universale della rete A.N.A.S
Come da programma a partire dal 13 dicembre 2022 prenderanno servizio, presso le sedi di riferimento in Sicilia, Puglia e Basilicata, i volontari risu...
Leggi tutto
Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità dona una talea dell’Albero Falcone all’istituto comprensivo “Renato Guttuso” di Carini
Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità di Reggio Calabria che svolge attività di gestione, tutela e conservazione della Foresta demania...
Leggi tutto
TRAPANI: RAPINA AGGRAVATA E LESIONI PERSONALI. SCATTA IL PROVVEDIMENTO PER UN 24ENNE
I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di ...
Leggi tutto
Palermo, a 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon: conferenza di BCsicilia
In occasione dei 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon BCsicilia, in collaborazione con la Rettoria di San Francesco Saverio, organizza...
Leggi tutto
Termini Imerese, Corso di analisi sensoriale: quarta lezione dedicata al vino
Si terrà venerdì 25 novembre 2022 dalle ore 16,30 alle ore 19,30 la quarta e ultima lezione del Corso di analisi sensoriale dedicata al ...
Leggi tutto
"Acchianata Ecologica", si svolgerà a Palermo il 4 dicembre la grande manifestazione di Confcommercio per l´ambiente e contro il degrado
Si svolgerà domenica 4 dicembre la “Acchianata Ecologica”, la grande manifestazione per l’ambiente organizzata da Confcommercio Palermo, che er...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web