Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 20/10/2015 da REDAZIONE REGIONALE

FONDI DI SOLIDARIETÀ EUROPEI. LA SICILIA NON ACCEDE PERCHÉ NON CONVIENE A POLITICI E BUROCRATI

FONDI
La denuncia è dell’europarlamentare M5S Ignazio Corrao: “La Sicilia non riceve le risorse di Bruxelles perché ignorata dal governo nazionale, regole certe e chiare toglierebbero la mangiugghia agli amici degli amici”

Bruxelles 20 Ottobre 2015 - “Non occorre chissà quale genio vedere che la Sicilia sta andando a rotoli. La conoscenza delle possibilità che l’Europa mette sul piatto però fanno capire che questa situazione è creata artatamente dal continuo conflitto tra il presidente Crocetta e il governo italiano, che fanno finta o peggio non conoscono sul serio gli strumenti che ci consentirebbero di uscire da questa penosa situazione”. In questi termini l’europarlamentare siciliano Ignazio Corrao bacchetta il governo Crocetta e il governo rappresentato da Renzi per il mancato utilizzo dei fondi europei messi a disposizione degli stati membri in caso di situazioni straordinarie o emergenziali. “Facendo una cernita dei moltissimi fondi europei che la regione potrebbe utilizzare ne analizzeremo due, in particolare: il FSUE e il FEG. Il primo serve per un rapido indennizzo da Bruxelles in caso di eventi calamitosi naturali, come il maltempo che a più riprese ha flagellato la Sicilia mettendo di fatto in ginocchio i collegamenti, ed il secondo, il Feg è la misura utilizzabile per lavoratori collocati in esubero e dei lavoratori autonomi la cui attività sia cessata in conseguenza di trasformazioni rilevanti della struttura del commercio mondiale dovute alla globalizzazione. Ebbene in Sicilia tra Termini Imerese, Fiat e indotto; Gela – Raffineria Eni e indotto e Palermo; Almaviva Call center la misura coinvolgerebbe ben 20 mila famiglie. Ebbene – spiega Corrao - partendo dai danni provocati dagli eventi meteorologici straordinari, che si stanno abbattendo sulla Sicilia da più di 15 giorni, non si riesce a comprendere cosa si aspetti a chiedere l’intervento dell’Europa per il rispristino delle infrastrutture di comunicazione, degli ospedali e gli edifici pubblici danneggiati, del già pietoso stato delle fognature dei comuni siciliani. Basti pensare che finora sono stati erogati oltre 3.7 miliardi di euro a favore di 24 paesi europei, per un totale di 70 interventi in risposta a diversi tipi di catastrofi, tra cui inondazioni, incendi forestali, terremoti, tempeste e siccità. In Italia, per esempio, oltre agli interventi post terremoto in Abruzzo, la Sardegna ne ha saputo approfittare. Il 18-19 novembre 2013 la Sardegna (Italia) è stata colpita da fortissime piogge che hanno fatto esondare i fiumi provocando inondazioni e frane. Le case private, le imprese e il settore agricolo sono risultati gravemente danneggiati e si è registrata una grave interruzione di vie di comunicazione grandi e piccole e di importanti reti infrastrutturali pubbliche. Sono stati registrati 16 decessi, più di 1.700 persone sfollate e un disperso. Se non fosse per il conclamato disinteresse politico da parte del governo o per la riconosciuta incapacità della classe dirigenziale della burocrazia regionale, come siciliani, potremmo anche farcene una ragione. Ma in realtà dietro alla non richiesta di intervento del FSUE c’è la volontà di non richiederli e utilizzarli. Richiedere e utilizzare il FSUE richiede una rapida capacità di inventario dei danni, di progettazione degli interventi necessari, l’impiego dei fondi, il pagamento e la certificazione della spesa ai sensi del regolamento che disciplina il fondo. E secondo voi tutte queste regole chiare permetterebbero le passarelle di assessori, deputati, senatori, ministri e sindaci? Permetterebbero di assegnare progettazioni e lavori pubblici emergenziali alle cooperative o alle imprese degli amici?” – Conclude Corrao.


 

ALTRE NOTIZIE

La regina Elisabetta sul clima come Greta Thunberg: il fuorionda in cui si lamenta del mancato agire dei leader
La regina Elisabetta come Greta Thunberg: basta col bla bla sul clima, è ora di agire. Lo straordinario fuorionda della sovrana britannica &egr...
Leggi tutto
La violinista castellammarese Laura Sabella a Dubai con l´Orchestra sinfonica nazionale dei conservatori italiani.
Il sindaco Nicola Rizzo si congratula con la violinista castellammarese Laura Sabella, che si esibirà domenica 17 ottobre al Dubai Millennium A...
Leggi tutto
Scuola, l´UGL: riforme e investimenti, belle parole e molte perplessità!
Le indicazioni fornite dal ministro Bianchi, relativamente agli interventi previsti per la scuola nell’ambito del PNRR, devono essere accolte con molt...
Leggi tutto
Casalgrande Padana vs Ac Life Style Erice 28-33
CASALGRANDE. Seconda vittoria consecutiva per l’Ac Life Style Erice, che dopo 21 giorni dall’ultima gara disputata, ha espugnato il campo della Casalg...
Leggi tutto
No Green pass, 5mila in corteo a Milano: scontri davanti alla Centrale. Fermate 4 persone
Milano - Si è disperso intorno alle 21.30 il corteo contro il green pass a Milano dopo ore di protesta in varie zone della città. In cen...
Leggi tutto
Fondazione Teatro Pirandello, il SAGI chiede di procedere con selezione pubblica per la nomina dell´addetto stampa.
Il Sindacato SAGI esprime le sue critiche e perplessità in ordine alla scelta effettuata nel giugno scorso da...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web