Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 26/08/2015 da REDAZIONE REGIONALE

SOLE24H - NEL LIBRO DI ROBERTO NAPOLETANO ´NUOVO VIAGGIO IN ITALIA´ LA SICILIA CONTRIBUISCE ALLA RINASCITA DEL PAESE

SOLE24H
LA SICILIA CONTRIBUISCE ALLA RINASCITA DEL PAESE
Lo racconta il Direttore del Sole 24 Ore 
Roberto Napoletano nel suo libro
“NUOVO VIAGGIO IN ITALIA”

In viaggio da Nord a Sud alla scoperta delle persone e dei luoghi di un’Italia che ha la voglia ed il coraggio di ripartire

“Tutto esaurito”. È questa la risposta di numerosi albergatori in alcune zone della Sicilia come San Vito Lo Capo, Favignana, Ragusa. Grande successo anche per le Isole Eolie che hanno registrato un incremento di presenze attestato attorno al 15% nei mesi di maggio e giugno.
È un’estate che sembra aver fatto bene alla Regione Sicilia. Eppure tutto questo era già stato pronosticato dai sondaggi; infatti, lo scorso giugno, una ricerca di Confesercenti/SWG, aveva chiarito che il Sud si riconferma una delle mete turistiche più ambite, collocando la Puglia e la Sicilia ai primi posti della classifica.

A credere nelle potenzialità del sud del Paese è il Direttore del Sole 24 Ore Roberto Napoletano, che nella sua ultima pubblicazione “Nuovo Viaggio in Italia”, ora in libreria, racconta una ripresa dell’Italia possibile, a condizione che il punto di partenza sia fissato nel Mezzogiorno: “Sono certo che questa Italia bella, forte, con il suo capitale di talento e di creatività, ci sarà e, per tornare a esserci, dovrà ripartire proprio dal suo Sud”.
Attraversando il Mezzogiorno infatti, Roberto Napoletano descrive un luogo ricco di contraddizioni, in cui senza dubbio regnano spaesamento, confusione e disordine ma, al tempo stesso, è facile imbattersi in una terra popolata da artigiani e imprenditori che nel corso degli anni hanno valorizzato l’italianità, in alcuni casi perfino esportandola all’estero.

E il Direttore del Sole 24 Ore la racconta nel suo libro, questa italianità, attraverso le storie di italiani veri e semplici che, dal nord al sud della Penisola, non si arrendono alla quotidianità difficile di questi ultimi anni e contribuiscono ogni giorno a costruire una nuova “primavera” del nostro Paese.
Ci è riuscito Giovanni De Lisi, studente palermitano che abbandona la facoltà di Giurisprudenza per lavorare come operaio nella ditta del padre. In fabbrica, Giovanni si occupa di costruzione e manutenzione di materiali ferroviari, ed è proprio in quel contesto che riesce a maturare un’idea precisa: progettare delle traversine ferroviarie di plastica riciclata. Quello che era un semplice progetto, grazie al coraggio di Giovanni è divenuto realtà: il suo brevetto ora ha coperto 148 Paesi nel mondo. E in questa storia di riscatto, Roberto Napoletano lascia parlare il protagonista: “La nostra strategia dioggi, però, è quella di spingere sull’estero, siamo molto avanti in diversi Paesi, credo che questa strada ci darà soddisfazione e sancirà l’accredito internazionale di cui abbiamo bisogno.”
Giuseppe Patané, invece, ha lasciato la sua terra, Acireale. Ha deciso di raggiungere Milano, inseguendo il sogno di una laurea in Giurisprudenza. La città meneghina è molto diversa dal Sud a cui è abituato: è un mondo fatto di sacrifici, di sveglie mattutine, di trionfi e delusioni. Ogni giorno, lo studente siciliano trova di fronte a sé un numero impressionante di coetanei che si dà da fare, si impegna, che si mette alla ricerca del proprio posto nel mondo. È assurdo, confida Giuseppe al Direttore del Sole 24 Ore, che la cronaca si occupi esclusivamente dei ‘Neet’ (quella categoria di persone non impegnate nello studio, né nel lavoro e né nella formazione): la verità è che esiste in Italia una generazione di persone che non rinuncia a combattere, giorno dopo giorno.
“Forse, a ben pensarci, - scrive Napoletano nel suo libro - sono proprio questi ragazzi partiti dal Sud estremo, con tanta voglia di fare e determinazione, una delle speranze più grandi per un’Italia che vuole rialzare la testa. Hanno più ‘fame’ degli altri e solo Dio sa quanto il Paese ha bisogno di quella ‘fame’. Per contribuire a rifare l’Italia non a chiacchiere e, magari, un giorno anche a Ragusa in un’altra Italia che decida per una volta di cambiare iniziando dal Sud e non dal Nord.”
“Nuovo viaggio in Italia” è disponibile nelle librerie da giugno 2015.
Caratteristiche tecniche del libro:
“Nuovo viaggio in Italia”, di Roberto Napoletano
Edizioni Best BUR
Pagine 376
Euro 11,00

 

ALTRE NOTIZIE

Mazara del Vallo – La Polizia di Stato arresta quarantaduenne marsalese per una rapina a una attività commerciale del centro storico mazarese.
Non conosce soluzione di continuità l’attività di contrasto alla criminalità condotta dagli age...
Leggi tutto
Lezioni di teatro online con la drammaturga Lina Prosa
Lezioni di teatro online
con la drammaturg...
Leggi tutto
Coronavirus, parte il Corso di psicoprofilassi al parto Online del Consultorio familiare di Alcamo
Sono nove le future mamme che hanno partecipato al primo incontro del Corso di psicoprofilassi al parto Online o...
Leggi tutto
Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà senza smart working Digitalizzazione prioritaria per il 67%
Ricerca “Future of Work 2020” di Osservatorio Imprese Lavoro Inaz e Business International
Leggi tutto
IL SINALP INVITA I SICILIANI A DENUNCIARE IL FEDERALISMO DEI RICCHI
Questo Governo Nazionale continua imperterrito nella distruzione del Sud facendo propria, al contrario, la famosa ma...
Leggi tutto
Giornata internazionale delle persone con disabilità 2020
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani vuole ricordare che il prossimo 3 dicem...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web