Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 06/08/2015 da REDAZIONE REGIONALE

FESTIVAL I ART - PAESAGGI CONTEMPORANEI

FESTIVAL
Nelle antiche “purrere”, le cave di tufo di Sambuca, nascono i “Paesaggi contemporanei”

Entrare nelle antiche “purrere” e scoprirvi attori, danzatori di liscio, acrobati e persino degli escursionisti esperti di trekking. Intrufolarsi nel dedalo fitto di cunicoli arabi che conduce alle antiche cave di tufo da cui i “purriaturi” scavavano i materiali: un itinerario della memoria che si nutre di tradizioni, lavori manuali, fatica, cicli vitali come può essere quello del grano o quello del vino. Siamo nell’antica Zabut, ovvero a Sambuca di Sicilia nell’Agrigentino, dove il quartiere arabo ospiterà – da sabato 8 a lunedì 10 agosto, ogni sera dalle 21 alle 23 - performance, teatro, musica, danza, videomapping, proiezioni. E’ la seconda tappa di “Paesaggi contemporanei”, il progetto di Pino Di Buduo del Teatro Potlach, nato in collaborazione con artisti e associazioni locali, in seno al festival I ART, finanziato con fondi europei, ideato e diretto dall’associazione I WORLD, con capofila il Comune di Catania. Un’immersione totale nel mondo dei beni immateriali, come è già stato ai Cantieri della Zisa a Palermo e come si ripeterà dal 28 al 30 agosto tra palazzo Biscari e il cortile Platamone, nel cuore storico di Catania. Il “patrimonio culturale vivente” sarà la chiave per leggere le performance che prenderanno vita nelle antiche purrere”, spiega Pino Di Buduo. Le purrere (o pirrere) sono cave tufacee nate sotto le case del quartiere arabo di Sambuca, a cui il Comune sta dedicando grande attenzione visto che presto aprirà un percorso di visite guidate per pochi spettatori alla volta. L’antica Zabut prese il nome dall’emiro Al-Chabut, “lo splendido”, che edificò il castello-fortezza oggi distrutto, attorno cui si dipanava il quartiere saraceno delle “sette vanedde”, ancora visibile, e da cui partiva la fitta rete di cunicoli sotterranei che collegavano le cave, valida via di fuga in caso di attacco. In epoca medievale gli stessi cunicoli furono trasformati in sepolture e carceri, oggi la rete è interrotta dalle fondamenta delle case. Un’altra cittadina sotto quella moderna, di fatto, che “Paesaggi contemporanei” permetterà di scoprire: il percorso, che partirà da via Navarro, si introdurrà nel Saraceno 3, il primo degli antichi sette vicoli arabi. Poi si arriverà a via Fantasma, dove sorge il Rosario, chiesa fondata dai Gesuiti nel 1400 per allontanare gli spettri; quindi si toccherà l’antica San Pietro (che sorge sui resti del castello arabo dell’emiro, poi chiesa cristiana dell’Assunta sotto i Beccadelli di Bologna, poi Matrice danneggiata e chiusa dopo il terremoto del ‘68, oggi aperta solo in occasioni speciali) sulla cui facciata prenderà vita il videomapping; e si proseguirà per il luogo dove sorgeva la chiesa di San Giorgio (danneggiata dal terremoto, demolita e mai più ricostruita). Il percorso si srotolerà su più livelli, entrando ed uscendo dalle “purrere”. Un itinerario (costruito con la collaborazione di Antonella Munoz Di Giovanna - assistente al centro polivalente di sostegno ad I ART) di circa 400 metri che trasformerà i luoghi, i vicoli, le stradine, i cortili e i cunicoli in grandi palcoscenici, in cui si potrà assistere, in contemporanea, a rappresentazioni del cast del Teatro Potlach, e alle performance di artisti e associazioni locali.

“L’obiettivo principale di Paesaggi Contemporanei, in linea con l’intero progetto I ART, è quello di riscoprire, enfatizzare e valorizzare, attraverso l’arte, gli spazi urbani, gli aspetti nascosti e resi invisibili dal quotidiano, oltre che, naturalmente, l’immenso patrimonio immateriale della Sicilia, donando così agli spettatori itineranti, una nuova e rinnovata emozione all’idea statica di tradizione”, spiega l’ideatore di I ART, Lucio Tambuzzo.

Uno spettacolo coinvolgente, totale, itinerante, multidisciplinare e multimediale in cui lo spettatore ha un ruolo fondamentale: insieme agli artisti, si trasforma in un viaggiatore-esploratore dei paesaggi contemporanei della propria memoria e della propria città. Punto di partenza, gli scatti del fotografo Melo Minnella che da anni documenta le tradizioni siciliane più autentiche, e le ricerche di Ignazio Buttitta Da questo bagaglio visivo e documentario è partito il progetto del Teatro Potlach: il metodo è sempre quello di “far parlare” lo spazio raccogliendone le suggestioni, come il Potlach fa da oltre 40 anni, da quando fu fondato nel 1976 da Pino Di Buduo e Daniela Regnoli. Torce, luci colorate, giocoleria, videomapping, tessuti bianchi ridisegnano gli spazi.

Ufficio Stampa - Per Industria 01
Carmela Grasso | mela grasso@gmail.com
PALERMO. Simonetta Trovato |simonettatrovato@libero.it

 

ALTRE NOTIZIE

ALCAMO. I CARABINIERI ARRESTANO UN 27ENNE: AVEVA DANNEGGIATO L’AUTO DEL SUO RIVALE IN AMORE
I Carabinieri della Stazione di Alcamo, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato nella flagranza dei reati di porto abusi...
Leggi tutto
TRAPANI. CONTROLLO DEL TERRITORIO: I CARABINIERI DENUNCIANO 6 SOGGETTI PER VARI REATI
Nella giornata di ieri, 19 ottobre 2020, i Carabinieri della Compagnia di Trapani, hanno condotto un servizio di controllo straordinario del territori...
Leggi tutto
BORSA DI STUDIO - SuperNews
Università, opportunità borsa di studio per un milione di studenti italia...
Leggi tutto
La Sicilia dell’innovazione a Smau
La Sicilia dell’innovazione a Smau
Quindici le...
Leggi tutto
Dan John apre un punto vendita a Trapani e cerca personale
Dan John apre un punto vendita a Trapani e cerca personale
Leggi tutto
Fondazione Nicola Trussardi, Milan | LAST WEEK: Ragnar Kjartansson – THE SKY IN A ROOM | on view until October 25, 2020
FONDAZIONE NICOLA
TRUSSARDI
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web